Coronavirus, i casi "cassanesi" salgono a otto

protocollo-sanitario-senigallia

La Puglia segue l'Italia nell'attendere che la curva dell'epidemia da coronavirus vada verso il basso, una volta acclarato un rallentamento nella ascesa.

Per adesso, però, stando ai dati del Bollettino Epidemiologico Regionale aggiornato alle 16.30 del 5 aprile ci si deve "accontentare" di essere sul cosiddetto plateau ovvero l'area in cui, una volta raggiunto il picco, l'epidemia staziona per uno o più giorni prima di cominciare la sua discesa.

Questo, ovviamente, secondo i modelli matematici ed epidemiologici che danno per condizione essenziale il mantenimento delle attuali condizioni di sicurezza sociale: non uscire di casa se non strettamente necessario, distanziamento sociale, protezione dell'apparato respiratorio soprattutto nei luoghi chiusi.

Non bisogna mollare proprio, ora, insomma. Altrimenti tutto ciò che è stato fatto sarò valso a nulla!

Veniamo ai dati.

Oggi in Puglia, sono stati registrati 1.103 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 77 casi (ieri erano 55) così suddivisi:

28 nella Provincia di Bari (ieri erano 21)

9 nella Provincia Bat;

12 nella Provincia di Brindisi;

18 nella Provincia di Foggia;

6 nella Provincia di Lecce;

2 nella Provincia di Taranto;

1 fuori regione

Sono stati registrati oggi 9 decessi (così come ieri ma nessuno nella provincia barese): 5 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 1 in provincia BAT.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 20.080 test.

 Sono 113 i pazienti guariti mentre ieri erano 94.

 Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 2.317 (ieri erano 2.240) così divisi:

790 nella Provincia di Bari;

138 nella Provincia di Bat;

246 nella Provincia di Brindisi;

564 nella Provincia di Foggia;

368 nella Provincia di Lecce;

182 nella Provincia di Taranto;

24 attribuiti a residenti fuori regione;

5 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Rallenta, dunque, l'andamento dei contagiati, sono di più i guariti ed è stazionario il numero dei decessi rispetto a ieri. 

Notiamo, infine, un fatto che riguarda da vicino il nostro Comune.

Nella cartina che vedete qui sotto e che accompagna il Bollettino Regionale, il territorio di Cassano delle Murge (che abbiamo indicato, per comodità di lettura, con una freccia rossa) in questi giorni ha cambiato colore ovvero è passato dal bianco (dunque secondo la legenda da 1-5 casi) al rosa pallido (6-10).

 

Immagine

 

Ciò significa che sono stati confermati altri 4 casi su Cassano, tutti asintomatici, attualmente in quarantena obbligatoria domiciliare.

Nei giorni scorsi la Sindaca Maria Pia Di Medio aveva annunciato che oltre ai primi 4 casi ospedalizzati c'erano altre quattro persone a cui era stata imposta la quarantena ma erano in attesa dell'esito del tampone che evidentemente è arrivato ed ha dato esito positivo.

Dall'inizio dell'epidemia, dunque, i casi cassanesi sono otto.

Occorre, quindi, continuare a mantenere intatte le misure di contenimento per uscire quanto prima da questa spaventosa situazione.