Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

Rimozione amianto: dalla Regione 50mila euro al Comune

download copy copy copy copy copy copy copy

Ammonta a 50mila euro il contributo che la Regione Puglia ha messo a disposizione del Comune di Cassano quale contributo per la rimozione dei manufatti in amianto nelle strutture private sul territorio comunale.

Il nostro Comune è risultato al 60° posto nella classifica dei richiedenti, mettendo sul piatto un co-finanziamento di 12.500 euro per cui la somma complessiva a disposizione è di 62.500 euro. 

Stavolta, dunque, l'Amministrazione comunale non si è fatta trovare impreparata dall'Avviso Pubblico emanato dalla Regione lo scorso marzo ed è riuscito a portare nelle casse comunali un importo ragguardevole: non risolverà di certo tutti i problemi legati alla rimozione dei manufatti ma è comunque un buon contributo. 

Spetta ora al Comune avviare le procedure tecniche perchè di quel contributo ne beneficino i cittadini. 

Commenti  

 
#5 volavola 2018-06-09 10:59
A M.R,la ringrazio e ricambio per gli auguri,non credo abbia fatto denuncia per iscritto alla ASl ed ai vigili. Se si,sarebbe molto grave il non intervento,si configurerebbe il reato di omissione di atti di ufficio. Un saluto.
 
 
#4 M.R. 2018-06-09 08:06
Ho appena letto il suo commento.
Quello che lei dice è già stato fatto prima ancora che lei immagina.
Quindi lasci perdere e passi un buon fine settimana!
N.B Non ho bisogno di nessuna lezione da parte di chiunque o di una persona qualsiasi!
Alè!
 
 
#3 volavola 2018-06-08 17:40
A M.R, essendo a conoscenza che la casa dei suoi ex vicini con un tetto in amianto piuttosto ampio sarebbe stato suo dovere civico denunciarne la presenza alle autorità competenti.Allo stato dei fatti non mi sembra possa considerarsi fra la schiera dei"cittadini attivi".Mi ricorda tanto un qualcuno che diceva:"Armiamoci e partite". Un saluto.
 
 
#2 M.R 2018-06-08 10:05
Speriamo, e mi auguro di cuore che tutti i proprietari che hanno amianto sui tetti si rendano conto che è un'opportunità da non perdere.
Mi auguro che non si faccia i furbi e che ci sia gente responsabile e competente a gestire il tutto.
Gradire che la questione fosse resa pubblica,anche per coloro che fanno orecchie da mercante(e in giro di gente del genere ce ne tanta).
Quindi sarebbe carino avere maggiori informazioni sul da fare e se fosse il caso che noi " cittadini attivi"ci attivassimo nelle segnalazioni di casi di nostra conoscenza così da rendere tutto più semplice.
N.b.In parole semplici Cassano delle Murge ha bisogno di una bonifica,incominciando dalla casa dei miei ex vicini di casa,la quale ha un tetto in amianto piuttosto ampio,con le conseguenze per noi che ci abitiamo e siamo a contatto tutti i giorni.
Alè!
 
 
#1 volavola 2018-06-07 21:04
Mi auguro che a beneficiarne siano i cittadini che abbiano denunciato la presenza dell'amianto nei tempi previsti dal comunicato emesso dal comune tempo addietro(con relative proroghe).Naturalmente(mi sembra ovvio) chi si ricorda di presentare domanda attualmente oltre a non godere benefici ,provvedendo di tasca propria ,dovrebbe essere passibile di una sanzione.Un saluto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI