Mercoledì 13 Novembre 2019
   
Text Size

RIFIUTI, PAGHEREMO DI PIU’ NEL 2009

rifiuti



Nel 2009 i cittadini di Cassano pagheranno ancora di più per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti: 15 euro in più per ogni tonnellata di rifiuti conferiti in discarica.

Una ecotassa che ci costerà oltre 100mila euro.

Sono arrivati nei giorni scorsi, infatti,  in tutte le case i bollettini della Tarsu, la Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. E la sorpresa non è stata delle migliori: a causa del mancato raggiungimento degli obiettivi minimi di raccolta differenziata nel 2008, l’ecotassa è stata portata al massimo consentito dalla legge, appunto 15 euro a tonnellata così come recita il provvedimento della Regione Puglia  del 9 luglio scorso.
C’è da sottolineare che, oltre Cassano, anche tutti gli altri Comuni del Bacino Bari 4 (Altamura, Gravina, Grumo, Minervino, Poggiorsini, Santeramo, Spinazzola e Toritto) dovranno pagare la stessa ecotassa di 15 euro a tonnellata. Quello che li penalizza è il fatto di non aver provveduto ancora all’individuazione del gestore unico, di avere tassi di raccolta differenziata troppo bassa e non aver provveduto alla chiusura del ciclo rinunciando così a uno sconto del 50% sull’aliquota.

I cittadini cassanesi, nel 2008, hanno raggiunto poco più del 9 % di raccolta differenziata, producendo, invece, 6.719.335,00 Kg. di produzione di raccolta indifferenziata.

Se anche nel 2009 la produzione dovesse restare uguale all’anno scorso, ci troveremmo a pagare oltre 100.000,00 euro in più rispetto allo scorso anno.

Un vero salasso, a cui basterebbe davvero poco per rimediare ovvero incrementare la raccolta differenziata, incentivarla, promuoverla e punire i trasgressori: tutti atti che la vecchia amministrazione Gentile si è ben guardata dal compiere in cinque anni di gestione (a parte qualche manifesto…).

Che farà, adesso, l’Amministrazione Di Medio? E’ ancora presto per dirlo: a disposizione ci sono solo i dati di giugno 2009 e la percentuale di differenziata è stata di poco più del 6%.

Per adesso, grazie all’ignavia di alcuni ex amministratori comunale e alla insensibilità di tanti cittadini, sborseremo una somma enorme che avremmo potuto adoperare per altro Per la gioia di quelli che dicono che il rispetto dell’ambiente non porta ricchezza.

A proposito: si accettano proposte per elevare quel misero 6% mensile: che ne pensate? avete qualche sistema? qualche suggerimento? Scrivete a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Ne discuteremo.

 

RIFIUTI, LA PROPOSTA DELL’ING. CAMPANALE

Si potrebbe pensare ad un conferimento "certificato". L'azienda che gestisce il servizio dovrebbe mettere  a disposizione dei cittadini un punto di raccolta dove portare i rifiuti differenziati ricevendo in cambio una ricevuta del conferimento. Sul modello delle raccolte a punti al raggiungimento di un determinato quantitativo si "vincerebbe" uno sgravio percentuale sulla tarsu.

 

Ing. Lorenzo Campanale

 

 

 

Commenti  

 
#2 PACIS 2009-09-21 17:13
CARO TONY MI SA CHE HAI RAGIONE ,SI GIUSTIFICANO FACENDO SCARICA BARILE SULLA VECCHIA AMMINISTRAZIONE.PROVATE A SENTIRE LA VERSIONE DI CHI CI LAVORA E VI RENDERETE CONTO DEL PRIMA E DOPO.
 
 
#1 Tony Grande 2009-08-10 13:30
siamo sicuri che sono i cittadini a non fare la differenziata,o è chi raccoglie a non raccogliere e quindi conferire in discarica in modo differenziato? la raccolta della frazione umida è fatta in modo adeguato.Chi raccoglie attualmente siede alla destra del"Padre", o è tutto un imbroglio per farci pagare di più.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.