Lunedì 18 Giugno 2018
   
Text Size

Due pregiudicati cassanesi in carcere per tentato omicidio

altamura3

La mattina del 9 dicembre 2017 si erano presentati presso l’abitazione in cui abita Michele Colonna e gli avevano esploso contro, ad altezza uomo ed a distanza ravvicinata, tre colpi d’arma da fuoco dei quali uno aveva colpito la gamba sinistra della vittima procurandogli una frattura. Dopo appena due mesi dall’agguato, le  indagini condotte dalla locale Compagnia e coordinate dal Sostituto Procuratore Grazia Errede,  della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari, hanno consentito, grazie alla testimonianza della vittima e alle indagini di natura tecnica, di svelare il contesto in cui è maturata l’azione delittuosa e di individuare i responsabili ovvero  Francesco Ritoli, 41enne e Massimiliano Colonna 34enne, entrambi pregiudicati, di Cassano delle Murge, per reati contro il patrimonio e violazione della legge sulle armi.

In particolare i sicari, a bordo di un’ autovettura Audi A5, si erano presentati verso le 10.30 presso la casa rurale sita in C.da Taverna Nuovo di Altamura, dove Michele Colonna stava espiando una condanna definitiva per ricettazione in regime di detenzione domiciliare e, dopo averlo sorpreso nel cortile, avevano eseguito l’agguato utilizzando una pistola cal. 7.65. 

La ricostruzione dei fatti ha  evidenziato che, nelle medesime circostanze, anche il figlio e la moglie della vittima, uditi i colpi d’arma da fuoco ed usciti dall’abitazione  per verificare cosa stesse succedendo,  erano stati fatti bersaglio da parte del Ritoli, autore materiale, che non era, però, riuscito ad  esplodere  colpi d’arma da fuoco al loro indirizzo solo perché la pistola si era inceppata.

L’intervento immediato sul luogo da parte dei Carabinieri aveva consentito di raccogliere, quando ancora l'uomo era riverso a terra e prima dell’arrivo dell’ambulanza del 118, la sua testimonianza e quella dei suoi familiari i quali,  avevano dichiarato di aver riconosciuto senza ombra di dubbio entrambi gli autori dell’agguato: Francesco Ritoli perché, oltre ad essere già a loro noto, si era presentato presso l’ abitazione a volto scoperto, mentre Massimiliano Colonna in quanto, pur essendosi presentato a viso coperto, essendo il nipote di Michele, il ferito era stato riconosciuto per le caratteristiche fisiche e dal timbro vocale, mentre incitava il Ritoli a sparare.

L’indagine ha consentito di accertare che il movente è legato al rancore che Massimiliano Colonna ha maturato nei confronti dello zio e del cugino per alcune denunce-querele che questi avevano sporto nel passato nei suoi confronti, a causa di dissapori familiari.

Il Giudice per le Indagini Preliminari Giovanni Anglana, condividendo pienamente il quadro probatorio delineato, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del Ritoli e Colonna Massimiliano per i reati di tentato omicidio e porto abusivo d’arma da fuoco nei confronti di entrambi. Il primo ha agito quale autore materiale con il concorso del secondo.

Per i due arrestati si sono così aperte le porte della Casa Circondariale di Bari.

 

 

Commenti  

 
#9 x little pipp 2018-03-16 06:04
era la più grande aspirazione della mia vita trasferirmi a Cassano delle Mucche, non è stato facile ottenere il visto e poi la cittadinanza, prima ho dovuto dimostrare di saper portare il trattore a centro strada e parcheggiare a C l'auto come gli autoctoni...
 
 
#8 TuttiSanti 2018-03-15 14:35
Noto cn molto disgusto che in questo paese ci sono persone ( cassanesi) che nn si smentiscono mai !!! Vivono e si alimentano solo dei fatti altrui !!! Ma imparate a vivere!!!
Siete ogni presenti su ogni articolo in ogni piazza dietro ogni finestra a farvi c... degli altri senza sapere realmente cosa sia successo ..
date la colpa di ogni cosa sempre ai forestieri ma voi siete il vero marcio della società!! Grazie ai “forestieri “ che questo paese ha qualcosa ... se non ci fossero stati a quest ora eravate ancore nelle masserie a mungere e a rubare le uova al vicino e ad accoppiarvi come cani con il parente più vicino....
Ma fatemi il favore ma andate a lavorare e fatevi un esame di coscienza che in questo paese il migliore cittadino vol ess accis!
 
 
#7 Per pippuccio 2018-03-13 13:49
Pippuccio per esser di Cassano intende aver avi murgianu ?
Ritoli è Più cassanaese di lei e me insieme
 
 
#6 Per Volavola 2018-03-13 09:01
Grazie al suo consiglio adesso i ladri potranno essere più professionali. Perchè non fa anche un tutorial sugli omicidi? Potrebbe essere molto utile. Un saluto... :D
 
 
#5 pippuccio 2018-03-10 14:59
Ritoli, Colonna ... non sono "di Cassano delle Murge", fanno parte della numerosa gentaglia importata negli ultimi anni.
Grazie a tutti i palazzinari!
 
 
#4 Brava persona 2018-03-10 09:58
Ma ritoli quello che è stato arrestato qualche settimana fa per furto di auto a Putignano era già a piede libero. ??!?!?!
Brava persona direi ottimo elemento
 
 
#3 volavola 2018-03-08 08:28
A commento 2,ho cercato in maniera soft di dire quello che da Lei è stato spiattellato senza mezzi termini.Un saluto.
 
 
#2 @volavola 2018-03-07 21:53
io li definirei due cog..oni
li lasciassero in carcere questi inutili elementi della società
 
 
#1 volavola 2018-03-07 19:05
Non so se definire i due arrestati iellati o inesperti.Vanno in trasferta,si fanno riconoscere,sbagliano a centrare la vittima a distanza ravvicinata (un oculista in carcere non guasterebbe)e ciliegina sulla torta la pistola si inceppa(forse non sapevano che va manutenuta).Boh! Un saluto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI