Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

A fuoco la saracinesca di un caseificio. Indagano i Carabinieri

incendio saracinesca-2

 

Inquietante episodio, l’altra mattina, ai danni di un noto caseificio cassanese: la saracinesca dell’esercizio commerciale, infatti, è stata data alle fiamme. Limitati i danni ma poteva andare peggio se non fosse stato per il tempestivo intervento di un abitante della zona che con l’aiuto delle forze dell’ordine ha avuto ragione delle fiamme prima che potessero fare più danni.

Il fatto è accaduto intorno alle ore 4 di domenica 7 ottobre, in via Giotto, presso il caseificio “Grimaldi”.

La saracinesca metallica del negozio è stata cosparsa di liquido infiammabile e poi data alle fiamme che si sono poi sviluppate anche all’interno del locale a causa di una tenda in plastica andata distrutta; il fumo ha  invaso il negozio ma per fortuna non ha provocato danni a strutture e attrezzature.

Ad accorgersi delle fiamme, il proprietario dell’abitazione sovrastante il caseificio che ha allertato i Carabinieri, la cui caserma è a poche decine di metri e l’Istituto di Vigilanza “Pelicanus” che in breve sono riusciti a spegnere l’incendio. Non è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco.

Sul fatto indagano i Carabinieri che non escludono alcuna ipotesi anche se il titolare ha dichiarato ai militari di non aver mai ricevuto minacce di alcun genere.

 

Commenti  

 
#10 Amico mio 2018-10-09 17:11
Complimenti Cassanoweb!!!
Viva di la libertà di pensiero!
Che mondo corrotto!
 
 
#9 Zenigata 2018-10-09 11:02
volavola intendevo che appiccato fuoco alle auto ed ora ai negozi. Che poi l'estorsione non rende come il traffico di auto che lei insinua, questo è certo. Non solo lo hanno capito i nostri concittadini, ma anche gli extracomunitari provenienti dalle coste adriatiche opposte alla Puglia.
La domanda è, quello che è sotto l'occhio di tutti non lo vedono i carabinieri? È difficile fermare tutta questa gente che sfoggia lusso e nulla facente e chiedere di dimostrare come fanno ad avere quel che hanno senza avere reddito e se lo hanno, è così alto da permettere l'uso di SUV e Berline da capogiro manco fossero Calciatori?
L'affiancamento a Scampia è esagerato. Napoli e dintorni dovrebbero essere presidiati dall'esercito per l'alto livello di criminalità, ma allo Stato va bene così, ragazzi uccisi quasi ogni giorno.
A Cassano è superfluo il livello, forse per questo viene snobbato.
 
 
#8 88 2018-10-08 23:12
No no...siamo già Scampia delle Murge!
 
 
#7 Francavolato 2018-10-08 22:49
Quoto ‘per zenigata’.
In paese c'è più delinquenza ad ‘alto livello’ di quanto si possa immaginare. Non sto parlando di topi di appartamento, ma di cosa ben più grossa.. non sono molto d’accordo sull’accostamento a scampia, quì è roba più di ‘classe’..
 
 
#6 Per zenigata 2018-10-08 18:43
Forse non ti è chiaro che siamo diventati un paese di m....a dove gira solo malavita, droga e prostitute...fai passare qualche altro anno e saremo Scampia Delle Murge!!!
 
 
#5 volavola 2018-10-08 17:39
Sig. Zenigata, forse "lavorare" con le auto è più rischioso e rende meno dell'estorsione.Mi fa rabbia che questi personaggi la facciano sempre franca e non restino paralizzati nel momento del misfatto.Avrebbero così diritto alla invalidità al 100% con accompagno (sempre che non vadano in via Adelfia) e non saranno costretti a delinquere.Un saluto.
 
 
#4 Zenigata 2018-10-08 14:29
Salvini cosa c'entra?
È probabilmente un atto intimidatorio i cui motivi può saperli solo il proprietario e chi ha eseguito tale gesto.
Strano però, di solito se la prendono con l'auto qui a Cassano, dirigere la vendetta nei confronti dell'attivita è cosa nuova.
 
 
#3 Ahahah 2018-10-08 14:22
Inquietante???? ahahahahahahah
 
 
#2 Mah! 2018-10-08 14:07
e la video sorveglianza del negozio?
 
 
#1 kpaneb 2018-10-08 12:33
Salvini non ha twittato?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI