Giovedì 20 Settembre 2018
   
Text Size

Cento euro per chi adotta un cane randagio. Ecco cosa occorre fare

randagismo

Cento euro a chi adotta un cane randagio. A pagare, il Comune ovvero tutti i contribuenti cassanesi.

A quasi quattro anni di distanza, la Giunta Di Medio da esecuzione ad una Delibera approvata dal Consiglio Comunale di Cassano nel novembre 2014 quando l'allora assessore al randagismo, Maria Luisa Marazia propose e fece approvare un incentivo all'adozione per cercare di contenere la piaga degli abbandoni indiscriminati di cani. L'idea era quella di incentivare le adozioni dei cani custoditi dal canile comunale e scongiurare il sovrapopolamento della popolazione canina che costa ogni anno alle casse del Comune oltre 340mila euro.

Chi vorrà adottare un cane - fra quelli di almeno un anno custoditi presso il canile - dovrà dimostrare di tenerlo con cura e, dietro presentazione di un certificato veterinario, potrà ricevere il contributo "una tantum": non si tratta, cioè, di un contributo annuale ma occasionale a parziale ristoro, cioè, delle spese sostenute. 

La trafila prevede la richiesta al Sindaco - per legge proprietario dei cani sul territorio che non abbiano un padrone - quindi la verifica dei requisiti, il preaffido e nel caso ci siano le condizioni, il vero e proprio affidamento.

Tutte le informazioni e la documentazione sono recuperabili qui. 

Commenti  

 
#25 oplà 2018-02-19 13:23
ne posso adottare 5 , mi servono cinquecento euro urgenti
 
 
#24 volpe 2018-02-18 17:21
Lastoria e' la solita:CHI CONTROLLA IL CONTROLLORE???Chi controlla che fine fanno i 360,000 euro(E NON SI STA PARLANDO DI NOCCIOLINE)???E poi dobbiamo avere anche i randagiad abbellire il paese???? Ma accditl tutt.
 
 
#23 volavolavola 2018-02-18 10:23
e i 360000 euro annui al canile che fine fanno ? Come al solito tutto scaricato sui cittadini , come la raccolta differenziata , il verde e adesso anche i cani
 
 
#22 cittadino 2018-02-17 17:11
troppo comodo per la "sindaca" scaricarsi delle propie responsabilità
VERGOGNATI
 
 
#21 mimma attisani 2018-02-17 13:16
Condivido in pieno, la proposta di Max,intelligente e pratica,oltretutto mette al riparo da strumentalizzazioni,magari c'e' gente che"BUTTA"il cane x strada dopo avere preso il contributo , con la scusa che "E'SCAPPATO".Max complimenti :-)
 
 
#20 Anziano Cassanese 2018-02-17 12:36
X ciclista 2

Esagerare? Ma hai mai provato a dormire in estate con 35° e le finestre chiuse e al mattino andare a lavoro con 3 ore di sonno, causa l'abbaiare incessante dei cani del vicino? Prova e poi vieni qui a scrivere.

X comm. 18

Chi possiede dei cani è reca disagio ai vicini nelle ore di silenzo estivo e notturno è incivile e non merita nemmeno di vivere a Cassano tra le "vacche" e i rifiuti che i suoi concittadini di città abbandonano ovunque, soprattutto in zona residence e lungo il tratto di strada per tornare a casa in città. Cassano paese del terzo mondo però la villa v'piescc eheheh. Sputate nel piatto dove mangiate, ridicoli.
 
 
#19 Verità 2018-02-17 11:18
La questione è che la collina è un quartiere abbandonato a se per tanti motivi e alcuni residenti incivili e menefreghisti fanno quel che vogliono perché nessuno controlla.
I cani si possono tenere, l'importante è non recare fastidio o problemi al vicino o al prossimo.
 
 
#18 X gli ignoranti 2018-02-17 10:42
Io sinceramente vivo in pieno centro a CASSANO e i laureati dei cani no li sento,ovviamente se il proprietario è maleducato lo sarà anche nel gestire il suo cane,ma questo è un' altro discorso.È inutile che vi scaldate,adesso vi lamentate dei cani ma vi siete scordati voi Cassandra doc di quando dicevate insieme alle vacche?E i rifiuti in ogni angolo della strada,che mi sembra di stare nel terzo mondo lo fanno i cani o le persone schifose?
 
 
#17 xy 2018-02-16 19:52
PER COMM 13.IL Fastidio ARRECATO da certa gentaglia dopo delle ore finisce!Mentre il latrato e l'abbaiare di alcuni cani nei pressi del bar gardenia e in molti altri posti e' continuo per tutto il il giorno e la notte!PER LEGGE SI DEFINIREBBE"DISTURBO ALLA QUIETE PUBBLICA" art 659 c.p.
 
 
#16 Ciclista 2 2018-02-16 18:32
A me sembra che si stia esagerando accanendosi soltanto con una persona,perché rea di gestire un numero considerevoli di cani. Pur avendo riscontrato il chiassoso e fastidioso abbaiare dei cani al passaggio davanti all'abitazione in questione, non mi è passata inosservata un'altra bella abitazione,sempre in zona, di proprietà di un ex amministratore pubblico, il cui tratto di strada prospiciente è costellato di voluminose, vistose e maleodoranti pisciate.
 
