Sabato 24 Ottobre 2020
   
Text Size

SALOTTO, SINDACI SENZA INVITO

sindaci_della_Murgia

I sindaci del Distretto del Divano murgiano tenuti fuori dalla porta del Ministero.

Ieri pomeriggio, infatti, era tornato a riunirsi dopo quattro mesi dall’ultimo incontro tenutosi il 23 giugno scorso, il tavolo tecnico per giungere alla stipula condivisa dell’Accordo di Programma, finalizzato al superamento della grave crisi del mobile imbottito che ha devastato il tessuto economico, produttivo ed occupazione della Murgia.

Una riunione da cui, però, sono stati esclusi i Sindaci dei Comuni di Altamura, Cassano delle Murge, Ginosa, Gravina in Puglia, Laterza, Matera, Poggiorsini e Santeramo in Colle e le Province di Bari e di Taranto.

Il mancato invitosi legge in una nota del sindaco di Santeramo, Vito Lillo che parla a nome di tutti gli amministratori non coinvolti - è un atto grave che viene messo a segno in una fase molto delicata di questa difficile vertenza che si potrà e si dovrà superare soltanto con il concorso di tutte le forze del territorio. La rappresentanza dei Sindaci del nostro territorio avrebbe illustrato il contenuto del protocollo d’intesa “La strategia della diversificazione” sottoscritto il 28 settembre 2009 dai perché profondamente convinti che dalla crisi in atto si esce soltanto se l’Accordo di Programma preveda l’allargamento di nuovi orizzonti alle imprese del settore agroalimentare ed enogastronomiche, delle energie da fonti rinnovabili, del turismo e della logistica.
Per l’importanza strategica del precitato protocollo, ricordo che copia dello stesso è stato consegnata nelle mani del nostro beneamato Presidente della Repubblica in occasione della sua gradita visita al Comune di Altamura il giorno 1 ottobre scorso, che ebbe ad esprimere parole di compiacimento e di incoraggiamento.
Non così da parte degli alti funzionati del Ministero dello Sviluppo Economico che pensano, sbagliando, di non dover fare i conti con le proposte che provengono dal territorio interessato.
La crisi del mobile imbottito non si supera a tavolino, ma dando ascolto ed attenzione a tutti i soggetti del territorio, Istituzioni comprese.
A livello ministeriale, si pensa pure di accantonare il ruolo delle Province che in Puglia sono state delegate dalla Regione alla politica della formazione professionale che nell’Accordo di Programma, dovrà necessariamente avere un’attenzione particolare per l’avvio della strategia della diversificazione.”

Commenti  

 
#4 cassanese in crisi 2009-10-28 16:39
Dice Lillo: "La crisi del mobile imbottito non si supera a tavolino, ma dando ascolto ed attenzione a tutti i soggetti del territorio, Istituzioni comprese". Mi vien da ridere. Sono daccordo, come cassanoweb ha scritto in un articolo del commercialista Arganese, che abbiamo bisogno di strade e infrastrutture e contributi per il turismo. quanto tempo si perde.
 
 
#3 miky 2009-10-28 13:56
leggetevi il commento-articolo del dott. Arganese...come per la circonvallazione aveva già previsto l'inutilità delle conferenze politiche dei sindaci.
 
 
#2 allodola_1 2009-10-28 12:56
in realtà a loro cosa interessa?
sostengono berlusconi che tra l'altro dice che la crisi per lui non esiste, bhè grazie! è arcimiliardario!, i suoi figli possono permettersi una vita più che agiata, sono i nostri figli che non hanno niente, nella migliore delle ipotesi hanno un lavoro precario, quattro soldi di stipendio, un mutuo sulle spalle e la speranza che la salute sia sempre buona.
ma la vera verità è che anche i morti di fame lo votano ed è proprio grazie a loro che al governo ci ritroviamo il "caro" Silvio!
 
 
#1 osservatore 2009-10-28 12:36
...di nuovo con la storiella della lettera consegnata al presidente Napolitano!!???....Ma cosa centra con le strategie e le scelte governative!!
la cosa mi inquieta se fate finta di non capire che quell'accordo di programma non bisognava consegnarlo a "Napolitano" ma bisogna alzare la voce e andare con il cappello in mano dal sig. berlusconi,voi che siete i suoi terminali;e' inutile che menate in can per l'aia.
smettetela di trovare una giustificazione a quello che non volete,o non sapete fare;cari amministratori,vi suggerisco di salire su qualche cornicione per essere ascoltati ed essere piu' credibile sulla questione "natuzzi";-)imostrate se veramente volete aiutare quei lavoratori!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.