“UN POSTER PER LA PACE”: LA PREMIAZIONE

festa_pace_ragazzi

 

Sono stati 450 gli elaborati presentati dai ragazzi della Scuola Media “Vincenzo Ruffo” di Cassano al Concorso “Un poster per la pace 2009-2010” curato a livello mondiale dal Lions Club, che anche nel nostro paese hanno una rappresentanza presieduta dal dott. Nicola Petruzzellis.

 

Ieri sera, presso la Scuola, si è svolta la cerimonia conclusiva dell’iniziativa durante la quale sono stati premiati gli elaborati migliori, quelli più significativi “anche se è stato molto difficile scegliere fra i tanti – ha detto la prof.sa Dina Colaninno in rappresentanza della commissione giudicatrice – poiché ve ne erano davvero di belli e interessanti”.

 

All’incontro hanno partecipato, oltre al Presidente Petruzzellis, la Dirigente della Scuola, Maria Rosaria Annoscia che si è detta “felice di poter ospitare per il secondo anno l’iniziativa, che a questo punto ci si augura diventi una tradizione della scuola”; l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Angela Contursi che ha rappresentato anche il sindaco Maria Pia Di Medio, impossibilitata a presenzare poiché proprio ieri sera suo figlio si laureava; il Componente del Comitato Lions – 3° Circos. – “Poster per la pace”, Donato Antonacci nonché gli insegnanti che hanno curato la selezione e gestito l’intero coordinamento fra le classi ovvero Monica Massa e Maria Giustino.

 

Fra i tanti disegni ha vinto Giorgio Briganti della 3 C mentre – come mostrano le foto di Giuseppe Ferrante – molti sono stati i premiati sia a livello di classe che singolarmente.

 

Non è mancato, poi, lo spazio musicale con il Coro della Scuola  coordinato dagli insegnati Vincenzo Lofrese e Domenico Chimienti che ha eseguito brani della tradizione natalizia sia italiana che straniera.

 

La serata si è conclusa con l’invito della Preside Annoscia a prestare ascolto alla ricchezza interiore, alla generosità, alla luminosità d’animo che i ragazzi hanno e che sono stati capaci di riversare su foglio con questi disegni: adulti troppo distratti creano muri che vanno abbattutti. Ci vuole solo ascolto e volontà di mettersi in gioco.

 

Visita http://picasaweb.google.it/redazionecassanoweb/ 2009/media{/gallery}