Lunedì 18 Novembre 2019
   
Text Size

"Codice Rosso" a Cassano: allontanato marito violento

images

Anni di minacce, maltrattamenti, percosse e ingiurie. Anni di terrore, sopportati per la vana speranza di non provocare danni ai propri figli. Ma alla fine l’epilogo di questa storia è stato la denuncia.

E per la prima volta dall’entrata in vigore (luglio scorso) anche a Cassano delle Murge è stato applicato il cosiddetto “Codice Rosso” ovvero una corsia preferenziale e immediata pei le denunce da parte delle donne per maltrattamenti e violenza: il Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Bari ha così potuto allontanare dal nucleo familiare un uomo residente a Cassano verso il quale il Gip Ilaria Casu ha disposto l’allontanamento dal nucleo familiare il divieto di avvicinamento alla persona offesa e la prescrizione della distanza di almeno 500 metri dalla stessa nonché il divieto di contattarla con qualunque mezzo.

L’uomo è stato quindi fatto allontanare dai Carabinieri di Cassano, in applicazione delle decisioni del Giudice.

“Dalla denuncia della signora al pronunciamento del Gip, dopo le indagini della Procura – spiega l’avv.ta Raffaella Casamassima che ha seguito il caso, difendendo la vittima delle violenze – sono trascorse appena due settimane e i tempi sono essenziali in questi casi perché ogni giorno può aumenta il pericolo nei confri della donna che denuncia”.

Il “Codice Rosso”, dunque, funziona almeno come celerità nell’accoglimento della denuncia e delle conseguenti misure di coercizione e dunque è una possibilità in più nelle mani delle donne che subiscono violenza, fuori e dentro la famiglia.

Con H.D. sono stati denunciati anche altri due cittadini albanesi (un uomo e una donna) per lesioni personali: secondo la denuncia e dalle risultanze oggettive valutate dal Gip, le violente sfuriate dell’uomo nei confronti della moglie traevano origine proprio da una presunta relazione extraconiugale con la donna poi denunciata ma anche con altre donne e quando la moglie provava a chiedere spiegazioni, l’accusato la picchiava e insultava, arrivando a minacciarla “di tagliargli la testa”.

Un pericolo concreto e immediato, quindi.

Ora la donna, sostenuta dal Centro Antiviolenza LI.A. (tel.: 388.9898797 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) al quale si era rivolta per ricevere sostegno ed aiuto, ha avviato le pratiche di separazione, per cercare di allontanare per sempre da sé e dalla sua famiglia quegli anni di abusi e maltrattamenti.

 

Commenti  

 
#6 Per la redazione 2019-10-14 21:48
O pubblicate tutti i commenti o non metteteli proprio. Siamo in democrazia e il giornale non deve servire per fare pubblicità o favori, ma informazione. O forse non è un giornale?

LA REDAZIONE

La democrazia le dà il diritto di offendere e calunniare? O forse lei è al di sopra della legge?
 
 
#5 Non sempre 2019-10-14 21:15
Molte situazioni sono esasperate e non sempre i giudici hanno tutti gli elementi per le opportune valutazioni
 
 
#4 Di altro parere 2019-10-14 19:19
Perché redazione non pubblicate il mio commento?

LA REDAZIONE

A fronte di una sua "opinione" (pur rispettabilissima) ci sono sentenze passate in giudicato. Crediamo che in uno stato di diritto tali sentenze possono essere discusse ma non disattese. Se lei vuole discuterle, scriva una lettera al giornale, descrivendo il caso (suo o di sua conoscenza) e qualificandosi: stia sicuro che la pubblicheremo.
 
 
#3 Donna 2019-10-07 11:30
Io Raffaella la conosco molto bene. La signora è in ottime mani. Non solo è un bravissimo avvocato, è prima di tutto una bravissima persona. Onesta, senza peli sulla lingua, una donna con gli attributi ma anche tanto sensibile. Signora vada avanti senza paura.
 
 
#2 Tarana 2019-10-07 08:28
Per affrontare e sradicare queste situazioni difficili ci vuole coraggio, forza, dolcezza e silenziosa pazienza. Brava Raffaella, non solo come avvocata.
 
 
#1 Allora 2019-10-07 08:24
Sostenuta dal centro antiviolenza +++MODERATO+++


LA REDAZIONE
Abbiamo moderato il suo commento per evitarle una sicura querela con tanto di richiesta risarcimento danni. Se ha qualcosa da denunciare lo faccia pure presso le Autorità Competenti e l'Ordine degli Avvocati.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.