Sabato 21 Aprile 2018
   
Text Size

E' arrivata la buriana: gelo e neve anche sulle Murge cassanesi

panorama di Cassano

L’attesa ondata di freddo è arrivata, si apprestano a vivere due giorni di clima rigido, venti pungenti e neve fino a bassa quota, in alcuni casi anche in pianura.

Il tempo migliorerà a partire da mercoledì quando le temperature tenderanno ad aumentare.

Già nella serata di ieri i primi fiocchi si sono visti sulle Murge oltre quota 400 metri, solo un antipasto, perché l’ulteriore afflusso di aria fredda, unita al transito di un minimo depressionario dal Tirreno allo Ionio, porterà nevicate diffuse su gran parte della Puglia centro-settentrionale fino a quote pianeggianti.

Le prime nevicate stanno già interessando il Tavoliere e la zona delle Murge, Cassano compresa.

Nella giornata di ieri è arrivata anche l’allerta gialla della Protezione Civile che prevede per le prossime 36 ore nevicate fino a quote di pianura nelle zone interne della Puglia centro-settentrionale, con apporti al suolo da deboli a moderati. Temperature in generale sensibile diminuzione con rischio di gelate notturne.

Il freddo sarà infatti il fattore di maggior disagio: nelle ore notturne avremo un clima gelido, con temperature negative di alcuni gradi nell’entroterra e anche vicine allo zero su coste e pianure.

Alto il pericolo ghiaccio sulle strade, specie nelle aree che saranno interessate dalle nevicate. Proprio per questo motivo, la Prefettura ha già emanato il divieto di circolazione fuori dai centri abitati, ai veicoli ad ai complessi di veicoli per il trasporti di cose di massa complessiva massima autorizzata superiore a 7,5 tonnellate nelle giornate di lunedì 26 e martedì 27 febbraio. Alla base dello stop, la previsione di precipitazioni nevose diffuse anche a quote di pianura a partire dalla giornata del 25/02/2018 con conseguente rischio per le condizioni di transitabilità dell’intera rete stradale ed autostradale nazionale.

 

Arriva il gelo: consigli per proteggere i contatori

L’arrivo dell’ondata di maltempo prevista a partire da domani su tutto il territorio servito con il possibile notevole calo di temperatura al di sotto dello zero, potrebbe causare la rottura per gelo dei contatori dell’acqua. Per evitare eventuali disagi, Acquedotto Pugliese invita i clienti a seguire alcune semplici raccomandazioni.

I contatori a più alto rischio di rottura per il gelo sono quelli ubicati all'esterno dei fabbricati, in locali esposti alla temperatura esterna o in case utilizzate raramente. 

Cinque raccomandazioni per proteggere dal gelo i contatori:

  • Coibentare la porta delle nicchie. In presenza di contatori ubicati in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, assicurarsi che la porta del vano contatore sia sempre ben chiusa e priva di aperture per la ventilazione. La porta del nicchia va rivestita internamente di materiale isolante/protettivo, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso, facilmente reperibili presso rivenditori di materiale edile.  Per isolare in modo efficace, lo spessore dei pannelli deve essere di almeno 2,5 cm.
  • Coibentare il vano contatore. In presenza di contatori ubicati all'esterno dei fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, è consigliabile coibentare le pareti del vano contatore con lo stesso materiale utilizzato per le porte delle nicchie (polistirolo o poliuretano espanso). 
  • Coibentare il contatore. In presenza di contatori esposti a temperature esterne, è consigliabile coibentare anche i contatori e le tubazioni di raccordo, utilizzando gli stessi materiali isolanti: polistirolo, poliuretano espanso o materiali simili. Si raccomanda di non utilizzare lana di vetro o stracci per avvolgere il contatore o le tubazioni di raccordo, poiché questi materiali, assorbendo umidità, possono addirittura peggiorare il rischio di rottura per il gelo.
  • Rendere accessibile il quadrante. La protezione adottata deve in ogni caso lasciare scoperto il quadrante delle cifre, per consentire la lettura del contatore agli incaricati di AQP.
  • Chiudere il rubinetto a valle del contatore e svuotare l’impianto nelle case stagionali o disabitate. In presenza di contatori ubicati all’esterno di fabbricati o case non abitate nei mesi invernali, è consigliabile chiudere il rubinetto a valle del contatore AQP e provvedere allo svuotamento dell’impianto interno (non di competenza AQP). 
  • AQP ricorda che i clienti sono responsabili della corretta custodia del contatore e, in caso di rotture o danni, sono invitati a darne immediata comunicazione alla Società telefonando al numero verde del pronto intervento 800 735 735, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.

     

    Commenti  

     
    #33 Mimmo 2018-02-27 18:30
    per una mamma Pt2 "Mi scusi signor Mimmo ma le non com'è avere un figlio"....."come avere", senza accento
     
     
    #32 Considerazione 2018-02-27 17:46
    A tutti i genitori: ma avete necessariamente bisogno che il sindaco chiudi le scuole per decidere di non mandarli? Se per me genitore mandare a scuola mio figlio, rappresenta un rischio , non lo mando e stop, non muore nessuno per un'assenza a scuola.
     
