Cipro ritira piatti di plastica prodotti da azienda cassanese

piatti-piani-plastica-ld-market-san-benedetto

Analisi chimiche cipriote, hanno rilevato che alcuni piatti di plastica italiani “usa e getta”, non risultano conformi alla normativa europea, in quanto forniscono una migrazione di composti chimici negli alimenti o nei simulanti alimentari sopra il consentito (350.4 mg/dm²).

A lanciare l’allerta RASFF (0870.2018 del 30 marzo 2018) che ha definito il rischio per la salute grave. Nello specifico si tratta di piatti di plastica italiani a marchio Tolo (8001981806065), una delle linee commerciali della ex "Giano Plastica" con sede a Cassano delle Murge, il cui difetto è di rilasciare sostanze nocive negli alimenti.

Le autorità di Cipro hanno provveduto al ritiro dal mercato del prodotto e segnalato il problema all’agenzia europea che ha poi avvisato il produttore.

Alcuni tipi di plastica, a contatto con il calore - spiega una nota dell'associazione di consumatori "Sportello dei diritti" che ha diffuso in Italia la nota cipriota - possono rilasciare particelle che vanno a contaminare il cibo; in Italia esiste perciò una legge che fissa i “limiti di migrazione” (delle particelle). Il Pvc, per esempio, è un derivato dal petrolio e dal cloro costituito da molecole di cloruro di vinile che, con l’aggiunta di altre sostanze, può assumere forme diverse che vanno dalla vaschetta rigida e colorata che contiene la margarina alla pellicola per alimenti, flessibile e trasparente. Il cloruro di vinile è dannoso per reni e vescica (c’è anche un rischio cancro).

Per questo motivo i produttori di pellicole per alimenti devono scrivere tra le avvertenze di evitare il contatto con alimenti costituiti da grassi e oli (che favoriscono la migrazione di particelle). Un altro derivato del petrolio è il polistirolo: piatti, posate e bicchieri, che vengono generalmente prodotti con questo materiale, devono rientrare nei limiti di migrazione imposti dalla legge e subiscono quindi dei test prima di essere messi in commercio. In questo caso l’invito è a disfarsene.

Nonostante il prodotto segnalato dal RASFF sia italiano, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” il Ministero della salute non ha emesso nulla al riguardo. Si consigliano pertanto i consumatori di prestare attenzione al prodotto in questione.