Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

Rifiuti, secondo giorno di sciopero per gli operai Tradeco

23660672 1788369658128632 1254847364 o-iloveimg-resized

Nonostante le rassicurazioni dell’Amministrazione Comunale Di Medio, anche oggi i lavoratori della “Tradeco” sono in sciopero: non ci sarà, quindi, la raccolta dei rifiuti per le strade cassanesi. Per il secondo giorno consecutivo.

Ieri pomeriggio, dopo ore e ore di silenzio istituzionale, il Comune aveva invitato i cittadini a lasciare per strada i bidoncini, spiegando di aver intimato alla ditta altamurana che gestisce il servizio di provvedere alla raccolta, pena la denuncia per “interruzione di pubblico servizio” e lo scattare delle sanzioni previste dal contratto d’appalto.

Ma nulla è accaduto.

Le distanze, infatti, fra le richieste dei lavoratori e l’azienda sono profonde e il Comune non riesce, evidentemente, a mediare fra le due parti in causa.

Il problema è che ci sono ritardi nel pagamento degli stipendi per gli operai, che viaggiano su mezzi obsoleti, spesso senza manutenzione e che a volte sono costretti a restare in azienda per la mancanza di assicurazione. Anche divise e mezzi di protezione personale sono vecchi e consnti, dicono i lavoratori, spalleggiati in questo dalle diverse sigle sindacali. 

La questione ieri sera è stata discussa anche in Consiglio Comunale su sollecitazione del Consigliere Davide Del Re di "Più Cassano", interrogazione alla quale l'amministrazione ha risposto di aver fatto tutto il possibile, in suo potere, per scongiurare una situazione che però si ripercuote pesantemente sui cittadini. 

 

 

Commenti  

 
#13 Gvill27 2018-03-21 11:17
La Differenziata NON FUNZIONA grazie alle menti eccelse che ci sono!!
 
 
#12 incaz... 2018-03-20 17:42
Sono pienamente d'accordo con disoccupato, dare lavoro a chi non lo ha, in comune c'è gente da mandare nel bidone dell'umido assieme alla busta paga.
 
 
#11 x pecoroni 2018-03-20 16:21
non ti farebbe male un po di grammatica..
 
 
#10 Pecoroni 2018-03-20 15:54
Il servizio pessimo e scifofo che viene fatto non e degnio di essere pagato lancio un appello a tutta Cassano di non pagare le prossime rate e non fargli ancora una volta credere che siamo una comunità di pecoroni le responsabilità sono da attribuire alla nuova amministrazione e al suo prediletto assessore vergogniatevi
 
 
#9 Risorse disumane 2018-03-20 14:30
Fermo restando il diritto di sciopero, un'azienda che si occupa di un servizio di pubblica utilità deve garantire il servizio minimo, essere avvisata e avvisare a sua volta....chi si occupa di Risorse Umane in questa azienda?!
 
 
#8 G v 2018-03-20 12:05
Se non si da un taglio netto ci saranno sempre disservizi il personale sempre poco la ditta nuova dice che ha vinto l'appalto che fine ha fatto ? Se esiste tutto sto schifo in primis è colpa dell'amministrazione che è assente è non rimedia una soluzione tutto il paese è uno schifo le strade sporcizia da pertutto cestini sempre pieni di merda soprattutto via convento nei pressi della scuola ecc ecc ecc
 
 
#7 Gatta 2018-03-20 11:26
Qui fatta ci cova
 
 
#6 peppes 2018-03-20 11:17
Premesso che Zullo ha fatto un appunto intelligente faccio notare che la Sindaca ha sempre la pezza giustificativa per trovare la scusa agli aumenti.

Il ragionamento non torna perché la vendita dei rifiuti è una sorta di premialità che ritorna alla ditta ed ai cittadini che questo beneficio non lo hanno mai toccato con mano nonostante gli sforzi.
Ora che la vendita rende meno ha poco senso come scusa. La verità è che il costo del servizio aumenta sempre a fronte di una pessima qualità del servizio (ed i disservizi sono sotto gli occhi di tutti).
Questo sistema cara Sindaca lo ha studiato lei e mai, sottolineo mai, è stata detta una parola a rimarcare i difetti ed i problemi del sistema.
Con questo modo di fare, con questi soggetti e questo pressappochismo finiremo in pochi anni per pagare il doppio di quanto si pagava nel 2009. Ed avere un servizio peggiore.
A parità di abitanti ci sono decine di paesi in Italia che pagano molto meno ed hanno un servizio migliore.
Evidentemente hanno amministratori migliori e gente che tratta la monnezza differente.
 
 
#5 A quan 2018-03-20 10:53
Si parla tanto della ditta nuova che a conto la gara quando ??? Se è vinto non si capisce perché il comune aspetta a farla entrare ?
 
 
#4 Munnez 2018-03-20 09:52
Nunzia, questo paese è giá nella *****
.....spettrale quasi fantasma
 
 
#3 NUNZIA 2018-03-20 08:46
Ma è possibile che le persone devono tenersi la spazzatura in casa? Io ho un bambino piccolo e il bidone della differenziata e pieno, quando non sapete fare la raccolta differenziata, perché non è la.prima volta che succede, cazzo mettere dei bidoni ad ogni angolo così la gente va a buttare li la spazzatura, e gli addetti poi la prendono di la no casa x casa non è possibile ogni volta tenersi la monnezza a casa, e dai su mettete un po di cervello, che sto paese sta diventando na merda.
 
 
#2 M.R. 2018-03-20 08:39
Digressione
Se la ditta Tradeco non è in grado di gestire il tutto non capisco il motivo per il quale si "accanisce"ad andare avanti.
Basterebbe un piccolo esame di coscienza da entrambe le parti:amministrazione e ditta e ammettere di sottovalutare la gravità della questione ormai annosa.
E'chiaro che chi ne paga le conseguenze sono i dipendenti e soprattutto noi cittadini che oltre al danno morale che non è da sottovalutare,anche la beffa vedi l'aumento della tariffa da pagare.
Concludo con una considerazione: siamo in generale nelle mani di gente incompetente, di persone (per usare un eufemismo) che ancora una volta si prendono gioco di noi.
Alè!
 
 
#1 Disoccupato 2018-03-20 08:27
Non tant a tirè la zoc, ka po s spezz!

Se qualcuno di voi vuole abbandonare il posto di lavoro, sarei ben lieto nel sostituirlo anche alle attuali condizioni.
Se mi volete frustare al mattino o manganellare per divertimento o per mobbing potete farlo, purchè ho un posto di lavoro retribuito di 1500e al mese, ogni 3 mesi, ogni 6 mesi, quando volete. Grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI