Giovedì 26 Novembre 2020
   
Text Size

Flash-mob dei genitori in via Convento: "Riapritela!"

WhatsApp Image 2020-10-30 at 08.07.13

 Un flash-mob silenzioso e pacifico dinanzi alla sede centrale dell'Istituto Comprensivo "Perotti-Ruffo", in via Convento, questa mattina, a cura dei Comitati dei Genitori Pugliesi che hanno organizzato una identica manifestazione in tutta la Puglia.

Una trentina i genitori che vi hanno partecipato (si è evitato di allargare troppo "la voce" per evitare assembramenti), appendendo simbolicamente dinanzi al cancello della scuola gli zaini degli alunni che non  potranno utilizzarli per circa un mese, dopo l'Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale Michele Emiliano che ha chiuso tutte le scuole della Puglia, tranne quelle per l'Infanzia.

"Vogliamo denunciare la violazione da parte della regione Puglia dell’articolo 14 della carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea - spiegano in  una nota i Comitati dei genitori pugliesi che aderiscono al coordinamento regionale in partnership al presidio pugliese di @priorita alla scuola, aggiungendo che "la Didattica a Distanza non è scuola".

Si chiede, dunque, che Emiliano torni sui suoi passi e ritiri l'Ordinanza dato che i bassissimi numeri dei contagi nelle scuole pugliesi non giustificherebbero la chiusura degli Istituti dove le regole di comportamento vengono rigidamente osservate. 

WhatsApp Image 2020-10-30 at 08.05.12 WhatsApp Image 2020-10-30 at 08.12.33

Commenti  

 
#19 zoom 2020-11-04 14:14
siiiii tutto chiuso. scuole, negozi, attività culturali ma...............ma.............. il calcio no, mai sia agli italiani gli togli la champion league mmmmmm allora si che fanno la rivoluzione!!! siete ridicoli.
 
 
#18 Genitore 2020-11-02 15:12
Non mi stupisco che ci siano commenti a favore della chiusura delle scuole. L'importanza della Salute è facilmente percepibile dall'opinione pubblica, l'importanza dell'Istruzione, al giorno d'oggi, molto meno.

n.b.: mi auguro che i vostri figli, un giorno, non debbano confrontarsi con i pari età tedeschi o francesi (che stanno facendo di tutto per garantire l'istruzione alla nuova generazione)
 
 
#17 incavolato 2020-11-01 23:00
Queste signore e questi signori li terrei per 4-5 ore a gruppi di 20 in un'aula, meglio se con finestra sulla classe dei loro marmocchi. Capirebbero immediatamente perchè le scuole dovrebbero rimanere chiuse.
 
 
#16 Freddo 2020-10-31 23:03
Ma come avete votato Emiliano!!Ora vivente le scuole chiuse!!!
 
 
#15 zoom 2020-10-30 13:40
il sindaco e tutta l amministrazione prende le distanze da ogni cosa che riguarda questo paese.. daiii su nn ci vuole molto a capire che si stanno facendo il curriculum x proseguire la loro carriera nella politica a giusta ragione, x garantirsi un futuro senza lavorare e senza nessuna responsabilita.
 
 
#14 Senza parole... 2020-10-30 13:18
Vorrei uno di questi genitori al mio posto dopo aver saputo dalla segreteria della scuola che un professore è positivo è adesso mio figlio è in isolamento ed io in ansia che ci chiami la asl per fare il tampone sperando che tutto vada bene.
 
 
#13 michele.cassanese 2020-10-30 12:20
Fino a tre giorni fa chiedevano di chiudere tutte le scuole perchè avevano paura di contagiarsi con i figli in casa, ora protestano per farle riaprire! Ma andate a zappare la terra!!!
 
 
#12 Vito shade g. 2020-10-30 11:42
Amministrazione assente che non si schiera con nessuno nemmeno con i cittadini. I genitori dovrebbero capire che è per il nostro bene che le scuole sono state chiuse.
 
 
#11 sciatavin 2020-10-30 11:33
Penosi!
 
 
#10 X lettore dubbioso 2020-10-30 10:44
Il problema non è la scuola, il problema è come arrivare a scuola e li ti parlo di ragazzi ammassati nei pullman che si spostano in altri paesi!
E comunque tra 20 giorni saremo nelle stesse condizioni perché se ci guardiamo intorno negozi e centri commerciali sono super affollati
 
 
#9 ragioniamo 2020-10-30 10:03
Ma «i contagi nella nostra regione - scrive Lopalco su Facebook - hanno intrapreso un ritmo di crescita esponenziale estremamente preoccupante. Il numero di casi riportati nelle scuole, apparentemente, rispecchia la fotografia della distribuzione del virus nella popolazione esterna. In realtà, da quando è partita la attività didattica ad oggi sono stati segnalati 1121 casi di positività fra la popolazione di età 6-18 anni, corrispondenti all’11% dei casi totali. Questa percentuale era del 6% nella settimana dal 17 al 22 settembre e dell’8% nella prima settimana di apertura della scuola. L’aumento della proporzione di casi in quella fascia di età è dunque sicuramente contemporaneo alla riapertura della scuola nella nostra Regione.

Questo fenomeno non deve sorprendere: essendo la scuola un aggregatore sociale, a prescindere se il contagio avvenga nelle aule o al di fuori di esse, rappresenta comunque un fattore facilitante per la diffusione del virus.

Quando in una epidemia come questa si osserva una curva in crescita, non ci si può permettere il rischio che tale crescita diventi incontrollabile. Bisogna intervenire precocemente con misure tempestive. Più tempestive sono le misure, minore potrebbe essere la durata delle stesse. E’ per questo motivo che noi monitoreremo la situazione costantemente e rivedremo la misura settimanalmente."

Non ne facciamo sempre una questione politica... se il sig. Caputo ha la sfera di cristallo la mettesse a disposizione di tutti!
 
 
#8 Michelangelo 2020-10-30 09:55
Ma sciat a fadghè
 
 
#7 Francavolato 2020-10-30 09:16
Lettore dubbioso, vai in villa e vedi tutti i 'forti lavoratori' che stanno a fare chiacchiere senza mascherina. Inizia a vietare questo tipo di aggregazione, quella di alcuni pensionati o delinquenti che stanno senza far niente, solo ad andare in giro non rispettando le regole. Non che inizi dalla scuola! Dove le regole si rispettano e, almeno x cassano, non ci sono criticità. Ma, come si dice, per il brutto patisce il buono.
 
 
#6 Oss 2020-10-30 09:06
La vostra protesta è lecita, purtroppo il problema Covid vince su alcune decisioni e si agisce per come gli scienziati vogliono in quanto scienziati. Noi tutti possiamo solo accettare.
I comuni mortali non capiscono l'entità del problema e protestano. Per non parlare dei negazionisti, gente senza cervello che organizza sommosse in tutta Italia. La stupidità non ha limiti.
 
 
#5 mina 2020-10-30 09:03
quando vedo queste cose auspico il lockdown immediato. anche dei social network. sti genitori sempre a far polemica hanno seccato
 
 
#4 Sergio Caputo 2020-10-30 09:02
Il problema non sono le scuole!!! È il prima di arrivare a scuola ed il dopo, quando si va via!!!! In questo la regione ha mancato completamente, non ha rinforzato i mezzi pubblici, non ha cambiato o scaglionato gli orari delle corse, non ha fatto niente, e lo sa perché, perché il presidente era troppo preoccupato a farsi rieleggere che preoccuparsi di quello che c’era realmente da fare!!!!
Per i bambini questo è l’ennesimo trauma, ed i numeri “ impressionanti “ impressionano a contrario, è una pagliacciata!!!
 
 
#3 Ipocrisia pura 2020-10-30 08:57
Nessuno di questi genitori protesta contro il mancato avvio del servizio di scuolabus... che ad oggi è fermo e non per il covid-19 o per colpa della Regione...
Ah, giusto... il mancato avvio del servizio di scuolabus è colpa del Comune e come si fa a protestare contro i propri amici e compari?
 
 
#2 Presente 2020-10-30 08:51
L’amministrazione con la sua sindaca prende le distanze da questa manifestazione?
 
 
#1 Lettore dubbioso 2020-10-30 08:29
Proteste che non colgono la serietà del problema. Quando fra 20gg la Puglia sarà il luogo più sicuro di Italia queste persone cosa diranno? Meglio un figlio che rischia a scuola che uno sicuro a casa? Si parla di sacrifici per altri 4/5 mesi, non una guerra mondiale.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.