Venerdì 30 Ottobre 2020
   
Text Size

ASSISTENZA SCOLASTICA: UNA NOTA DEL SINDACO

sindaco_di_medio

In merito alla integrazione dell’assistenza scolastica specialistica, il Sindaco di Cassano, Maria Pia Di Medio ha diffuso la seguente nota.




Con riferimento alle molteplici lamentele, anche per mezzo stampa, espresse dai genitori di minori con disabilità interessati al servizio di integrazione dell’assistenza scolastica specialistica, nella mia qualità di Sindaco del Comune di Cassano delle Murge, responsabile del servizio di assistenza scolastica specialistica per l’intero ambito territoriale di Grumo Appula e per il solo anno scolastico 2009-2010, ritengo opportuno puntualizzare quanto segue.

 

Da questo anno scolastico il servizio di assistenza specialistica è passato da una gestione comunale a una gestione di ambito, anche se da settembre scorso le scuole (o almeno alcune) hanno cominciato il servizio, utilizzando fondi propri, e comunque durato sino a dicembre. Nel frattempo l’Ufficio del Piano di Zona lavorava alla stesura di un protocollo di intesa, fra tutte le istituzioni coinvolte, finalizzato ad avviare il servizio, utilizzando le risorse finanziarie che la Regione aveva trasferito all’Ufficio di Piano. Tale protocollo veniva approvato a novembre da parte del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito, con la decisione di integrare le risorse regionali con ulteriori risorse, rivenienti dalle economie della triennalità 2006-2008 del Piano di Zona, per la gestione del servizio per tutto il tempo intercorrente sino alla fine dell’anno scolastico, subordinatamente alla approvazione dello stesso da parte dei dirigenti scolastici e alla predisposizione dei Piani Educativi Integrativi da parte dell’Unità di Valutazione Multidimensionale della ASL.

Tale protocollo è stato poi sottoscritto dai dirigenti scolastici, nei primi giorni di gennaio, anche se taluni di essi hanno poi dichiarato di non essere in completo accordo.

Sempre a gennaio, il Comune di Cassano ha riunito i dirigenti scolastici, la Coordinatrice dell’Ufficio di Piano, il rappresentante ASL, la dirigente dei servizi sociali di Acquaviva (quale gestore a livello di ambito dell’area minori) per fare il punto della situazione e partire con le ultime fasi propedeutiche all’avvio del servizio.

Nel corso della riunione emerse che non tutti i PEI erano stati completati, e la ASL si impegnò a terminarli al più presto, cosa che è avvenuto solo in questi ultimi giorni. Nella stessa riunione emerse anche che non tutti i dirigenti scolastici erano d’accordo, pur avendo sottoscritto il protocollo, a reclutare gli specialistici tramite gara, chiedendo che fosse l’Ufficio di Piano a provvedere. Visto il protrarsi dei tempi di elaborazione dei PEI e le diverse posizioni assunte dai vari dirigenti scolastici vi sono state ultimamente due riunioni, anche per le giuste sollecitazioni che nel frattempo venivano dai genitori per il ritardato avvio del servizio, una tenutasi presso l’Ufficio di Piano a Grumo e l’altra presso il Comune di Cassano, in cui l’Ufficio di Piano si è fatto portatore di una proposta finalizzata ad attivare il servizio per gli ultimi mesi oramai mancanti alla fine dell’anno scolastico.

Una proposta che teneva conto anche della effettiva possibilità di utilizzare le risorse già impegnate in relazione ad una quantificazione delle ore disponibili per i PEI, che devono essere finalizzate alla sola integrazione scolastica e non anche alla sostituzione del taglio delle attività di sostegno operate dal Ministero della Pubblica Istruzione, non rientrando nelle funzioni dei Comuni attività di esclusiva competenza scolastica. Per altro, tale proposta si legava all’imminente approvazione del Piano Sociale di zona 2010-2012, che prevede la continuità del servizio sino al 31 dicembre 2012, utilizzando tutte le economie già stanziate per l’assistenza specialistica oltre alle nuove risorse a carico dei fondi che saranno trasferiti dalla Regione per il triennio 2010-2012, compatibilmente con gli obiettivi sociali fissati dalla stessa Regione e alle indicazioni programmatiche emerse dal territorio, in questi ultimi mesi di concertazione con il terzo settore e con le organizzazioni sindacali.

Da ultimo, il Coordinamento Istituzionale, riunitosi il 16 marzo scorso, per l’approvazione del Piano Sociale di zona 2010-2012, ha anche approvato l’indirizzo di far partire il servizio per i mesi che restano a disposizione, invitando il Comune di Cassano ad attivare la procedura più immediata, visti i tempi ristretti a disposizione, e la ASL e le scuole a formulare i PEI in considerazione della sola attività integrativa dell’assistenza specialistica.

Il Comune di Cassano si è già attivato per indire la gara con tempi ristretti per la selezione del soggetto che erogherà il servizio sino alla fine dell’anno scolastico. Tutto ciò mi sembra opportuno chiarire al fine di evitare informazioni distorte e per assicurare ai genitori interessati che il Comune e l’Ufficio di Piano hanno lavorato strettamente in queste ultime settimane per uscire da una situazione di empasse determinata anche dalla difficoltà di far interagire istituzioni diverse.

L’approvazione del nuovo Piano Sociale sicuramente determinerà le condizioni affinché tale collaborazione sia più stringente e il servizio, pur tra i tagli determinati per la finanza pubblica, possa essere erogato con continuità.

Colgo l’occasione, infine, per invitare i genitori ad un atteggiamento responsabile, certi che insieme possiamo costruire quei percorsi, che, nei termini delle leggi, di tutte le leggi, e delle risorse finanziarie disponibili, possono assicurare i servizi necessari ad assicurare la giusta aspirazione per un adeguato inserimento sociale dei minori interessati”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.