 
#15 Amico degli animali 2018-02-16 17:46
X comm. 13

Ma il maiuscolo lo dobbiamo intendere come un gridare? Poi, non ho capito, si dovrebbe essere ignoranti in virtù dell'ignorare cosa?

Nessuno ha rivolto accuse nei confronti degli amici a 4 zampe, ma leggo nei confronti dei loro padroni che purtroppo per "ignoranza", ignorano le leggi e aggiungerei sono laureati incivili. Un esempio è la mia coinquilina del piano superiore che sbatte dal balcone i suoi tappeti carichi di capelli e peli dei suoi animali che detiene in casa.
Come tu scrivi, questa è mancanza di rispetto non solo delle persone, ma anche degli animali che vengono privati della loro libertà offerta da madre natura
 
 
#14 X commento 13 2018-02-16 16:49
Nel momento in cui i latrati dei cani danno disturbo e danno alla quiete pubblica e tu proprietario con comprendi questo disagio, stai oltrepassando il limite del rispetto altrui!!! Se il cane è educato e non da' fastidio agli altri, te lo puoi portare pure a letto. Ma se abbaia anche al passaggio delle persone spaventando la gente non è ammissibile. Bel rispetto che avete degli altri voi animalisti che li tenete segregati in casa
 
 
#13 X gli ignoranti 2018-02-16 16:23
MA IL FASTIDIO ARRECATO DA CERTA GENTAGLIA CASSANESE LO VEDETE O CHIUDETE GLI OCCHI.PURTROPPO CASSANO RESTERÀ INDIETRO ANNI LUCE RISPETTO AI PAESI CIVILI PER COLPA DELL'IGNORANZA DI ALCUNI SUOI CITTADINI,UN PAESE SI GIUDICA ANCHE DAL RISPETTO CHE HA VERSO GLI ANIMALI
 
 
#12 peppes 2018-02-16 12:35
Questa è una iniziativa dell’assessore Marazia, non certo una idea di Brrano. Risale al 2014 lo studio del tutto.
Leggano bene i furbetti. I soldi ve li daranno fra un anno.
 
 
#11 Ciclista 2018-02-16 11:38
Bella iniziativa, ne adotteró anche io un paio, 200e fanno sempre comodo.

Con il mio gruppo passiamo spesso davanti a quell'abitazione dove ci sono tutti quei cani, perché dopo la salita svolgiamo sul tratto asfaltato che ci immette su quello brecciato della cava e successivamente sulla panoramica. Una volta ci siamo soffermati per recuperare fiato e devo dire che quei cani sono molto aggressivi, sbavano dalla rabbia. All'interno dell'abitazione ce ne sono altri, si sentivano abbaiare. Se si trovasse un bambino nei pressi della ringhiera potrebbe essere sbranato se involontariamente poggiasse un braccio sulla ringhiera. C'è da dire che di volta in volta vedo sempre nuovi cani, alcuni mi sembrano in cura, non vorrei sbagliare ma secondo me trattasi di un posto dove vengono temporaneamente tenuti cani provenienti da ambulatorio veterinario. Quindi luogo totalmente adibito in modo abusivo in un centro abitato.
Non voglio immaginare se un giorno passiamo e il cancello è aperto :cry:

Buona giornata.
 
 
#10 Alex 2018-02-16 10:50
Se quella signora abitasse più giù all'altezza della casa dell'ex forze dell'ordine e dell'ingegnere non durerebbe
un giorno, lei e i suoi 10 cani. Dovrebbero provare tutti tali disagi diurni e notturni per capire il fastidio che recano i cani nelle abitazioni.
Che poi non è nemmeno di Cassano, ma di Bari, chi l'ha portata su in collina?
 
 
#9 Residente C.S.Lucia 2018-02-16 10:38
Comm. 2 ha centrato un grosso problema che abbiamo in quel quartiere. Provate a passare solo davanti all'abitazione di questa signora e verrete aggrediti da un numero immane di cani di tutti i tipi e razze.
Per non parlare degli escrementi lasciati ovunque che in estate rendono l'aria irrespirabile. Ma i vigili urbani una passeggiata potrebbero pure farla, non c'è
per forza la necessità di ricevere denunce per agire.
 
 
#8 certezza 2 2018-02-16 08:40
Sono d'accordo con certezza 1.
 
 
#7 Margherita 2018-02-16 08:00
D'accordissimo con il commento 1 e 2. Le case hanno la certificazione per civile abitazione e non per canili!! Ma ci si vuole rendere conto del disturbo che i cani arrecano ai vicini??? Occorre, invece un regolamento e leggi a tutela della quiete. Perché non mettere invece una tassa ai possessori di cani per pagare il canile??? È ovvio che l'ex assessora doveva far approvare questa delibera: è un veterinario e pensa al suo ambulatorio!!!!
 
 
#6 Certezza 1 2018-02-16 07:31
Ma andate a ...........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI