Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

Aggressione sull'autobus, gli sviluppi della vicenda

carabinieri sul bus

E' stato denunciato per "interruzione di pubblico servizio" il giovane che ieri sera ha aggredito l'autista e il controllore di un autobus della Sita, presso la fermata di piazza Garibaldi, a Cassano (leggi l'articolo).

Al momento, infatti, stando a quanto dichiarato dai Carabinieri, non è stata sporta denuncia da parte dei due aggrediti dunque si è proceduto alla identificazione del giovane - 32enne della Nigeria, residente a Modugno, con regolare permesso di soggiorno - che è stato poi rilasciato.

L'uomo non aveva il biglietto in regola e quando il controllore gli ha chiesto di mostrare il titolo di viaggio, ha cominciato ad aggredire verbalmente sia il controllore che l'autista del mezzo, andato in soccorso al suo collega.

Secondo quanto raccontato da diversi testimoni, dalle parole si è arrivati alle mani e mentre le due donne che erano con il giovane nigeriano si sono allontanate, questi ha cominciato una collutazione con i due dipendenti dell'azienda di trasporti.

Qui, però, le versioni divergono: secondo alcuni testimoni, infatti, l'uomo avrebbe picchiato i due della Sita, provocandogli ferite al volto, anche gravi ma alle forze dell'ordine tutto ciò non risulta tant'è che parlano di spintoni e aggressione verbale, anche nei confronti di alcuni passeggeri ma non di feriti; i due malcapitati, comunque, ieri sera stessa sono stati visitati dal personale medico del "118" giunto sul posto con due ambulanze.

L'episodio, non certo il primo che accade e che vede coinvolti sia cittadini italiani che stranieri che pretendono di viaggiare senza biglietto, ha destato sconcerto in paese anche perchè il tutto si è svolto nel centro di Cassano, con il traffico impazzito fra chi cercava di capire che cosa stesse succedendo e l'allarme destato dalla presenza dei Carabinieri e delle ambulanze. 

Come sempre manicheo il dibattito sui social al rimbalzo della notizia: fra chi chiede l'espulsione di tutti gli immigrati dall'Italia (siano essi regolari o meno) e chi minimizza gli episodi che si succedono. 

 

 

 

Commenti  

 
#5 C@ss@nese 2018-03-15 10:51
Più che altro noto che il dibattito è fra chi prende l'autobus e sa di cosa parliamo, e chi se ne sta seduto sul suo divano a tacciare gli altri di razzismo.
Dopo poche settimane ci sì è già scordati perché qualcuno ha perso le elezioni.
 
 
#4 Neo 2018-03-15 10:16
Sicuramente chi non ha permessi di soggiorno non può stare nel nostro paese come succederebbe se noi andassimo in un altro paese senza permesso di soggiorno poi l'aggressione la poteva anche provocare un italiano e non un extracomunitario Unica soluzione, deve pagare il gesto compiuto!!!
 
 
#3 FantaScienza 2018-03-14 14:08
Per la Redazione. Avete fatto bene a precisare che questo genere di episodi coinvolge spesso, oltre che stranieri, anche cittadini italiani (e spesso, come ad esempio avvenuto a Bari, si tratta di italiani che potrebbero pagare il biglietto ma sono mafiosetti o bulletti di quartiere, che non vogliono pagarlo).. Ci sono "mele marce" sia straniere che italiane.. a cominciare da Salvini, personaggio di dubbie qualitá morali, unicamente capace di coltivare odio, pochi anni fa nei confronti di noi meridionali (aveva bisogno di voti al Nord), ora nei confronti degli stranieri (perchè alle ultime elezioni aveva bisogno di voti da tutta l'Italia).. Chiudo dicendo che queste persone, siano esse italiane o straniere, dovrebbero farsi 5/6 anni di carcere (trattasi di aggressione).. Magari una bella riforma alla procedura penale, in modo da rendere il sistema giudiziario un tantino più efficiente? Sono 30 anni che aspettiamo qualche bella riforma.
 
 
#2 ITS ME 2018-03-14 13:31
Un classico: dagli spintoni reali (come accertato dalle autorità), in sola mezza giornata di "passaparola" si era già arrivati a sfregiamenti e ferimenti vari... tempo un paio di giorni di "aggiunte" e ci sarebbe pure "scappato il morto"! ????
 
 
#1 Maya 2018-03-14 11:58
Complimenti per l'articolo, l'onda del populismo e della banalità siete riusciti a prenderla e a cavalcarla benissimo, come sempre. Anzi forse anche meglio rispetto al solito: ben due articoli! grazie al nostro V Cassanese :-) . Avrà sicuramente colto a pieno il significato del film, della rivoluzione e tutto il resto.

RISPONDE G. BRUNELLI

Grazie. Soprattutto per aver condito con ignoranza il suo scritto. Altrimenti destinato al dimenticatoio.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI