Domenica 21 Ottobre 2018
   
Text Size

Per le "Officine Culturali" arrivano 150mila euro

officine culturali

Scorre la graduatoria regionale, grazie ad altri 3 milioni di euro stanziati e ad avvantaggiarsene è il Comune di Cassano a cui arriverà un finziamento di 150mila euro per riattivare le ex "Officine Cultuirali" di piazzetta Ruffo.

Nata nel 2009 su un immobile comunale con il progetto "Bollenti Spiriti", la struttura - dotata di attrezzature e strumentazioni praticamente mai utilizzate - è stata usata pochissimo in questi anni a causa della incapacità delle amministrazioni comunali che si sono succedute di avere un progetto chiaro sia di gestione che di funzionalità.

Il risultato è un luogo con grosse potenzialità ma inutilizzato.

Ora ci prova l'Amministrazione Di Medio che in collaborazione con l'Associazione "Apulia Country" ha proposto alla Regione Puglia un nuovo progetto per il consolidamento dell'edificio ma soprattutto per l'avvio di nuove attività. Inizialmente il progetto era risultato ammissibile ma non finanziabile per via dell'esaurirsi dei fondi a disposizione ma una nuova dotazione di 3 milioni di euro ha permesso lo scorrimento della graduatoria e quindi l'arrivo dei fondi. 

Il Progetto - intitolato "Labojano", richiamando il nome del dio Giano che  la leggenda vuole avere a che fare con il toponimo cassanese, prevede  - scrive la sindaca Maria Pia Di Medio in una nota - innanzitutto "la realizzazione di un impianto fotovoltaico che riduce l’impatto ambientale della struttura e abbassa i costi di gestione. Oltre ad un sistema idraulico di riuso dell’acqua presente in un pozzo sorgivo posto all’interno della cantina ed interventi edili di straordinaria manutenzione e ripristino dell’immobile. Ma non solo! E’ previsto l’acquisto di attrezzature d’avanguardia complementari a quelle già esistenti e da tempo inutilizzate. Le attività previste si rivolgono, in coerenza con la destinazione delle Officine Culturali, alla popolazione giovanile.  Sono previsti laboratori permanenti delle arti e dei mestieri, per approcciare i giovani alla nostra cultura artigianale; della cultura, con caffè letterari e progetti musicali, la realizzazione di uno spazio bibliografico e la collaborazione con le case editrici. E poi, coworking, con professionisti e freelance e, living lab per la promozione di un processo cittadino partecipato che l’Amministrazione in parte ha già avviato nei mesi scorsi aprendo le officine culturali a incontri periodici di confronto e di coprogettazione con le realtà locali".

 

Commenti  

 
#11 Iui 2018-10-10 13:25
Ha ragione winter date i soldi ai piccoli commercianti. Queste associazioni sono soldi sprecati
 
 
#10 Difficile 2018-10-01 13:26
Ho letto i commenti e vedo che, come giusto che sia , ci sono opinioni diverse ma tutte rispettabili. Comunque IO, per tanti motivi, spero di riuscire a trasferirmi al più presto. Sul fatto che verranno messi gli interessi dei ragazzi in primo piano rispetto a tutto..... Ba’ , scusatemi ma ...... meglio che sto zitto....????
 
 
#9 WINTER 2018-10-01 13:10
Date 15.000 a 10 esercizi commerciali per popolare il centro storico.
Sarà un fallimento come per i laboratori di officine dove alla fine nulla è rimasto
 
 
#8 Partipilo t. 2018-10-01 13:03
Con i 3 milioni la Regione ha finanziato tutti i progetti presentati.
Spero che non siano un ulteriore esempio di spreco di denaro pubblico per far campare con compensi qualche giovane o qualche soggetto interessato.
 
 
#7 Raffaello Smaldino 2018-10-01 11:51
Il letame è ottimo come concime. Ed è grazie ad esso che possono svilupparsi i frutti ;)
 
 
#6 Raffy 2018-10-01 11:02
Xvolavolavola
Sono d'accordo con angel ,perche'lamentarsi e piangersi .
Se qualcosa non va bisogna darsi da fare ,ben venga in aiuto per riqualificare il centro storico
 
 
#5 Cittadino 2018-10-01 10:12
Ben vengano queste iniziative. L' importante è che siano portate avanti da persone che abbiano a cuore e mettano in primo piano l' interesse e la tutela dei nostri ragazzi SU TUTTO.
Se non fosse così o si sapesse che non fosse così allora NON sarebbe una bella cosa.
 
 
#4 Tonin del centro sto 2018-09-30 20:33
angel, io sarei molto cauto nell' invitare i cittadini ad abbandonare il paese. Non so se si è accorta che c'è già il fuggi fuggi. Alle agenzie immobiliari c'è in vendita mezzo paese? Oddio, il 50% è formato dalle abitazioni dei residence Fra Diavolo, villaggio ginestre, Mercadante e Quadrifoglio, ma anche in paese non si scherza. Cassano finirà come già accade per altri paesi pugliesi, dove i sindaci offrono agevolazioni nel pagamento tasse purché la gente ripopoli il paese.
Quindi accettate i commenti che possono essere positivi o negativi, tutti abbiamo idee diverse e opinioni discutibili, ma evitate di spingere la gente ad andarsene. Il paese è già poco abitato, non voglio che ci ritroviamo con l'età media sugli 80 anni.
 
 
#3 angel x volavolavola 2018-09-30 16:55
forse il letamaio ce l'ha a casa sua! perchè denigrare sempre il paese? se non vi va bene andatavene! e mai che devo leggere dei commenti piacevoli, sempre offese ed insulti! firmatevi prima di offendere il paese e le varie iniziative.
 
 
#2 per 3 vola 2018-09-30 16:53
e allora? il letamaio a casa tua cerchi di pulirlo un pezzo per volta o lo lasci imputridire? che ben vengano iniziative volte ad animarlo poi, se un pezzo per volta si riuscisse ad animarlo, forse potremmo avere un centro storico migliore. o no ?
 
 
#1 volavolavola 2018-09-30 09:42
oooooh ecco un bel piattino dove mangiarci tutti e poi di nuovo nell'abbandono , cosa vuoi ristrutturare ? Dove sono i giovani ? Tutti ad ACquaviva e Altamura non in quel letamaio che è il centro storico
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI