Sabato 31 Ottobre 2020
   
Text Size

RACCOLTA DIFFERENZIATA 2009: CHE CATASTROFE

rifiuti

Per la raccolta differenziata dei rifiuti a Cassano, il 2009 è stato un anno catastrofico. E il 2010 non sembra portare buone notizie.

Secondo i dati della Regione Puglia, infatti, nel 2009 la percentuale di rifiuti differenziati raccolta nel nostro comune è stata del 7,55% (nel 2008 fu del 9,18%) con una diminuzione, dunque, dell’1,63%.

Il 2009 è emblematico: da gennaio a giugno, l’Amministrazione era a guida Gentile; da quel mese a dicembre è subentrata l’Amministrazione Di Medio. Ma la tendenza non è affatto cambiata, anzi è peggiorata in termini percentuali.

Da gennaio a giugno 2009, infatti, la percentuale di raccolta differenziata era all’8.34%; da luglio a dicembre 2009 scende al 6,74%.

Il cambio di amministrazione comunale, dunque, non ha portato alcun beneficio all’ambiente e alla raccolta dei rifiuti, da questo punto di vista.

C’è da chiedersi perché altri comuni riescono a fare meglio di noi. Altamura (il più grosso dei comuni dell’ATO) nel 2009 ha fatto il 10,75%; Grumo Appula ancora meglio: il 12,92%; per non parlare della piccola Poggiorsini: 18,24%. Facile, si dirà, raccogliere rifiuti differenziati in una piccola comunità….Che dire, allora, di Santeramo in Colle? Nel 2009 ha raccolto il 17,97% (più del doppio di Cassano), ricevendo anche premi per la compatibilità ambientale delle sue politiche visto che ha avviato raccolte e pulizie straordinarie di ampi tratti di territorio murgiano; avviato la raccolta differenziata dell’olio domestico esausto; incentivato l’utilizzo dei pannolini riciclabili invece degli usa e getta; proibito il volantinaggio porta a porta (fonte di sprechi e sporcizia).

Cassano, dunque, resta fanalino di coda e il dato cassanese ha naturalmente influenzato quello dell’ATO Ba/4 (che comprende i Comuni di Altamura - Cassano delle Murge - Gravina in Puglia - Grumo Appula - Minervino Murge - Poggiorsini - Santeramo in Colle - Spinazzola – Toritto). E’ andata malissimo: solo il 9.8% di raccolta differenziata. Nel 2009, peggio dell’ATO Ba/4 fa solo l’ATO di Foggia 1, che ha raccolto il 9.3 di differenziata.  Vale la pensa segnalare che in Puglia, l’ATO migliore ha fatto il 19,42% (ATO Lecce 3) mentre in provincia di Bari è l’ATO Ba/1 con il 17,29%. Quasi il doppio, dunque, rispetto alla nostra.

Cifre da disastro ambientale e anche economico: nel 2010 la “ecotassa” che i cittadini cassanesi pagano oramai da anni (circa 100mila euro all’anno) quasi certamente resterà invariata.

Duemiladieci che non si apre certo bene per l'Amministrazione Di Medio. L’ultimo dato disponibile, infatti, è quello relativo a Gennaio di quest'anno: la raccolta si è fermata al 5,06% (nello stesso mese nel 2007 fu del 7,57%; nel 2008 del 18,9%; nel 2009 del 6,56%).

 

Commenti  

 
#15 Volavola 2010-03-20 18:57
Non ho letto tutti i commenti però tengo a precisare che a prescindere dal numero dei cassonetti e da tutto il resto, il pesce puzza dalla testa nel senso che io differenzio e l'operatore ecologico mischia tutto.Comunque dotare di una card che ti fa pagare in base a quello consumi e che ti premia se ricicli.
 
 
#14 G. Brunelli x martello 2010-03-20 11:04
Sul contratto capestro e il capitolato assurdo, non ci sono dubbi: sta lì l'origine di tutti i mali. L'articolo non trattava di questo ma dei risultati.

