Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Chiude i battenti "Amici della Biblioteca"

Biblioteca comunale

 

Chiude i battenti l’Associazione cassanese “Amici della Biblioteca”. I pochi soci ancora iscritti al sodalizio non sono riusciti ad esprimere al proprio interno i componenti del Consiglio Direttivo e quindi la Presidenza, ruolo ricoperto fino ad oggi dalla prof.sa Angela Di Ceglie ben oltre il suo mandato, proprio per cercare di dare un futuro all’Associazione.

Il 10 ottobre l’ultima Assemblea, dopo ben tre riunioni andate deserte durante i mesi scorsi, che ha sancito lo scioglimento dell’Associazione, nata alla fine degli anni ’90 per riattivare la Biblioteca Civica “Armando Perotti” chiusa da anni che l’Amministrazione Gentile volle spostare nel restaurato Palazzo Miani-Perotti dando dignità alla cultura ed alla promozione della lettura e della ricerca.

Nella nuova sede, la prima presidente dell’Associazione, la prof.sa Bice Leddomade riunì molti volontari che cominciarono a catalogare e inventariare il patrimonio librario della Biblioteca ed a renderlo fruibile soprattutto ai giovani che ancora oggi frequentano l’antico palazzo della famiglia Perotti.

Numerose nel corso degli anni le iniziative promosse dagli “Amici della Biblioteca”: dalle conferenze alla presentazione di libri, dai convegni alle giornate di studio fino ai progetti attuati dalla Presidente Di Ceglie con le diverse edizioni dei Festival itineranti nel centro storico cassanese, un libello sulle donne cassanesi nella storia recente e la realizzazione dei “audio-libri”, progetto quest’ultimo che ha avuto il plauso dell’Ente Parco dell’Alta Murgia che ne ha sostenuto la divulgazione su tutto il territorio.

La fuoriuscita di diversi soci, alcuni dei quali hanno poi fondato altre realtà associative e il venir meno, presso la Biblioteca Civica, di una figura di responsabilità (ad oggi, ad oltre due anni dal pensionamento dell’ultima “direttrice”, Maria Livrieri, l’Amministrazione Comunale non l’ha sostituita) hanno fatto in modo che il gruppo si disarticolasse fino alla chiusura dell’esperienza.

 

 

Commenti  

 
#3 Fouls 2018-10-18 14:29
Il riassunto è che "il pesce puzza dalla testa". Dare la colpa alla mancanza di una "direttrice" è il top!
 
 
#2 volavolavola 2018-10-17 20:48
e la cultura riceve l'ennesima mazzata , il deserto culturale a Cassano è sotto gli occhi di tutti , al massimo ci si parla noi e noi e quattro gatti
 
 
#1 Ciccio riccio 2018-10-17 20:45
COMPLIMENTI ALL'Amministrazione.
Complimenti sindaco.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI