Sabato 24 Ottobre 2020
   
Text Size

Al via la campagna “Non mandare in fumo il Parco"

IMG-20200717-WA0006 (1)

 

Contrastare gli incendi boschivi che spazzano via annualmente ettari di prezioso verde, con gravi danni come perdita di biodiversità, impoverimento del suolo, maggiore permeabilità ai cambiamenti climatici. Mirano a questo le azioni messe in campo a più livelli dal Parco Nazionale Alta Murgia nell’ambito della Campagna AIB, l’annuale Campagna Antincendio Boschivo della Protezione Civile. Le attività per l’anno 2020 coinvolgono in primis gli agricoltori - le vere sentinelle del territorio – fondamentali nell’opera di prevenzione e contenimento. A loro è affidato il compito di realizzare fasce taglia fuoco e ospitare serbatoi d'acqua, aumentando così i punti di approvvigionamento idrico. Si affianca a ciò l’aggiornamento del Piano AIB per il periodo 2019/2023; il rinnovo della collaborazione con Arif per l’utilizzo della rete di telerilevamento presente nelle aree boschive; l’avvio di una collaborazione con il CNR per monitorare da satellite le zone percorse dal fuoco, e la campagna social “Non mandare in fumo il Parco” sulle azioni da evitare per scongiurare il rischio incendi.

Sulla base di un Avviso Pubblico, il Parco dell’Alta Murgia ha individuato quest’anno 17 aziende agro-zootecniche il cui compito è l’avvistamento incendi, con il supporto di serbatoi d’acqua ricevuti dall’Ente per garantire scorta idrica nelle aree boscate. La scelta ha tenuto conto di criteri tra cui la vicinanza ad aree vulnerabili rientranti nelle zone A e B del parco, il facile accesso da strade principali per favorire il rapido rifornimento dei mezzi AIB, il tipo di attività zootecnica che assicura costante presenza di personale nell’azienda, l’aver partecipato in precedenza ad attività convenzionate con l’Ente.

La sinergia con Arif è volta a migliorare l’attività di avvistamento con azioni di co-gestione e sviluppo della rete di telerilevamento, con 6 postazioni presenti nelle aree boscate che puntano a rilevare l’incendio al suo esordio, limitandone il propagarsi. Con il CNR di Bari, l’Ente Parco ha attivato invece un servizio sperimentale di rilevazione che prevede analisi e foto associate al sistema GIS, per il monitoraggio da satellite delle zone percorse dal fuoco e del suo impatto sulla vegetazione.

Completa il quadro la campagna Facebook e Instagram “Non mandare in fumo il Parco” realizzata in collaborazione con Arif Puglia, “comandamenti” da tenere a mente per evitare l’insorgere di un incendio e azioni da compiere in sua presenza per non farsi dominare dal panico. Tra i gesti da “NON” fare, l’accendere fuochi di nessun genere, gettare mozziconi di sigarette dai finestrini dell’auto, lanciare lanterne volanti, effettuare ripuliture del bordo strada con il fuoco, abbandonare rifiuti e così via. “Non mandare in fumo il Parco” segnala i numeri di soccorso da contattare in caso di incendio, invitando a fornire indicazioni per localizzarlo.

Il Parco dell’Alta Murgia è nella cerchia dei 13 parchi nazionali più a rischio incendi per le particolari condizioni climatiche, tipiche dell’ambiente mediterraneo, che in estate mettono a rischio i boschi e le numerose espressioni della vegetazione d’interesse forestale. Nel 2019 sono stati avvistati 44 incendi, 14 di questi hanno distrutto 87 ettari di bosco e 30 mandato in fumo 1.250 ettari di pascolo. È dei giorni scorsi l’incendio al bosco di Acquatetta, tra Spinazzola e Minervino Murge, che ha distrutto 350 ettari di terreno di cui 220 di bosco.

«Negli ultimi anni – dichiara Francesco Tarantini, presidente PNAM – l’Ente Parco ha potenziato il lavoro di avvistamento, attivando con Arif un sistema di telerilevamento da remoto che ha permesso di contenere le zone percorse dal fuoco, con ben sei postazioni all’interno delle aree boschive. Quest’anno abbiamo incrementato i punti di approvvigionamento idrico dotando le aziende agro-zootecniche di serbatoi d’acqua, coinvolgendo gli agricoltori che riteniamo le vere sentinelle del territorio. Un’adeguata scorta idrica è una fondamentale risorsa che facilita le attività di spegnimento a terra, limitando l’espandersi del fuoco e la necessità di interventi aerei. Contrastare gli incendi è un'attività complessa ma non impossibile, dove ognuno deve fare la sua parte con comportamenti responsabili e di tutela dell'ambiente, come quelli elencati nella campagna Non mandare in fumo il Parco, che ci auguriamo saranno presi alla lettera».

 

 

Commenti  

 
#5 cittadino disperato 2020-07-20 18:11
Devo dedurre che la campagna antincendio boschivo NON MANDARE IN FUMO IL PARCO è una campagna del c...o in quanto non ha nulla di preventivo e il cittadino diligente che si vuole pure “esporre” denunciando una situazione di pericolo non ha autorità istituzionali per interloquire.
Mi è stato segnalato, comunque, che in caso di incendio posso chiamare il 1515, ma ho risposto ‘grazie al fischietto’ ...ma allora a che servono queste propagandistiche ‘vendite di fumo’ negli occhi??
PS: per non parlare dei Vigili Urbani...non mi cimento neppure...manco a dirlo!
 
 
#4 cittadino disperato 2020-07-20 12:32
Ho provato: una volta scatta subito il fax e una volta suona fino alla fine senza risposta...a diverse ore!
Una schifezzaaaaaa!!
 
 
#3 cittadino disperato 2020-07-20 10:17
Cara Redazione, sono più disperato di prima.
Al numero da te indicato risponde la stazione di Altamura che dicesi non competente e segnala il numero 080-763021 al quale corrisponde un fax.
Chiamo un vecchio numero su una rubrica (080/3466015) e risponde il vecchio comandante che segnala di chiamare il numero 080-772011 e, alle mie garbate proteste che ho già chiamato 4 volte sino alla fine e non risponde nessuno, consiglia di andare presso ex Villaggio Fanciullo dalle 13:00 e tentare di 'intercettare' qualcuno, attualmente in giro di perlustrazione (?).
Cara Redazione, come vedi non gliene stracataf...e niente a nessuno e i servizi da te postati servono solo a prenderti in giro e strumentalizzarti.
UN CITTADINO VUOLE SEGNALARE UNO STATO DI GRAVE PERICOLO DI INCENDIO (CON VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA) E NON CI SONO AUTORITA' COMPETENTI PER RICEVERE NEPPURE LA SEGNALAZIONE??
Vergognaaaaa!!!


.
A questo numero parte un fax, non compete

LA REDAZIONE

Ha provato a comporre il 080.77.30.21 (non 76, come ha scritto)?
 
 
#2 cittadino disperato 2020-07-18 13:26
Per la Redazione

Si può ricevere un numero di telefono (anche più di uno!!) da contattare per segnalare, in maniera non anonima, le inadempienze di cittadini proprietari di terreni infestati da erbacce frammiste a pini di elevatissimo fusto e criniera che mettono a rischio la incolumità di altre abitazioni?

LA REDAZIONE

Può provare a chiamare i Carabinieri Forestali del Nucleo Parco Alta Murgia (080.314.28.96) oppure inviare una email a
 
 
#1 Tonin 2020-07-18 07:30
Ok, però fate più controlli perché qualcuno non sa fare a meno dell'arrosto di carne e mette a repentaglio tutta la murgia cassanese.
I Carabinieri forestali mai visti nella zona di casa mia, ricca di verde......e a rischio incendi per colpa di deficienti che ci tengo a precisare non sono di Cassano.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.