     
    #31 Mimmo 2018-02-27 15:05
    Scandalosi scusami, ho usato indicativo presente “non vi e’ accumulo” alle 7:15 stamattina, non il futuro “ ci sara’”. Puoi rileggere grazie
     
     
    #30 Una mamma pt.2 2018-02-27 14:56
    Mi scusi signor Mimmo ma le non com'è avere un figlio all'ospedale quindi chiuda quell'altro bocca
     
     
    #29 Studente 2018-02-27 13:26
    Abbiamo vinto
     
     
    #28 Scandalosi 2018-02-27 12:27
    Diceva signor Mimmo..non ci sarà accumulo? Come faranno i ragazzi pendolari a tornare a casa?
     
     
    #27 Mamma preoccupata 2018-02-27 11:37
    Vi prego di chiudere le scuole. I miei figli non sono al sicuro
     
     
    #26 Papà incazzato 2018-02-27 11:34
    Adesso sto al lavoro e non riesco a prendere mio figlio
    Da scuola. Come faccio? CHIUDERE LE SCUOLE ALMENO FINO A GIOVEDÌ COSÌ SONO SICURO CHE MIO FIGLIO È AL SICURO.
     
     
    #25 ice man 2018-02-27 09:55
    chiudete le squole, in inverno C'è IL GHIACCIO E LINFLUENZA, a primavera c'è LALLERGIA, in estate si va A FARE IL BAGNO AL MARE...rimane autunno, ma è triste con tutte quelle foglie che cadono...chiudete le squole per sempre, così li mandiamo tutti a zappare e a pascere le pecore...MA ANDATE A CAG**E.
     
     
    #24 Mimmo 2018-02-27 09:06
    mai sentito come quest'anno tante cadute, fratture e contusioni...bah... attrezziamoli con scarpe più aderenti invece che snickers e scarpe estive messe anche in inverno.e soprattutto raccomandiamoli di guardare avanti invece che sugli smartphone.
     
     
    #23 Mimmo 2018-02-27 07:15
    non vi è accumulo di neve, ogni anno per un po di neve si chiudono le scuole, fate fare festa ai vostri figli e portate qualsiasi giustifica. non si può parlare per tutti. Non entrano a scuola e li vediamo tutti per strada. la chiusura deve essere dettata da gravi motivi di maltempo e da protezione civile di cui il sindaco né è portavoce. ci sono persone che lavorano che ieri, oggi e domani alzano il sedere per fare oltre 100 km in auto per portare il pane a casa.Tutti vogliono che i figli facciano festa, nessuno protesta che i giorni persi non vengono poi recuperati. mio figlio è caduto sett scorsa per la pioggia, allora chiudiamo le scuole ogni volta che piove.Via.
     
     
    #22 Genitore 2018-02-26 23:25
    Le strade e marciapiedi sono lastre di ghiaccio per non parlare che domani mattina il clima si aggirerà attorno ai -4 gradi, penso che chiudere le scuole domani sia opportuno sopratutto per i pendolari
     
     
    #21 Lucia 2018-02-26 22:05
    Salve, ho già letto altre lamentele riguardo la non chiusura delle scuole per il giorno di domani. La strada che porta al liceo (via fratelli Rosselli) è in salita, questo potrebbe causare cadute e incidenti visto il ghiaccio che si formerà con i - 6 gradi di questa notte. Per tanto io non manderò mio figlio a scuola, come tanti altri genitori, perché siamo preoccupati. Ma non volgiamo fargli perdere un giorno di lezione. Buonaserata
     
     
    #20 Ennio 2018-02-26 21:38
    Pure mio figlio ha caduto alla squola!chidetele ancora cadono altri ragazzi.
     
     
    #19 Studente 2018-02-26 20:43
    Potreste chiudere le scuole perché devo ancora studiare chimica e fisica.
     
     
    #18 Ernesto 2018-02-26 20:31
    Chiudete le scuole per il bene dei vostri cittadini
     
     
    #17 Onofrio 2018-02-26 20:30
    Stando a ciò che le previsioni prevedono per stanotte domattina la temperatura scenderà progressivamente fino a -6º, mi sembrerebbe abbastanza ovvia la formazione del ghiaccio sulle strade principali b conducono al nostro paese, pertanto per evitare disgrazie dovute agli scivolamenti sarebbe consigliabile la chiusura delle scuole sino a fine allerta meteo, mio figlio frequenta il Liceo Scientifico e oggi scivolando per via del ghiaccio ha urtato la rotula provocando una contusione...
     
     
    #16 Giorgio papà 2018-02-26 19:59
    Hai ragione, oggi ogni scusa è buona per non andare a scuola, ma ogni tanto non è una scusa, ma la verità. Noi siamo di Santeramo, qui, come a Cassano d’altronde, la neve sta ghiacciando le strade ed è praticamente impossibile riuscire a muoversi con la macchina dentro il paese...figuriamoci fuori per poter portate i figli a scuola, tralasciando il fatto che i ragazzi possono scivolare fuori da scuola o anche alla fermata dell’autobus. Non tutti sono così poco apprensivi come me e questo lo so benissimo, ma in questa circostanza prego di chiudere le scuole con buone motivazioni, grazie ed arrivederci.
     
     
    #15 Obiettivo 2018-02-26 19:30
    Sarebbe ridicolo chiudere le scuole domani, si tratta di una spolverata di neve! Capisco che per gli studenti ogni occasione è buona per fare festa ma voi genitori.....
     
     
    #14 genitore 2018-02-26 19:29
    Il tragitto scuola casa per gli alunni, sia di cassano sia dei dintorni, risulta al quanto pericoloso. Perciò chiediamo gentilmente di provvedere per questo disagio. (meglio prevenire che curare????)
     

    Aggiungi commento

    rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

    ULTIMI COMMENTI