Mercoledì 14 Aprile 2021
   
Text Size

Uccisero e scuoiarono 11 cinghiali: cacciatori denunciati

a

Sono partite dalla diffusione di un video tramite Whatsapp le indagini dei Carabinieri Forestali della Stazione “Parco” di Ruvo di Puglia che hanno portato a deferire in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trani un quarantacinquenne di Spinazzola, per esercizio venatorio e uccisione di animali all’interno dell’area protetta. Il video, girato dall’interno di un’auto che percorreva una strada della Murgia, mostrava diversi cinghiali che, correndo inermi all’interno di un terreno, venivano abbattuti da fucilate esplose dal guidatore.

La ripresa, diventata subito virale sui social e mandata in onda anche dalle emittenti regionali, aveva suscitato molto scalpore anche negli ambienti di caccia in quanto la giovane regista del video era la figlia adolescente del bracconiere, che, coinvolta nella battuta illegale di caccia, lo incitava all’inseguimento delle povere bestie.

A seguito di complesse indagini i Carabinieri forestali sono arrivati a definire il luogo della battuta di caccia, risultato essere all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, e l’identità del soggetto, il quale, sottoposto poi a perquisizione disposta dall’Autorità Giudiziaria, veniva trovato in possesso di un’arma, prontamente sottoposta a sequestro, compatibile con quella con la quale gli animali erano stati abbattuti, visibile nel video.

Parallelamente veniva svolta altra attività da parte del Reparto Carabinieri Parco Nazionale Alta Murgia di Altamura e dai veterinari dell’Asl Ba Siavb Nord a Ruvo di Puglia su un altro video virale nel quale si vedevano numerosi cacciatori festanti, assembrati davanti a 11 carcasse di cinghiali.

Le indagini dei militari e dei veterinari hanno permesso di accertare che il video era stato girato in un’area di pertinenza di un’azienda di Corato, dove gli animali erano stati scuoiati ed eviscerati in locali non idonei ai sensi di legge. Inoltre veniva constatato l’omessa comunicazione all’ASL dell’abbattimento degli ungulati per consentire la visita sanitaria post mortem della carcassa e il successivo prelievo del campione da sottoporre alla ricerca della trichina, dannoso parassita del cinghiale che può essere trasmesso anche all’uomo. Per tali condotte e per la violazione delle norme anti Covid sugli assembramenti sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di € 20.000 circa.

“È importante”, afferma il Tenente Colonnello Giuliano Palomba, Comandante del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia, “continuare a tenere alta l’attenzione su tali gravi reati perpetrati ai danni dell’area protetta. Ricordiamo, a tal proposito, che l’attività venatoria è totalmente vietata all’interno dei Parchi Nazionali. È opportuno inoltre sensibilizzare i cacciatori sulla necessità di contattare le ASL in occasione degli abbattimenti di cinghiali al fine di tutelare la sicurezza degli alimenti e combattere la diffusione delle zoonosi.”

 

 

Commenti  

 
#11 Piero v1 2021-04-06 12:05
il sottoscritto vorrebbe tanto sapere a chi è balenata la grande idea di introdurre animali come i cinghiali che non centrano nulla col territorio e i quali non portano alcun beneficio. Non si può più fare una passeggiata nei nostri boschi a rischio di essere attaccati, le colture sono a rischio. C'è bisogno di un controllo della proliferazione di questi animali.
 
 
#10 muro x 9 2021-04-02 19:57
Forse la colpa non è tanto delle forze dell'ordine(QUELLI VERI e non i pupazzi)che dopo aver lavorato il delinquente sta fuori prima che loro finiscono il turno.E' colpa di quell'altri .......che fanno le leggi e permettono tutto questo.Un po anche dei giudici che applicano sempre la pena minima.Chi sa il perche'....
 
 
#9 Ciccio mio 2021-04-02 07:57
Ottimo commento 8.
Siamo ormai alla catastrofe di questa società.
Poi chi ha malattie o è senza lavoro rimane abbandonato.
Che schifo!
E anche queste forze dell'ordine poi!!
Ci sono spacciatori e crimini ovunque
 
 
#8 muro 2021-04-01 20:11
Qui le PERSONE odiano i propri simili,i genitori e parenti tutti,ma amano gli animali(che solo il nome lo specifica)i cani, i gatti,i cinghiali,gli agnelli ecc.e fanno ridere quando portano i cani in braccio COME BAMBINI.Gli animali hanno sempre fornito carne per l'uomo.Chi e' vegano libero di non mangiare la carne,MA NON DEVE VIETARLO A CHI LA MANGIA,
 
 
#7 Jeremy 2021-04-01 13:17
O la quantità di cinghiali viene REGOLAMENTATA dai pubblici poteri o se ne occuperanno i privati, a difesa legittima della incolumità propria e dei propri beni. Non si uccide per il gusto di uccidere.
 
 
#6 Luigi 2021-04-01 07:30
Senza parole. Normale che poi gli animaltraviati hanno modo di parlare a vanvera su chi pratica la caccia attenendosi alle leggi.
Questi sono da scremare più dei cinghiali.
 
 
#5 Anonimo 2021-03-31 20:01
Questi cinghiali mi hanno distrutto una macchina, con oltre 500€ di danni e non ho avuto neanche un risarcimento dal comune dato che l'accaduto è stato verso i campetti Lionetti, nonostante le foto delle peluria e sangue stampate sulla macchina, dimenticavo con testimone che ha visto tutto la scena. Sono passati tre anni e ancora tutt'ora non ho visto un'euro ... ma tanto so che quel risarcimento anche minimo non lo vedrò mai
 
 
#4 Sognoosondesto 2021-03-31 19:37
Questi sono i segni dei tempi: grazie all'ateismo dilagante non sappiamo più distinguere tra l'animale e l'uomo, pertanto si fanno 42 milioni di aborti all'anno ma si va a perseguire il cacciatore
 
 
#3 Ciccio mio 2021-03-31 09:54
E perché le forze dell'ordine non intervengono quando i cinghiali devastano le colture, metteno a rischio l'incolumita' delle persone che fanno passeggiate o giri in bicicletta andandova invadere le strade. Anche se si è in auto il rischio è vnotevole oltre ai danni ricevuti.
Ma si occupassero di altro visto che li paghiamo dalle nostre tasse!!
 
 
#2 Gighen 2021-03-31 09:13
Grazie cacciatori, chi vi ha multato non capisce in che condizioni siamo messi.
Contattare la ASL e chiacchiere varie, qui i cinghiali ci entrano in casa.
In zona panoramica e adesso collina S.Lucia di notte ne arrivano circa una 40ina, distruggono tutto, reti, orticelli, spargono ovunque rifiuti presenti in bustoni abbandonati dall'incivile di turno, insomma una situazione insostenibile.
Le autorità che fanno, colpiscono chi stava risolvendo il problema.

In questo manicomio, vedo cose da pazzi!(cit. Totò)
 
 
#1 Mah 2021-03-31 08:38
Anche se non sono un fervente animalista, devo riconoscere che voi cacciatori avete un hobby davvero stupido e ridicolo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.