Venerdì 18 Ottobre 2019
   
Text Size

NIENTE DIRIGENTI, SOLO FUNZIONARI

piazza_moro

Risparmio e sperimentazione: sono i due criteri con i quali la nuova amministrazione Di Medio (PdL) sta operando sul cosiddetto “spoil-system” comunale ovvero l’avvicendarsi dei dirigenti e del personale amministrativo, la macchina, cioè, che ogni giorno fa funzionare il sistema per assicurare continuità agli indirizzi politici della maggioranza di governo.

Con il decreto sindacale n. 26 del 30 giugno scorso, il sindaco, in accordo con la Giunta Comunale che nella delibera n.76 del 29 giugno aveva definito “la macrorganizzazione dell’ente e l’individuazione delle strutture apicali nelle quali sono incardinate le responsabilità del complesso delle funzioni e dei servizi comunali”, ha stabilito ne nuove responsabilità dei singoli funzionari.

E già qui c’è la prima novità: non ci sono più Dirigenti ma Responsabili di posizioni organizzative. Al di là del linguaggio burocratese, ciò significa un risparmio di circa 70mila euro l’anno per le casse comunali. La precedente amministrazione, secondo quanto si fa sapere da Palazzo di Città, aveva infatti unito alla Posizione Organizzativa prevista dalla legislazione vigente per i piccoli comuni come Cassano, anche quella di Dirigente, almeno per alcune figure del personale comunale. Ovvero: uno stipendio base e una specie di “premialità” per la qualifica di Dirigenti, prevista, però, per i Comuni medio-grandi e quasi superflua per i piccoli enti.
Questo lo si è ottenuto, si legge nel Decreto firmato dalla Di Medio, “aggiornando il fabbisogno di personale 2009/2011, con conseguente revisione della dotazione organica dell’ente che, per l’effetto, non presenta più posti di qualifica dirigenziale”.

Si pensi che l’amministrazione cassanese precedente spendeva, per un solo Dirigente, circa 40mila euro l’anno solo per avergli attribuito tale funzione! Tutto nella norma e secondo legge, senza dubbio: ma che senso ha spendere una barca di soldi perché una persona sia Dirigente e abbia sotto di sé appena tre impiegati! Quasi, insomma, un Dirigente di se stesso ma a spese dei cittadini.

Ma come sono stati distribuiti i nuovi ruoli e le relative funzioni?

L’Area 1 – Servizi ha due funzionari: il dott. Donato Acquaviva si occuperà di servizi generali, alle imprese, servizi scolastici, culturali, sportivi e per il trasporto pubblico urbano; il dott. Stefano Colucci, invece, avrà la responsabilità dei Servizi demografici nonché delle strutture e dei servizi socio-assistenziali.

Anche l’Area 2 – Risorse è suddita in due tronconi: il dott. Mauro Bruno si occuperà di bilancio, tributi, personale e risorse tecnologiche mentre il rag. Franco Petruzzellis avrà la competenza su contabilità, economato e provveditorato.

L’Area 3 – Territorio è coordinato dall’ing. Domenico Petruzzellis ed ha la competenza su urbanistica, lavori pubblici, paini complessi nonché, ad interim, manutenzione, servizi di rete, igiene, ambiente, sanità e servizi cimiteriali.  Completano il quadro i due settori autonomi Affari Legali, coordinato dall’avvocato Tommaso Milella e la Polizia Municipale, comandata dal tenente Rocco Petruzzellis.

Tutti gli incarichi hanno durata di sei mesi, dunque fino al 31 dicembre prossimo: a quella data saranno verificate le singole posizioni, ed i risultati ottenuti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.