Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

Da "Cuore della Puglia" niente soldi per le iniziative natalizie

lionetti senza fascia

Un altro pasticcio politico-burocratico della ex Giunta Lionetti, dopo quello ai danni della Pro Loco e di altre associazioni cassanesi relativo al cartellone estivo delle iniziative culturali.

Questa volta vittima della incapacità gestionale e programmatoria dell’ormai ex Sindaco di Cassano e degli ex assessori  è la “Cassano Marching Band”, gruppo musicale locale che non vedrà un euro per la sua esibizione lo scorso 8 dicembre 2016 nell’ambito delle iniziative programmate da “Cuore della Puglia”, Associazione fra Comuni alla quale aderisce anche Cassano. L’Associazione ottenne un finanziamento di 30mila euro per allestire una serie di iniziative in diversi Comuni nel periodo natalizio e anche quello cassanese aderì allestendo alla bell’e meglio un mini-programma che oltre alla  “Cassano Marching Band” coinvolse anche la Pro Loco “La Murgianella” e il Club Unesco, con uno stanziamento complessivo di circa 2mila euro.

Non arriverà un euro per tutto ciò perché gli atti gestionali a cura della ex Giunta Lionetti non furono mai redatti e i gruppi che dovevano animare quelle serate furono mandati allo sbaraglio.

Fra l’altro, neppure i dipendenti comunali e quelli della ditta esterna che gestisce la guardiania e la pulizia del Palazzo “Miani-Perotti” riceveranno il pattuito “straordinario”, che faceva parte di quel contributo.

Ma ecco cosa scrive in proposito, in una nota, la “Cassano Marching Band”:

“Pochi giorni fa abbiamo appreso da fonti non ufficiali che la Cassano Marching Band, della quale facciamo parte e che rappresentiamo in questo comunicato, non avrebbe ricevuto il compenso pattuito per l'evento "Cuore di Puglia" dell'8 dicembre 2016, per presunte mancanze dell'Amministrazione Comunale di Cassano delle Murge a livello burocratico. Da persone che non si fermano alle "voci di corridoio", abbiamo contattato personalmente la responsabile del Comune di Acquaviva (comune capofila di questo evento) per chiedere delucidazioni in merito e purtroppo la dottoressa ci ha confermato il tutto: dal Comune di Cassano non era arrivata nessuna impegnativa di spesa per l'evento e per questo non ci si poteva pagare la prestazione; avremmo dovuto parlare con chi ci aveva commissionato l'evento, cioè l'Amministrazione comunale di Cassano delle Murge, nella persona dell'ex Sindaco Lionetti.

È quello che abbiamo fatto subito, e l'ex Sindaco ci ha assicurato che in capo a due giorni avrebbe cercato di capire cosa era successo.

Ad una settimana da questa telefonata, nulla è successo, se non una serie di articoli su "La voce del paese", dal quale abbiamo appreso che il problema non riguardava solo noi ma anche la Pro Loco e altre associazioni.

A questo punto ci preme fare delle considerazioni:

1. La prestazione della Cassano Marching Band ci è stata RICHIESTA, non ci siamo proposti noi, e il nostro cachet è stato concordato e accettato ufficialmente (come si può verificare da una mail della Segreteria del Comune di Cassano in nostro possesso);

2. Noi non siamo dilettanti allo sbaraglio, che suonano per hobby, siamo MUSICISTI, professionisti corretti e onesti che dopo aver svolto la mansione per la quale siamo stati ingaggiati, devono essere anche pagati per il proprio lavoro, così come ogni professionista;

3. Le mancanze di un'amministrazione impreparata e incompetente non ci riguardano: per questo motivo noi, che abbiamo avuto il compito di contattare gli altri musicisti, adesso abbiamo il dovere morale di pagare ai nostri colleghi il cachet, del quale ci faremo carico personalmente. Infine, vogliamo rimarcare la nostra delusione, la profonda umiliazione e la mancanza di rispetto nei nostri confronti e nei confronti del nostro lavoro, la totale mediocrità e sufficienza con cui è stata ripagata la nostra professionalità, cose delle quali ci ricorderemo sicuramente”.

