Martedì 25 Gennaio 2022
   
Text Size

Mobilità elettrica: approvato il progetto “Charging Station”

chiarging staion_1

 

Sulla cosiddetta “mobilità sostenibile” si fanno spesso tante chiacchiere a vuoto da parte di esperti, pubblici amministratori e convegnisti, senza parlare dei “laureati sui social” (!). Fatti concreti, occorrono, invece e il Comune di Cassano delle Murge ha acciuffato e fatto proprio un finanziamento che concretamente punta a far diminuire l’inquinamento atmosferico nel nostro paese con la prospettiva di vivere appieno il territorio in “una ottica di valorizzazione dei luoghi, dei prodotti e del miglioramento dell’offerta ricettiva”, ha spiegato l’Assessora al marketing territoriale della Giunta Di Medio, Annamaria Caprio illustrando il progetto “Charging Station” in Consiglio Comunale che lo approvato alla quasi unanimità (solo 1 voto di astensione).

Si tratta di tre “stazioni” dotate, complessivamente, di 22 bici elettriche e 6 mezzi elettrici “auto-bilanciati” (quelli con due ruote in parallelo) a disposizione dei cittadini in diversi punti nevralgici del paese: piazzale Sisto/piazza Merloni; la strada per Fra Diavolo e il piazzale del Convento della Madonna degli Angeli. A disposizione del progetto – per la realizzazione delle “stazioni” e per l’acquisto dei mezzi – ci sono 137mila euro di fondi ministeriali e una volta avviato il Bando d’appalto occorreranno 90 giorni al massimo per la realizzazione cui seguirà un Avviso pubblico per la gestione delle tre stazioni: per la prossima primavera, insomma, i cassanesi nonché i turisti ed i villeggianti potranno usufruire di bici e mezzi elettrici per visitare il paese, le Murge, la Foresta di Mercadante, a costo zero e soprattutto ad emissioni zero.

 

chiarging staion_2

 

A leggere, infatti, la Relazione predisposta dall’Ufficio Tecnico Comunale per candidare il progetto – su dati dell’Osservatorio Nazionale della Mobilità - si vedono numeri preoccupanti.

Nel 2020, ad esempio, il parco veicoli immatricolati su Cassano era pari a 10.118 unità di cui 6 autobus, 771 autocarri, 4 motrici, 157 rimorchi, 1.036 motocicli e ben 8.144 vetture: il 70% di questi veicoli è anteriore al cosiddetto “Euro 5” ovvero la soglia più avanzata anti-inquinamento per cui i veicoli che circolano per le nostre strade sono davvero molto, molto inquinanti!

Il rapporto fra abitanti e veicoli immatricolati, a Cassano, è pari al 55,11% (e se vi si aggiungono i motocicli la percentuale sale al 32%) ovvero 5,5 persone su 10 possiedono un’auto. Calcolando che a Cassano ci sono 4.653 famiglie (ultimo rapporto Istat) e che tra veicoli e moto vi sono 9.180 mezzi, ne consegue che ogni famiglia cassanese possiede statisticamente 1,97 veicoli.

Le conseguenze più immediate? Occupazione di suolo pubblico, cioè 53.016 mq. di “ingombro” su una superficie comunale di 2.610.000 mq. (e senza considerare i mezzi pesanti e quelli speciali). E poi le sostanze inquinanti. Secondo le elaborazioni di Eurofamily su dati Ispra i veicoli che circolano su Cassano rilasciano più di 16mila tonnellate di CO2 e quasi 3mila tonnellate di PM10 (le polveri sottili deleterie per l’organismo), ogni anno. 

Usare, dunque, bici elettriche per muoversi in paese sarà gratuito, pratico e sostenibile: per la salute di tutti.

 

 

Commenti  

 
#21 ULTIMA SCINTILLA 2021-12-16 14:39
Questa assessora al Marketing mena scintille!
 
 
#20 x trabatello 2021-12-12 10:43
In effetti i punti nevralgici di aggregazione mancano nel tuo cervello. Cassano ha cose che non hanno paesi vicini (e viceversa) però ci serve "il posto per stare a far nulla". E magari morirci aggiungo io.
Il problema non è nel paese, è dentro di voi. Imparate a valorizzare ciò che vi è offerto perché questo schifare continuo il nostro paese non fa altro che farlo morire.
 
 
#19 Scacarella Felice 2021-12-11 07:16
Giuste molte osservazioni lette, ma comunque bisogna farlo: un bel passo per Cassano.
 
