Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Rifiuti nelle campagne: "Italia in Comune" alza la voce

italia in comune

I sindaci diItalia in Comune, Michele Abbaticchio, Tommaso Depalma, Davide Carlucci e Giuseppe Nittihanno simbolicamente siglato un documento condiviso anche dagli altri Primi Cittadini e amministratori di partito, che inoltreranno, ora, alla Regione Puglia. 

Argomento: l'abbandono dei rifiuti nelle campagne e lungo le periferie delle città.


Quello che si chiede è:

- di intervenire con maggiore decisione sia sul versante della repressione che su quello della sensibilizzazione dei cittadini;


- di agire sinergia con la Città metropolitana di Bari, che sta dotando i comandi di Polizia municipale di video-trappole e altri mezzi per il contenimento del fenomeno degli abbandoni selvaggi di rifiuti, e con le altre Province pugliesi;


- di mettere a disposizione dei Comuni adeguate risorse per finanziare progetti specifici e dedicati di pattugliamento e controllo del territorio, da affidare agli stessi corpi di Polizia municipale, alla Polizia metropolitana, alle Guardie ecologiche e campestri o alle società di vigilanza private;


- di prevedere, a favore dei Comuni e per la realizzazione di quanto richiesto, l’impegno di risorse idonee per l'assunzione temporanea di nuove unità da dedicare a tali servizi; 


- di coinvolgere le associazioni di categoria, delle società di vigilanza, degli istituti scolastici e dell'intera popolazione, affinché forniscano il loro contributo nell'indicazione delle soluzioni che possano porre fine allo scempio al quale assistiamo tutti i giorni percorrendo le nostre strade;


- di attuare campagne di sensibilizzazione delle fasce di popolazione che "resistono" alla raccolta differenziata porta a porta, coinvolgendo attivamente i beneficiari del Reddito di Dignità, da impiegare anche come supporto alle aziende di raccolta dei rifiuti nelle attività di pulizia delle campagne.

Il fenomeno è ben noto anche alle latitudini cassanesi dove nelle tante contrade e strade periferiche, spesso frequentate da turisti e viaggiatori, si accumulano enormi quantità di rifiuti. Le bonifiche da parte della ditta che gestisce il servizio, su indicazione dell'Amministrazione Comunale, sono frequenti ma gli sporcaccioni sembrano avere sempre una marcia in più. 

 

 

Commenti  

 
#1 FALSA POLITICA 2018-10-19 16:13
Tutto ciò perché non si ha il coraggio di beccarne uno di questi luridi, per somministrargli una bella multa da qualche migliaio di euro e conseguente pulizia dei luoghi a loro spese. Voglio proprio vedere se questi imbecilli persisteranno nell'opera di abbandono selvaggio dei loro simili.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI