Mercoledì 28 Ottobre 2020
   
Text Size

SCUOLA, RACCOLTE OLTRE CENTO FIRME

petizione

Sono oltre un centinaio le firme raccolte e inviate all’ex Provveditorato agli Studi di Bari.

La petizione dei genitori dei bambini della Prima Elementare del circolo didattico “Perotti” sta dunque procedendo: si chiede di far svolgere le richieste 30 ore ai bambini di prima anziché, come ora accade, un ciclo di 27 ore. Questo significa che gli alunni di prima hanno un orario differenziato rispetto agli altri (escono da scuola alle 12.45 mentre gli altri alle 13.15) provocando disagi nell’organizzazione familiare ma soprattutto “rubando” mezz’ora al giorno di lezione.

Alcuni genitori, dopo aver incontrato la dirigente del Circolo Cecilia Giovanna Ciorcieri che non ha voluto accogliere la proposta di portare a 30 le ore di lezione, hanno avviato la raccolta di firme, facendo tra l’altro notare che nel circondario solo il Circolo cassanese ha adottato questo modulo.

La settimana prossima, in una riunione con la Direttrice del Provveditorato, Stellacci si verificherà la possibilità di cambiare o meno l’orario di uscita dei bambini.

Commenti  

 
#8 precisina 2009-09-30 20:24
si cara, hanno perso il loro valore............... per fortuna però ci sono ancora dei maestri che continuano a coltivarla.
 
 
#7 antonelladad 2009-09-30 11:51
.. vorrei riportarvi un pensiero "stupendo"...
"Solo la lettura e il sepere formano e danno lo spirito delle belle maniere"..(Bice Leddomade)
la scuola è formazione, è cultura, è disciplina... ma queste cose hanno davvero perso valore?
 
 
#6 grandepantani 2009-09-29 23:53
caro "l'uomo della strada" ti informo che il mare e' composto da gocce. in qualita' di genitore voglio che mio figlio possa "bere" mezzora di istruzione al giorno che in un anno scolastico e' un mese di istruzione.
 
 
#5 grandepantani 2009-09-28 22:10
della politica non me ne frega niente. noi genitori stiamo cercando, nonostante tutto, di risolvere un problema, se possibile, per il bene dei nostri bambini. quindi, poiche' le nuove direttive prevedono alternative non rigide si sta cercando di superarle. avanti con le 30 OREEEEEEEEEE.
 
 
#4 LUOMO DELLA STRADA 2009-09-28 21:47
ALZI LA MANO CHI E' VERAMENTE CONVINTO CHE
CON 30 MINUTI IN PIU' AL GIORNO DI LEZIONE LA QUALITA' DELL'INSEGNAMENTO
MIGLIORI.

PER IL RESTO SON CHIACCHIERE, ET INTERESSI "PERSONALISSIMI"
 
 
#3 incredulo 2009-09-27 21:08
dovreste essere arrabbiati con il vostro caro ministro dell'istruzione...si fa per dire...dati "i carceri" di cui parla e non si discute dei tagli, dei precari e di tanto altro... tra un pò dovrete portare la carta igienica a scuola per i vostri figli!!!
 
 
#2 grandepantani 2009-09-24 02:11
Ringrazio cassanoweb per l'interessamento a questo problema. Noi genitori siamo veramente arrabbiati. Arrabbiati anche con coloro, genitori, che pensano solo ai propri interessi e non a quello dei propri figli. Arrabbiati con il Dirigente Scolastico che, pur di far fronte ad esigenze "di cassa", penalizza l'istruzione dei nostri bambini. Arrabbiati con i genitori delle altre classi che poiche' non interessati direttamente al problema "se ne fregano". Quindi, affinche' tutto quello che si sta cercando di fare abbia successo, abbiamo bisogno dell'appoggio di tutta la cittadinanza cassanese.
 
 
#1 precisina 2009-09-23 14:46
e se ciò non dovesse accedere, attiveremo la maniera forte: CI PRESENTAIAMO A SCUOLA CON I NOSTRI BIMBI MA QUESTI ULTIMI NON ENTRERANNO....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.