Che cosa si poteva fare, in questi mesi? Non sono un amministratore e dunque non spetta a me dirlo, però già dai commenti che può leggere in questa pagina, qualche suggerimento emerge:

1) Spostare il ritiro delle buste per la raccolta dalla sede dell'ATI (in zona industriale) a qualche Ufficio Comunale (sala lettura anziani, informagiovani, ecc.);
2) Azioni di informazione ai cittadini (non viene fatta da oltre un anno) con email, sms e quant'altro. Ad esempio: il lunedì dal Comune parte un sms o un'email a tutti coloro che risiedono nella zona dove il giorno dopo sarà effettuata la raccolta porta a porta, avvisandoli e mettendoli all'erta;
3) creare piccole isole ecologiche nei quartieri, con stretta sorveglianza e qualche sanzione ai cittadini che non rispettano la raccolta;
4) obbligare gli ambulanti del mercato (in altri comuni vige da tempo) a fare la differenziata: scarti alimentari, legno, plastica.
5) fare incontri quartiere per quartiere per spiegare, mostrare dati, far capire che la raccolta dipende da noi, innanzitutto;
6) creare "eventi" per porre al centro dell'attenzione la raccolta differenziata, associandola a qualche incentivo...ad esempio: nel corso di una festa, ogni dieci chili di carta consegnati, un buono-spesa presso una cartoleria convenzionata oppure ogni 5 chili di plastica...(attenzione: il tutto a zero costi per il Comune, visto che il contratto ATI-Comune prevede, a spese dell'ATI, proprio queste azioni di sensibilizzazione...).

E si potrebbe continuare con il consiglio di chi ne sa certamente più di me.

Tutto questo poteva essere fatto e non è stato fatto. Non c'è capitolato nè gara capestro che lo impediscano. Ecco perchè ho scritto che nei mesi in cui il governo cittadino è cambiato, nulla (invece) è cambiato a proposito della raccolta differenziata.
 
 
#13 martello 2010-03-20 00:43
Dice Brunelli "Da gennaio a giugno 2009, infatti, la percentuale di raccolta differenziata era all’8.34%; da luglio a dicembre 2009 scende al 6,74%"
Spiegami, caro Brunelli, che centra questa distinzione se il servizio è sempre gestito da COLUGUGLIE? Se il contratto 2004 fu capestro, continua ad esserlo tutt'oggi. Lo scienziato Gentile partorì un capitolato che nell'enfasi della campagna elettorale 2004 ci tenne a sottolineare che era avvenieristico ed europeo. Come tutti i bidoni gentiliani, i guai li stiamo passando noi cittadini. La Di Medio poi si deve districare tra l'incudine e il martello e come si muove lo prende in testa.
 
 
#12 indignato 2010-03-19 23:32
penso semplicemente che manca la buona volontà da parte di molti cittadini!diciamoci la verità!
Purtroppo una buona fetta di cassanesi che io definirei ZULù,sono una razza di egoisti,maleducati e presuntosi.
 
 
#11 grandepantani 2010-03-19 22:37
la differenziata e' e sara' un sogno. Bisogna prima di tutto parlare di educazione civica. c'e' gente che non butta neanche l'immondizia nel cassonetto, porta a spasso cani facendoli fare i propri "bisogni" in ogni parte ed in ogni luogo, ristoranti che non hanno i cassonetti dedicati, extracomunitari (non sono razzista) che non conoscono le regole. Come volete che si possa pensare alla differenziata????? Purtroppo questa e' la realta' siamo fatti cosi' non sappiamo rispettare il nostro ambiente anche nelle piccole cose, quante persone fumano e buttano per strada mozziconi di sigaretta. Una soluzione ci sarebbe ed e' quella drastica. Se ci sono delle regole noi tutti dobbiamo rispettarle, altrimenti..... e si altrimenti ...... MULTE, MULTE, MULTE, solo cosi', purtroppo, forse saremo piu' attenti. Un saluto.
 
 
#10 cittadino 2010-03-19 21:46
la difficoltà è trovare i cassonetti per la raccolta che rispetto ad anni scorsi si sono molto ridotti.
 
 
#9 ate 2010-03-19 18:27
per poter fare una buona raccolta differenziata bisogna anche avere a disposizione un buon numero di contenitori, che a Cassano.......diciamo che mancano?forse è per questo che la percentuale è in calo? mah
 
 
#8 SinistraEcologiaLibertà 2010-03-19 17:57
quando a Dicembre scorso svolgemmo un convegno sulla Clima e sull'Ambiente qui a Cassano, per primi denunciammo i dati della differenziata e proponemmo in quella sede di avviare dei gruppi di volontari che girassero il paese in lungo ed in largo, entrando anche nelle case di cittadini, per spiegare quello che si può e si deve differenziare, anche alla base del protocollo siglato tra comune e Tradeco. Peccato che risposte dall'amministrazione non ne sono pervenute. Se ci sono cittadini, come l'equipe di Geopolis, che vogliono dare una mano all'intera comunità da parte nostra siamo pronti e disponibili a metterci al lavoro inisieme a tutti. PaoloSchino
 
 
#7 Eraclio Mantegazziani 2010-03-19 14:49
Ma che storia è questa?
Cavolo! Con tutto il fastidio di raccogliere e separare in casa: carta, vetro, plastica...lavarli, schiacciarli, depositarli nei giorni e nei luoghi prescritti...e adesso mi venite a dire che la percentuale è addirittura in calo!
Qui c'è qualcosa o qualcuno che non funziona!
Sono parecchio incazzato.
 
 
#6 GEOPOLIS ENERGIE 2010-03-19 14:16
Geopolis Energie spera che la pubblicazione di questi dati, e l'indignazione dei cittadini, come dai commenti sopra, faccia destare le coscienze.

Il nostro progetto, come potete leggere dagli articoli apparsi su questa testata lo scorso mese, punta ad affrontare e risolvere questa tematica.

Stiamo organizzando dei focus group proprio sulla tematica della differenziata e invitiamo tutti voi cittadini interessati ed indignati a partecipare.
Potete contattarci all'indirizzo email: geopolis.energie (at) gmail.com
 
 
#5 GEOPOLIS ENERGIE 2010-03-19 14:11
Spero che questi dati facciano svegliare le coscienze cassanesi e il progetto da noi presentato venga accolto da tutti con fervore. In attesa di sviluppi pratici, stiamo lavorando con la cittadinanza alla formazione sulla differenziata. Il 29 Marzo ed il 12 Aprile terremo degli incontri tematici su differenziata ed altro (Focus Group). Per chi voglia approfondire ci può contattare a: .
Per maggiori informazioni andate a leggere gli articoli sul nostro progetto apparsi su questa stessa testata lo scorso mese. Grazie a tutti
 
 
#4 indignato 2010-03-19 13:37
condivido cittadino,io tento di fare la raccolta differenziata del vetro ed ogni volta vado alla ricerca dei bidoni appositi che sono pochissimi!
Comunque vorrei dire a Passante che i sacchetti li trovi al deposito della zona industriale,basta chiedere agli operatori e comunque molti usano i sacchetti normali,l'importante è farla.
 
 
#3 grillaio 2010-03-19 12:39
e andrà sempre peggio. Non si sa dove prendere i sacchetti, in quali orari, dove depositarli. Se i cittadini non vengono informati e facilitati nel differenziare difficilmente si potrà avere un buon risultato.
 
 
#2 cittadino 2010-03-19 12:39
per sapere e vedere come funziona la differenziata fate un salto al comune di monopoli......
 
 
#1 cittadino 2010-03-19 12:38
aumentare i bidoni per organizzare la raccolta differenziata sarebbe una soluzione per far incrementare il dato percentuale
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.