 
#18 Psyco Killer 2021-12-10 19:28
Adesso scoprono che la CO2 e le polveri sottili sono dannose alla salute .
Dovrebbero anche sapere che la maggior parte di questi inquinanti sono rilasciati da tutti i mezzi pesanti(TIR,bus,betoniere etc etc)che attraversano tranquillamente il paese.
Dopo tutti questi anni di questa amministrazione comunale ,che non merita neanche un giudizio negativo , nulla è stato fatto per il completamento della circonvallazione , principale problema di Cassano.
 
 
#17 Lampione 2021-12-10 09:12
Vado spesso a correre sul prolungamento di via San Gaetano sino ad via Sant'Anna ad Acquaviva. L'altra sera l'ho fatto di sera......i lampioni a carica solare sono tutti spenti!!!.... Chi li deve aggiustare?
 
 
#16 Trabattello 2021-12-10 02:03
Per andare dove? Non abbiamo locali aperti oltre una certa, non c'è una stazione, non ci sono punti nevralgici o di aggregazione... Per andare dove??
 
 
#15 Atmosferico 2021-12-08 15:08
Ma questi personaggi in quale paese vivono???
Non ci sono piste ciclabili strade indecenti il sistema fognario che fa schifo ecc.ecc.
E hanno il barbaro ciraggio di pensare alle stronzate.
Ma andate a .......
 
 
#14 leggerezza 2021-12-07 14:43
neanche a BADAD stanno le strade che stanno qui no piccole buche ma enormi voragini, ma prima di fare le cose pensate a ripristinare le altre. In comune fanno come le 3 scimmie non vedo, non sento e non parlo.
 
 
#13 cikciak 2021-12-07 13:06
state calmi, state calmi.. questa iniziativa serve proprio x poi successivamente richiedere altri soldi alla provincia o regione che sia x sistemare le strade. anche xche nn viene richiesto cosa si è fatto con quei soldi già stanziati in precedenza x le strade.. ee daii suuuu fategli fare un natale decente a queste personcine
 
 
#12 Sal 2021-12-07 12:18
Chissà se anche questi mezzi faranno la fine (sparizione)delle bici a pedalata umana (impatto ambientale pari a zero) acquistate dal Comune anni or sono e viste in circolazione pochissimi giorni.
 
 
#11 sognoosondesto 2021-12-06 23:42
I cinesi ringraziano. Qualsiasi manuale di economia spiega che la spesa pubblica per investimenti si giustifica se ci sono significativi ritorni per la collettività in termini di aumento del reddito.
 
 
#10 Un vostro elettore 2021-12-06 20:54
Ma perché non pensare a cose serie come viabilità, verde pubblico da piangere, polisportivo con promesse mai mantenute, centro storico in pasto a vandali e sporcaccioni, per non parlare di illuminazione pubblica, ecc. ecc.
 
 
#9 Per redazione 2021-12-06 20:52
Ma sono veicoli speciali per superare le buche?
 
 
#8 Tania 2021-12-06 20:28
Fantastico!!!! Questa si che è un un'ottima iniziativa......saluti dalla vostra Tania
 
 
#7 B^NATUR 2021-12-06 17:03
Altra caricatura di questa amministrazione, nonchè di chi l'ha presentata.
 
 
#6 Piripicchio 2021-12-06 15:45
Siamo alla follia, con un paese pieno di buche, illuminazione manco a parlarne, ma quando se ne vanno questi amministratori?
 
 
#5 mina 2021-12-06 14:07
Abbiamo imparato in passato che seminare senza aver arato il terreno non porta frutti.
Abbiamo anche le piste ciclabili che sono un insulto all’intelligenza.
Cassano non è pronta a queste cose con la massa di ignoranti refrattari alle regole e dei vandali che agiscono gli uni e gli altri indisturbati.
C’è molto lavoro da fare ma non si comincia dalla fine.
 
 
#4 Soldi a perdere. 2021-12-06 13:59
Avrà lo stesso successo delle piste ciclabili, soldi pubblici spesi a favore di qualche amico per costruire cose fatte male che nessuno può concretamente utilizzare. Sembra che prendere un finanziamento sia sempre un successo, tanto non sono soldi nostri e si spendono a vuoto.
 
 
#3 giuseppe fortunato 2021-12-06 12:38
a costo zero?
 
 
#2 Verità 2021-12-06 10:41
Per come sono messe le strade, prevedo un sacco di cadute e infortuni, se questi mezzi dureranno, forse non faremo in tempo a provarli che saranno già distrutti, vandalizzati.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.