Venerdì 21 Settembre 2018
   
Text Size

Il Parco dedicato ai Martiri delle foibe è...blindato!

Parco Martiri delle foibe 2

Letteralmente “blindato” il parco giochi del quartiere “Sacro Cuore”: non per ragioni di sicurezza ma per questioni elettoralistiche dato che attorno alla cancellata sono stati fissati i pannelli metallici per la propaganda elettorale in vista delle Elezioni Politiche del 4 marzo.

Peccato che la orribile blindatura coincida proprio con il Giorno del Ricordo delle vittime delle foibe e degli esuli istriano-giuliano-dalmati a cui quel Parco è dedicato.

Fu, guarda caso, la Di Medio, nel febbraio di sette anni fa, a volere la dedicazione del Parco con una cerimonia a cui prese parte anche un esule fiumano, da tempo residente a Cassano, che portò la sua testimonianza delle orribili esecuzioni di massa perpetrate dai comunisti jugoslavi nei confronti degli italiani, uccisi o cacciati solo per essere tali.

Nel Parco fu scoperta una targa in marmo che commemorava le vittime dell’odio etnico e politico.

Oggi il Parco è chiuso, inaccessibile, impenetrabile.

Oggi quella targa non c’è più: vandalizzata e fatta sparire da oramai due anni, senza che nessun amministratore – nonostante le promesse – si preoccupasse di ripristinarla.

Eppure la recente adesione di Sindaco, vice e tanti assessori a quel partito (Fratelli d’Italia), a quella destra che più di tutti ha fatto riscoprire quella tragedia (purtroppo appropriandosene indebitamente), avrebbe dovuto e potuto suggerire un trattamento migliore a quel Parco (tacendo, poi, che la Di Medio si era impegnata a “riaprirlo immediatamente, una volta eletta, per consentire ai bambini di giocarci sin da subito”: eravamo in campagna elettorale, nel maggio 2017).

Sempre più giù, proprio come in una foiba: la memoria, il culto della storia, l’impegno del ricordo in questa nostra comunità.

In un abisso di brutture nel quale Cassano sta precipitando, affossata proprio da chi dovrebbe, invece, risollevarla.

 

 

Parco Martiri delle foibe 1 copy

Commenti  

 
#3 FALSA POLITICA 2018-02-10 23:23
X vola.. : Non esistono crimini da contrapporre ad altri crimini per trovare un pretesto o, ancor peggio, delle giustificazioni. Queste ricorrenze intanto esistono affinché non si perpetrano più simili atrocità. Purtroppo, finquando esisteranno persone che inneggiano ottusamente al fascismo,si ripeteranno gesti deplorevoli come quello avvenuto a Macerata. Io credo che solo chi non ama la libertà ed ha l'animo ricolmo di odio, può assentire a simili nefandezze.(A VOI)
 
 
#2 volavola 2018-02-10 15:42
Ma di cosa stiamo parlando,mica sono martiri comunisti(anche se tra di loro vi erano sfegatati stalinisti che ebbero la malsana idea di rientrare,"dopo essere fuggiti come di solito fanno".C'è
stato il silenzio per più di sessanta anni perché parlarne ora che spirano venti da destra(secondo menti contorte ed ipocrite che ci governano).Un saluto(A Noi non si può dire)./
 
 
#1 Patty 2018-02-10 14:41
Alla luce di tutto ciò, è evidente che l'adesione della Caprio e della Di Medio a Fratelli d'Italia rappresenta una vera e propria presa per il .... Una vergogna inaccettabile. Prima di pensare a fare il parlamentare, la Caprio pensasse a risolvere i problemi locali, o facessero tutti un passo indietro, per il bene della collettività!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI