Scuola, il PD chiede informazioni all'Amministrazione

scuola elementare via Convento

 Dal Circolo Cittadino del Partito Democratico arriva una nuova richiesta di informazioni all'Amministrazione Di Medio su quanto si sta facendo per la riapertura delle scuole, prevista per il prossimo 24 settembre dopo che la prima richiesta (leggi l'articolo) è rimasta senza risposta.

Di seguito il Comunicato diffuso dalla Segretaria del Pd cassanese, Enza Battista.

 

Mancano soli 10 giorni all’apertura delle scuole e sembra ci sia ancora molta nebbia intorno a questo tema… Ci sono diverse domande che necessitano di risposte  a cui solo l’amministrazione può farlo e  a più di tre settimane dalla nostra richiesta di informazioni  non ci è stata fornita nessuna risposta. Un vecchio detto diceva “domandare è lecito, rispondere è cortesia”.

Ormai come ogni anno, l’inizio della scuola per gli studenti di Cassano è sempre molto burrascoso, almeno negli ultimi 3 anni. E se negli ultimi anni non si era riusciti ad iniziare i lavori per la scuola media, quest’anno ci si è ridotti all’ultimo momento per fare interventi di adeguamento alle norme per l’emergenza sanitaria. Leggiamo comunicati che non rassicurano le famiglie. La scuola è il luogo di crescita dei nostri figli, non può essere messa in secondo piano.

Ormai da maggio l’amministrazione si dovrebbe essere messa all’opera per capire come poter garantire un rientro sicuro per tutti gi alunni; immaginavamo la creazione di un tavolo tecnico dove Ente e scuola potessero capire bene come poter far fronte alle difficoltà, ma così non è stato. Proprio per questo motivo siamo qui oggi a chiederci se e quando arriveranno gli arredi scolastici; ci chiediamo se e come riprenderanno le lezioni; ci chiediamo se e in che condizioni verrà consegnato il plesso della scuola media; ci chiediamo se e come verrà garantito il trasporto scolastico, atteso che ad oggi non è stato effettuato neanche il bando.

Anche su questo fronte notiamo una completa mancanza di programmazione da parte di questa amministrazione, che continua a vivere alla giornata. Ormai sono mesi che sono arrivate somme per circa €220.000 tra i finanziamenti di Stato e Regione e vorremmo capire come e anche quando sono state impiegate dette somme.

Speriamo che il rumore della campanella possa destare anche loro.