Tommaso Ciccarone "torna a casa" a capo dell'UTC

comune

Un probabilmente gradito “ritorno a casa” per Tommaso Ciccarone, che fino al prossimo 30 dicembre 2020, salvo proroghe, sarà a capo dell’Ufficio Tecnico Comunale (UTC) di Cassano delle Murge dopo la partenza dell’ing. Domenico Satalino traferitosi a Cerignola.

Dopo una parentesi, non certo finita bene, presso la Polizia Locale in qualità di Responsabile, al geom. Ciccarone l’Amministrazione Di Medio ha proposto di caricarsi sulle spalle uno dei settori più floridi ma anche più “rognosi” dell’intera macchina burocratica comunale che ha tante competenze e deve districarsi fra richieste degli amministratori, imprese, tecnici e cittadini.

Ma siamo certi che l’incarico non spaventa il neo-promosso capo dell’UTC che proprio all’ultimo piano del Municipio di piazza Moro ebbe il suo primo incarico da dipendente comunale.

Ciccarone si troverà a gestire, almeno fino a quando la Sindaca e la sua Giunta avranno individuato un nuovo Responsabile, un interessante parco-progetti lasciando in eredità da Satalino che sfiora la somma di 350mila euro fra incarichi professionali e appalti, considerando solo quelli già stanziati.

Il più imponente è quello da 400mila euro che riguarda la rifunzionalizzazione dell’ex “Garden Village”, sulla via per Mercadante e della relativa pista ciclabile lungo il tracciato dell’Acquedotto Pugliese. L’incarico per realizzare il progetto esecutivo del “complesso polifunzionale con finalità socio-educative e riqualificazione degli spazi esterni” è stato assegnato all’architetto Pasquale Tufariello che per poco più di 90mila euro cercherà di re-immaginare un impiego per l’area, nella speranza che non vengano fatti gli errori (e gli orrori) del quartiere “Sacro Cuore”, con l’ormai famosa pista ciclabile che gira….attorno ad un isolato!

Per il rifacimento di alcune strade (urbane ed extraurbane) ci sono, inoltre, 115mila euro: a dirigere i lavori ed effettuare la relazione finale sarà l’ing. Lorenzo Natale, professionista esterno al Comune. Altri 10mila euro, poi, serviranno per il rifacimento di tombini e caditoie in alcune strade del paese.

Al via anche la gara per ristrutturare (pur non essendo stato quasi mai utilizzato) il palazzotto di via Ruffo che ospitava le ex “Officine Culturali”: dalla Regione Puglia sono arrivati 97.804 euro per il progetto “Labojamo” e la direzione lavori in questo caso è stata affidata al geometra laureato Giovanni Quatraro con un compenso di poco più di 18mila euro.

La Pubblica Illuminazione, infine: dopo aver provato con il “project-financing”, andato a vuoto, l’Amministrazione Di Medio si è orientata verso l’appalto della Consip che a costi ragionevoli (tant’è che vi si sono rivolte tante Amministrazioni Locali) provvede al rifacimento delle linee, dei pali e dei corpi illuminanti: una soluzione che si spera efficace alle sempre più buie strade cassanesi. Per la progettazione definitiva della proposta da elaborare per Consip l’incarico è stato affidato all’ing. Michel Smaldino per un onorario di 19mila euro.

Al neo capo dell’UTC, dunque, il compito di seguire questi e altri lavori e incarichi per cercare di invertire la tendenza a circa 16 mesi dalle prossime elezioni amministrative comunali.