Lunedì 16 Settembre 2019
   
Text Size

I Carabinieri di Cassano arrestano Paolo Ndrekaj

carabinieri bella foto

Era braccato dai Carabinieri che alla fine sono riusciti a mettergli le manette ai polsi, al termine di una caccia all’uomo durata quattro giorni: Paolo Ndrekaj, l’ultimo componente della cosiddetta “banda della BMW nera”, dopo essersi costituito agli uomini dell'Arma, è stato condotto nel carcere di Bari, accusato di numerosi reati che vanno dal furto al riciclaggio alla ricettazione. 

 

Nell corso di una delle perquisizioni eseguite dai Carabinieri della Stazione di Cassano delle Murge, agli ordini del Luogotenente Cosimo Maldarizzi, all’interno di un box di via Laudati riconducibile alla banda, sono stati rinvenuti e sequestrati, oltre all’ennesima autovettura Lancia Delta risultata rubata, anche una doppietta cal. 12 a canne mozze ed  un Revolver Smith&Wesson, entrambi provento di furto e completi di munizioni. In tale contesto assume una priorità accertare se le armi sequestrate siano state utilizzate per commettere ulteriori azioni delittuose nella provincia di Bari ed in particolare nell’area murgiana.

 

Lo scorso lunedì 1° luglio, i Carabinieri avevano hanno arrestato per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti, ricettazione e riciclaggio,  altri cinque persone:  Xhevahir Ndrekaj 41enne, nato a Puke; suo cugino Marjan Ndrekaj 39enne e il fratello di questi,  Vat Ndrekaj di 27 anni; Klodian Miceli. 23enne, tutti di origine albanese ma residenti a Cassano delle Murge, anche da molti anni, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio e la persona. In manette anche un 53 enne di Santeramo in Colle, Erasmo Porfido, anch’egli già noto alle forze dell’ordine per gli stessi reati. Nell’ambito del medesimo procedimento sono inoltre indagati ulteriori tre soggetti, tutti di nazionalità italiana, individuati come fiancheggiatori del gruppo.

Al blitz delle forse dell’ordine, coordinato dalla Procura della Repubblica di Bari, era sfuggito quello che potrebbe essere considerato il capo della banda, quel Nicola P. che ora è in carcere.

L’attività investigativa nasce dall’esigenza di contrastare il fenomeno predatorio che nei mesi da Settembre 2018 a Febbraio 2019 stava affliggendo il territorio della provincia barese. Gli arrestati, infatti, avevano costituito una “banda di predoni”, denominata dalla stampa come la “banda della Bmw” che ogni notte effettuava delle vere e proprie scorrerie durante le quali mettevano a segno numerosi colpi, effettuando in particolar modo furti all’interno di esercizi commerciali, stazione di servizio, bar e tabaccherie, nonché numerosi furti di autovetture e finanche assalti a bancomat di banche e poste con l’utilizzo di esplosivo. La banda, inoltre, aveva assunto un pericoloso atteggiamento di sfida nei confronti delle Forze dell’Ordine, sfuggendo a numerosi inseguimenti grazie all’utilizzo di auto di grossa cilindrata molto performanti, ed arrivando a posizionare sulle arterie stradali massi e chiodi al fine di garantirsi delle vie di fuga ed impedire alle pattuglie dell’Arma di intercettarli.

Le indagini, unitamente ai numerosi servizi preventivi organizzati dall’Arma, hanno permesso di porre un freno all’escalation di reati commessi dal gruppo, e di individuarne gli appartenenti ricostruendo la loro rete di malaffare. Braccati nel territorio barese, infatti, i malviventi hanno cominciato a colpire anche in altre Regioni, come dimostra la loro responsabilità in un assalto ad un bancomat commesso a Comunanza, cittadina della provincia di Ascoli Piceno.

In totale le investigazioni hanno permesso di attribuire agli arrestati ben 20 tra reati di furto in danno di esercizi commerciali ed assalti a bancomat o uffici postali, oltre a svariati furti di autovetture, provocando danni per diverse centinaia di migliaia di euro. Nel corso dell’attività investigativa sono state rinvenute numerose autovetture di grossa cilindrata utilizzate per le scorrerie dalla banda, nonché refurtiva proveniente dai numerosi furti effettuati.

Foto N.P. 2

 

Commenti  

 
#22 Behebdheb 2019-07-10 20:39
Depedis nessuno ci espulserá dall Italia
 
 
#21 Behebdheb 2019-07-10 20:35
Caro Alfonso che ne sai tu se loro hanno case di l’usso o pizzerie cercate di fare la vostra vita senza di stare sempre a giudicare gli altri
 
 
#20 Behebdheb 2019-07-10 20:29
caro cassanese onesto balordo sarai tu che ti fai i +++ degli altri cerca di non giudicare se non sai nt se ai le palle questo commento lo fai quando li incontrai davanti ( esperiamo mai )!!!!!!!!
 
 
#19 Ssls’s’skkks’sk 2019-07-10 15:05
Grazie leonardo
 
 
#18 Mi raccomando 2019-07-09 14:19
Io credo che ognuno sceglie la vita che vuole fare . E poi ne le conseguenze. Però chieder di firmare i messaggi per poi fare cosa ?
Detto ciò io preferisco stare dalla parte degli onesti dei derubati...pur non esagerando nei commenti e nei giudizi contro chi delinque. Non per paura la per rispetto della dignità umana.
 
 
#17 Verita 2019-07-08 20:32
Se avete +++...firmatevi quando scrivete
 
 
#16 Fdg 2019-07-08 14:54
Per Leonardo 84 ....mi auguro che lei scherza perché le persone in questione sono dei delinquenti avanzi di galera e per giunta sono quelle persone che con il loro modo di fare ci hanno tolto la libertà di vivere....sai quando ci rivolgiamo a loro quando qualcuno vi ruba la macchina o quando riceviamo altro ......non renderli santi perché non lo sono.... Sono solo dei delinquenti che ora trascorreranno un po' di tempo nella casa circondariale
 
 
#15 stanco 2019-07-08 12:27
PER LEONARDO 84 NON certo da persona onesta vado a sfidare questa gente avendo poi dei dispetti o ritorsioni.Sai benissimo che in ITALIA vanno protetti i LADRI I PRETI E GLI IMMIGRATI,la gente comune ITALIANA anche se è ONESTA e paga le tasse per i politici che LEGIFERANO può anche morire.
 
 
#14 Verita 2019-07-08 09:43
Leonardo84 sei la bocca della verità..Grazie
 
 
#13 #124Alfonso 3431 2019-07-07 22:05
Mi sa che in albania hanno ville case di lusso pizzerie alberghi eee....
 
 
#12 Leonardo84 2019-07-07 19:14
Siamo tutti bravi a giudicare gli altri!! Questi ragazzi che state criticando e giudicando sono persone che vi hanno aiutato a risolvere i vostri problemi personali o altro! Ora che sono dentro li criticate e giudicate... Classico.....quando saranno fuori voglio vedere se avete le palle di dire le cose in faccia! Noi non abbiamo diritto di giudicare nessuno, se hanno commesso degli errori non spetta di certo a voi giudicare!!
 
 
#11 cassanese doc 2019-07-07 16:01
BASTA CON QUESTO SCHIFO A CASSANO VOGLIAMO SOLO DELIQUENTI CASSANESI CON QUATTRO QUARTI DI PURO SANGUE ARIANO/CASSANESE!
 
 
#10 F 2019-07-07 12:11
Per ipocrisia
Quando il culo brucia la bocca sparla
 
 
#9 cassanese onesto 2019-07-06 17:37
Questi balordi dopo la confisca dei beni visto che sono pluripregiudicati scontata la pena devono essere espulsi dall'ITALIA, bello girare con macchine rubate , tenore di vita alto con soldi delle rapine e ricettazione, questa feccia va pulita dall'ITALIA.
 
 
#8 Miao 2019-07-06 12:47
Si è arreso lui non l’hanno preso!!!!!!
 
 
#7 Capitana 2019-07-06 11:32
Presto saranno fuori, perché? Perché il Kapitone e B. votarono la famigerata salva-Previti che accorcia la prescrizione e consente di rimetterli in libertà.
 
 
#6 ipocrisia 2019-07-06 10:02
x fiac
i nostrani invece ce li teniamo volentieri?
 
 
#5 Io 2019-07-06 09:26
Si è consegnato!!!
 
 
#4 Liberi e disuguali 2019-07-05 22:17
E il padre quando va girando sempre con i macchinoni....
 
 
#3 fiac 2019-07-05 19:15
Speriamo di non trovarceli tra i piedi fra qualche giorno.Dimora obbligata alla loro nazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.