Venerdì 20 Ottobre 2017
   
Text Size

Il Mercoledì delle Ceneri

ceneri-quaresima

Quale l’origine e quale il significato del “MERCOLEDI’ DELLE CENERI”?

Il mercoledì delle Ceneri apre il tempo della Quaresima. La liturgia di questo giorno sottolinea l’inizio della penitenza pubblica. 

«Ricordati uomo, che sei polvere e in polvere ritornerai».

Queste parole prima della riforma liturgica venivano pronunciate quando il sacerdote segnava la fronte dei fedeli con la cenere. Dopo la riforma, la frase è stata sostituita con la locuzione: «Convertitevi e credete al Vangelo» (Mc 1,15). Tradizionalmente le ceneri rituali si ricavano bruciando i rami d’ulivo benedetti la domenica delle Palme dell’anno precedente.
Per il mercoledì delle ceneri è previsto il digiuno e l’astensione dalle carni, che negli ultimi decenni si limita ai venerdì di Quaresima mentre fino a qualche anno fa veniva prescritto per tutti i venerdì dell’anno.

L'origine del Mercoledì delle ceneri è da ricercare nell'antica prassi penitenziale. La celebrazione delle ceneri nasce a motivo della celebrazione pubblica della penitenza; costituiva infatti il rito che dava inizio al cammino di penitenza dei fedeli che sarebbero stati assolti dai loro peccati la mattina del giovedì santo. Nel tempo il gesto dell'imposizione delle ceneri si estende a tutti i fedeli e la riforma liturgica ha ritenuto opportuno conservarne l'importanza.

La semplice ma coinvolgente liturgia del mercoledì delle ceneri esprime il duplice significato esplicitato nelle due formule di imposizione: riconoscimento della condizione debole e fragile dell'uomo e invito all’uomo che si pente del proprio agire malvagio a decidere di compiere un rinnovato cammino verso il Signore

Il rito dell'imposizione delle ceneri, pur celebrato dopo l'omelia, sostituisce l'atto penitenziale della messa; inoltre può essere compiuto anche senza la messa con un rito apposito.

Le ceneri possono essere imposte in tutte le celebrazioni eucaristiche del mercoledì ma è ormai condotta comune indicare una celebrazione comunitaria "privilegiata" nella quale è posta ancor più in evidenza la dimensione ecclesiale del cammino di conversione che si sta iniziando.

In Santuario il rito viene celebrato durante la Messa delle ore 18,00.

Un cordiale saluto e un rinnovato augurio fraterno di BUONA QUARESIMA dalla Comunità dei Padri del Santuario.

P. Mario

 

Commenti  

 
#3 paracaduti e baci 2017-03-02 08:24
ciao,per commento n° 2:molto "spiritoso".Ma sono perle di saggezza dette da qualcuno molto più importante!.Comunque mi hai fatto sorridere, generalmente è difficile farmi esultare per una battuta.Buona giornata.
 
 
#2 per commento 1 2017-03-01 20:07
Ma sei il nuovo messia?
 
 
#1 paracaduti e baci 2017-03-01 09:12
Buon giorno,"Ricordati che sei polvere e polvere tornerai".Gli ultimi saranno i primi."Dio aiuta".La vera radice dei ricchi, dei potenti,di coloro che si vantano come pavoni innamorati mostrandosi solo nei momenti a loro più consoni è il non prestare ascolto alla Parola di Dio.Quindi la conseguenza lo porta a non amare più Dio e a disprezzare il prossimo.PAPA FRANCESCO.N.B Meno apparenza, più sostanza.Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI