Martedì 13 Aprile 2021
   
Text Size

Condannato 53enne accusato di violenze in famiglia

box 1

 

E’ divenuta definitiva la condanna per maltrattamenti in famiglia, a due anni e due mesi, a carico di M.L., 53enne nato a Gioia del Colle e residente ad Acquaviva delle Fonti, sposatosi con una donna cassanese nel 2003 ma che poco dopo il matrimonio, dal quale sono due figli, si è rivelato un vero e proprio “orco”. Maltrattamenti continui, percosse, umiliazioni e il controllo pressoché totale della vita e delle finanze di sua moglie erano la vita quotidiana della donna, con episodi che a volte coinvolgevano anche i figli minori.

Quattordici anni di vita coniugale scanditi da schiaffi e pugni per una qualunque sciocchezza: dal chiamare il medico per il bambino febbricitante senza il suo consenso a calci nel ventre, anche durante la gravidanza, fino a denigrare e sminuire l’attività professionale della moglie, insegnante, anche dinanzi a terze persone, umiliandola nel voler aspirare ad una vita piena e soddisfacente anche grazie al proprio lavoro ed alla indipendenza economica che invece, secondo il condannato, avrebbe dovuto passare dalle sue decisioni.

Unica àncora di salvezza per la donna, oltre ai figli, il suo coraggio e la propria famiglia d’origine che non ha mancato di supportarla e sostenerla dopo che la stessa ha deciso di denunciare.

Prima il Giudice del Tribunale di Bari in seduta monocratica il 25 marzo 2019 quindi la Corte di Appello di Bari il 14 ottobre dello stesso anno, infine la Corte di Cassazione lo scorso 24 novembre hanno sentenziato a favore della vittima, condannando l’ex coniuge anche al pagamento delle spese processuali ed alla parte civile: la Suprema Corte, infatti, ha ritenuto inammissibile il ricorso, aprendo le porte per il ricorrente alla condanna definitiva.

“Questa donna ha vinto su tutti i fronti: su quello giudiziario ma soprattutto nella vita”: commenta così la sentenza l’avvocata Raffaella Casamassima che ha assistito la donna come legale.

“La sig.ra ha trovato il coraggio di denunciare per riappropriarsi della sua libertà. Ha potuto contare sulla sua famiglia che ha confermato la violenza subita dalla stessa durante il matrimonio, soprattutto psicologica ed economia. Il suo percorso di consapevolezza sull’importanza della denuncia è stato faticoso e frutto di diversi incontri in cui ho rappresentato alla cliente cosa avrebbe comportato denunciare e cosa avrebbe comportato non farlo anche dal punto di vista di una sana relazione padre/ figli.

Un lavoro eccellente ha svolto il centro antiviolenza coordinato dalla dottoressa Lacitignola a cui la donna si è rivolta anche su invito delle Forze dell’Ordine, che ha sostenuto e supportato la donna nelle sue scelte e difficoltà soprattutto nelle fasi più delicate ovvero quello della corsa al pronto soccorso nel bel mezzo della notte a quello dell’allontanamento del marito dalla casa coniugale.

Sul fronte civile abbiamo ottenuto un provvedimento importante del Tribunale per i minorenni di Bari che ha stabilito che la donna è genitrice adeguata ed ha prescritto all’ex marito di intraprendere un percorso presso un centro per maltrattanti al fine anche di strutturare relazioni più sane con i figli. La storia di C insegna che la presa in carico delle donne maltrattate deve essere totale. Tutti gli attori coinvolti (forze dell’ordine, servizi territoriali, legali e famiglia) devono convergere sulla donna e sostenerla nella sua scelta approcciandosi alla stessa in un ottica di genere ovvero con la consapevolezza che la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani ed è perpetrata da un uomo nei confronti della donna perché la considera inferiore a sé: è finalmente libera ed è tornata a vivere”, conclude l’avv.ta Casamassima.

“Si è posta la parola “fine” su una storia di violenza in famiglia”, spiega l’avv.to Roberto Lopelli, co-difensore che ha seguito la vittima nel percorso giudiziario.  “Spero che adesso la signora possa ritornare a vivere serenamente, libera da timori e ansie. Le donne non devono avere paura di denunciare perché solo così si può riconquistare la propria dignità e libertà di donna”.

 

 

Commenti  

 
#21 Jenna 2021-04-13 13:48
Cara redazione.Ho mandato tanti commenti su questo fatto ma non ne avete pubblicato nessuno Ma non e ' che siete amici della +++

LA REDAZIONE

E' vero, non li abbiamo pubblicati. In compenso a leggerli, in questi giorni, saranno le Forze dell'Ordine, con le conseguenze, che può ben immaginare dato che si configurano reati dai più leggeri (insulti, ad esempio) ai più pesanti (diffamazione, calunnia, minacce).
 
 
#20 Scacarella Felice 2021-04-12 07:56
Franco B e tutti gli altri esperti in legge guardando forum, fatevene una ragione:1. Indagini e processi sono svolti da professionisti. E c’è anche una difesa. Certi pettegolezzi, se fondati,sicuramente sono emersi, sono stati valutati e giudicati 2. Se qualcuno ha problemi con la propria consorte, ci sono molti modi per risolverli. La violenza fisica non è contemplata. Chi usa violenza fisica è un ominicchio e, se beccato, viene condannato. Franco B, il mio nick è in perfetta sintonia con certi commenti.
 
 
#19 Franco. B 2021-04-11 21:28
Caro Sig. Scacarella comprendo che per ovvie ragioni di riservatezza vuole tutelare la sua privacy ma almeno utilizzi un altro pseudonimo perché questo la dice lunga sulla sua provenienza....
 
 
#18 Scacarella Felice 2021-04-11 08:50
Franco B., andate dal giudice a raccontare i pettegolezzi. Magari cambia idea.
 
 
#17 Per fortuna 2021-04-10 20:38
Per commento 10: sono tanti i casi in Italia di condanne che dopo tanti anni sono state riviste e stravolte completamente. Ci sono anche tanti casi di errori giudiziari e 8nfatti spesso si sente parlare di riforma della giustizia. Anni fa avevamo un premier che era vicino alla riforma ma poi purtroppo il suo governo cadde ...o fu fatto cadere.
 
 
#16 Franco. B. 2021-04-10 19:52
Scacarella felice.. Ti ripeto la gente mormora!!! e credimi senza alzare il gomito come fai tu
 
 
#15 Maria P. 2021-04-10 12:49
Non è tutto oro quello che luccica
 
 
#14 Provvidenza 2021-04-10 12:45
non fare agli altri quello che non sia fatto a te o...... un futuro a un tuo figlio!
Divina riflessione
 
 
#13 Scacarella Felice 2021-04-10 10:23
Franco B., conosci il libro “Compagni di sbronze”?
 
 
#12 Franco. B. 2021-04-10 05:56
Rispondo a scacarella felice: non è che per caso riflessione intendeva dire che il paese è piccolo e la gente mormora?
 
 
#11 Scacarella Felice 2021-04-09 12:03
Riflessione, posa il fiasco!
 
 
#10 A.B. 2021-04-09 08:46
La precedente è una Riflessione completamente inutile, poiché non si sta parlando di una supposizione, ma di una condanna con opportuno accertamento dei fatti.
 
 
#9 Franco. B. 2021-04-09 06:42
Non giudicate se non conoscete le dinamiche
 
 
#8 Pinko 2021-04-09 05:57
Nome E cognome E poi deve essere la cittadinanza che lo de d sputare in faccia
 
 
#7 Riflessione 2021-04-07 10:27
Purtroppo oggi molte situazioni e sentenze vengono strumentalizzate ed è sempre più difficile risalire alla vera verità...in qualsiasi ambito.
Le leggi in Italia vanno cambiate!!!.
Come in America i matrimoni devo diventare dei veri e propri contratti.
In generale è troppo comodo fare una denuncia per pseudo maltrattamenti e poi appropriarsi dei beni che si sono acquistati negli anni......e magari aggiungendo subito anche un nuovo partner in casa!!!
E se prima delle separazioni ci sono già delle situazioni esterne alla famiglia, chi lo può sapere????
Semplice riflessioni per varie vicende che purtroppo sono sotto gli occhi di tutti.
 
 
#6 Ben fatto 2021-04-07 08:44
Scusate, ma è accusato (come da titolo dell'articolo) o condannato?



LA REDAZIONE

Prima accusato, poi condannato.
 
 
#5 Alfa Man 2021-04-07 07:03
Se le donne sono così autonome che si sposano a fare? È solo una riflessione a prescindere dalle ampie ragioni della signora.
 
 
#4 peppino castellaneta 2021-04-07 04:52
E COME E' IN QUESTO ED ALTRI CASI,N0ON CI VOGLIONO NE' PERMASSI SPECIALI,NE USCITE PER BUONA CONDOTTA.NELLA RIFORMA GIUDIZIARIA CHE IL O I GOVERNI SUCCESSIVI SI ACCINGONOAD INTRAPRENDERE E' UNA PARTE IMPORTANTISSIMA DA RIFORMARE.CI SONO CASI E MOLTISSIMI CHE CON L'ATTUALE SISTEMA DA TEMPO SONO SFOCIATI IN DELITTI SPAVENTOSI.
 
 
#3 Ciccio mio 2021-04-06 14:30
Ma siamo sicuri???
Non è che si è sparato sulla Croce Rossa??
 
 
#2 Marinella 2021-04-06 12:46
Avvocata Raffaella.
SEI GRANDE.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.