Martedì 24 Ottobre 2017
   
Text Size

Santina Difonzo ha festeggiato 100 anni!

DSCN0019-iloveimg-resized-iloveimg-resized

Ha festeggiato 100 anni d’età Santina Difonzo, nata a Santeramo in Colle il 2 ottobre 1917 e da una decina di anni residente a Cassano delle Murge, dove vive assieme alla famiglia di suo figlio.

Questa mattina Santina è stata festeggiata da tanti parenti (due figli, Antonia e Massimo, quattro nipoti e tre pronipoti) e amici presso il “Centro Alzheimer – Villa dei Pini” di Cassano che frequenta ogni giorno assieme a tanti altri ospiti, alla presenza del Presidente di “Villa dei Pini spa”, Giulio Centrulli, del Direttore del Centro Davide Pignatale e degli operatori della struttura che hanno organizzata per la signora Difonzo una grande festa, con sorprese, musica e ricordi.

 

DSCN0019-iloveimg-resized

 

A portare i saluti delle comunità di Cassano  e di Santeramo, i rispettivi Sindaci  Maria Pia Di Medio e Fabrizio Baldassarre che hanno fatto alla signora Difonzo i complimenti per il ragguardevole traguardo e gli auguri per il futuro.

“E’ la prima volta, da quando sono Sindaco – ha detto fra l’altro Baldassarre – che sono presente ad una cerimonia per una centenaria e sono davvero commosso ed emozionato: significa che tutto sommato nei nostri paesi si vive bene!”.

“Complimenti per la forza ed il coraggio – ha detto Maria Pia Di Medio – perché arrivare a 100 anni significa avere fibra non comune!”.

Santina era la quarta di cinque figli, in una famiglia di contadini a Santeramo in Colle. All’età di 13 anni rischiò di morire per la malaria, racconta una sua stretta parente: la febbre ad oltre 40° non accennava a diminuire tanto che la famiglia si rassegnò alla sua morte e le stavano preparando addirittura il funerale, come la stessa Santina racconta. Poi, all’improvviso, ebbe una convulsione violentissima e d’un tratto la febbre cessò: si senti meglio, si alzò dal letto e cominciò a mangiare. Era guarita, inspiegabilmente. Non sa darsi neppure lei, ancora oggi, una spiegazione.

Sposò Giuseppe Bongallino, deceduto prematuramente nel 1981 a 64 anni a causa di un ictus e da allora ha sempre badato a se stessa, crescendo i suoi due figli. Ama la vita all’aria aperte e i lavori di qualunque genere perché, come dice sempre, e a questo punto le si può credere”, chi lavora, campa cent’anni.!

 

 

DSCN0043-iloveimg-resized

 

 DSCN0022-iloveimg-resized

 

 

 

 

Commenti  

 
#2 C A 2017-10-02 14:19
Che bello! Auguroni!
 
 
#1 Giggetto 2017-10-02 11:31
Auguri!! Lunga vita e che Dio ti protegga!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI