Mercoledì 17 Luglio 2019
   
Text Size

Pena confermata in Appello per Franco De Grandi

Tribunale-di-Bari-3

La Corte di Appello presso il Tribunale di Bari ha confermato la condanna a 6 anni di reclusione per il cassanese Franco De Grandi, già funzionario dell’assessorato Industria e Innovazione Tecnologica della Regione Puglia, accusato di concussione per aver intascato, dal 2006 al 2008, 770mila euro sotto forma di tangenti per facilitare le pratiche di alcuni consorzi turistici che volevano accedere ai finanziamenti regionali.

I giudici hanno invece assolto “perché il fatto non costituisce reato” il figlio Vito De Grandi, difeso dall’avvocato Tommaso Barile, condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per reimpiego di denaro provento di attività illecita, per aver incassato – secondo la Procura di Bari – parte di quei soldi versandoli sui conti correnti bancari intestati al frantoio di cui è titolare.

Contestualmente all’assoluzione, la Corte ha disposto la revoca della confisca del frantoio.

Nei confronti del padre, difeso dall’avvocato Michele Laforgia, i giudici hanno confermato anche il risarcimento danni alla Regione Puglia che si è costituita parte civile, rappresentata dagli avvocati Giuseppe Spagnolo e Elisabetta Mastrovito.

De Grandi, dopo lo scoppio della vicenda ed il suo arresto (giugno 2010), fu poi spostato ad altro Ufficio della Regione Puglia, ovvero la Biblioteca, sempre con il ruolo di Dirigente, decisione che suscitò anche una interrogazione da parte del Movimento 5 Stelle (leggi l'articolo).

Franco De Grandi è stato Consigliere comunale a Cassano dal 1990 al 2004, con diverse amministrazioni (Leporale, Gentile) ricoprendo anche i ruoli di Capogruppo e Presidente della Commissione Bilancio.  Dal 1991 al 1995 (Giunta Gentile I) è stato Assessore all’Urbanistica e Polizia Urbana quindi, presso l’allora Comunità Montana “Murgia barese del sud-est”, Assessore al Bilancio e poi Presidente (dal 2002 al 2005) dell’ente poi sciolto.

 

 

 

 

Commenti  

 
#14 Mulo 2019-05-08 11:00
Quindi cara redazione il PD era insieme a Santorsola ex vice sindaco amministrazione gentiliana.
Grazie
 
 
#13 giustizia? 2019-05-07 14:54
Noi non possiamo giudicare nulla, come cittadini. Ci sono le aule di giustizia e tre gradi di possibili giudizi. Non piango e non gioisco per nessuno. Da cittadino posso dire che se le cose stanno realmente così come sono emerse dinanzi ai giudici, allora giustizia è stata fatta e chi è causa dei propri mali pianga se stesso.
Che sia di esempio a tutti.
 
 
#12 Mulo 2019-05-06 13:35
Redazione
Nell ultima campagna elettorale il Pd Cassanese chi ha appoggiato ?

LA REDAZIONE

Era nella lista civica "Prima Vera Cassano", senza simbolo.
 
 
#11 Pinko 2019-05-06 05:43
In politica il più onesto lo manderei all'asinara per anni
 
 
#10 A lucio 2019-05-03 20:27
Carissimo credo che sia meglio che tu stia zitto visto che la situazione della stretta parentela con i condannati della tributaria per cui chi è senza peccato scagli la prima pietra per non parlare dei volponi che manipolano attualmente !!!
 
 
#9 X lucio 2019-05-02 22:24
Noi onesti e gentili.
Ma fatemi il piacere.
 
 
#8 Lucio 2019-05-02 17:45
In giunta gentile e bravo Giuseppe bei collaboratori e compagnucci.
 
 
#7 #Baciamolemani 2019-04-30 10:44
La dice lunga il tacere degli altri siti news locali sulla questione. Cassano siculo è!
 
 
#6 X flppuc 2019-04-30 09:56
Ma sì dai facciamoli una statua in piazza per ricordare nei secoli il suo operato...ma daiiiiiiiiii da dove esci????
 
 
#5 cittadina 2019-04-29 16:50
Non ci resta che aspettare di vedere il caso nella trasmissione "un giorno in pretura"
 
 
#4 Serio Giordano 2019-04-29 16:37
La pubblica amministrazione è una cosa seria e va gestita da persone serie altrimenti è la fine per tutti noi.
 
 
#3 Addolorata 2019-04-29 14:45
Povera Cassano, sicuramente addolorata.
:-x
 
 
#2 X flpucc 2019-04-29 12:59
Perchè parlate giusto per dire qualcosa. Ma hai letto che è stato arrestato nel Giugno 2010?
Allora siccome la Giustizia Italiana ha 3 gradi di giudizio e gli anni passano, in carcere non ci và nessuno. Tutto in prescrizione. Ma per favore, azionate il cervello prima di parlare.
 
 
#1 flpucc 2019-04-29 09:56
Ok, i fatti si sarebbero svolti tra il 2006 ed il 2008, quindi tra 11 e 13 anni fa.
Quando scatta la prescrizione?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.