 

Commenti  

 
#20 Senzastipendio 2017-01-31 05:53
Possiamo stare a parlare per ore e ore,tanto alla fine qualcuno se ne uscirà con qualche teoria per cui la colpa è sempre di qualcun altro!!!
Mi dispiace solo per quei ragazzi,tanto il signor sindaco non sa cosa significa lavorare senza essere pagati. Lui e il suo caro vice ne prendevano due senza fare un cavolo.
Credetemi fate schifo,questo però vaglielo a dire ad Emiliano,capito
 
 
#19 Fabio Lomazzo 2017-01-30 20:20
Sig. Manfredi mi dispiace per quello che è accaduto perché non si prende in giro la gente in questo modo ingannandola, la prossima volta cercate di non cadere nuovamente nell'inganno tanto il comune e quant'altro non pagheranno mai e probabilmente ai nostri politici gli eventi culturali non interessano. La prossima volta non fatevi abbindolare più dalle promesse di questi soggetti!
 
 
#18 Francesco Manfredi 2017-01-30 19:12
Sig. Lomazzo, lei avrebbe anche ragione.
Chi ci conosce, però, sa benissimo che noi da anni mettiamo la nostra professionalità al servizio della comunità, autotassandoci e suonando gratis. L'ultimo evento lo abbiamo fatto il 24 dicembre 2016, poco più di un mese fa. Raramente veniamo interpellati in qualità di professionisti, negli ultimi due anni e mezzo, questa è stata l'unica volta. E saremmo stati più contenti se non fosse successo.
 
 
#17 PH acido 2017-01-30 18:46
Lionetti, Pignatale, De Grandi, Battista, Del Re, Maiullaro e tutti non vi presentate piu alle prossime elezioni.
Vorrò vedere fin dove arriverà la vostra faccia tosta.
Veramente che in due anni avete fatto il macello in negativo.
 
 
#16 Cittadino 2017-01-30 18:44
Vitino vitino ne hai fatti di danni è vuoi ancora ricandidarti come sindaco ma non ti vergogni di andare casa x casa tu +++ a chiedere voti x le prossime elezioni avast fa u maestr hai portato alla rovina questo paese cos'altro uscirà ancora fuori?roba da pazzi
 
 
#15 Chiara 2017-01-30 18:24
Quando si tratta di fare volontariato, beneficenza, quanto altro di nobile il cuore richieda.... si fa su base volontaria e non prendendo degli impegni ben precisi con le persone che lasciano tutto per mettersi a disposizione, c'è chi con Cassano non ha alcun vincolo, viene da lontano per lavorare. Quindi il discorso del commento 13 non va affatto bene. Un conto è chiedere per lavoro, un altro è partecipare ad un'iniziativa benefica. Di fronte a chi è venuto a suonare per lavoro, non si può dire"Mi spiace, i soldi non ci sono, ci siamo sbagliati, ci siamo dimessi..." Bella figura di c...o!!!
 
 
#14 lucio 2017-01-30 18:01
Ma chi diveva curare la pratica e l'impegno di spesa? Fumzionari distratti impegnati a fare la politica di Lionetti...
 
 
#13 Fabio Lomazzo 2017-01-30 16:53
Avete fatto qualcosa per il bene del nostro paese, cosi come gli addobbi fatti dai ragazzi in occasione del natale. Ormai a chi pensa ancora di vivere dai finanziamenti comunali non ha capito un bel niente. I soldi sono finiti i comuni non hanno soldi per finanziare queste piccole manifestazioni, secondo me si sono presi gioco della band illudendoli pur sapendo che non li avrebbero pagati. Il paese potrà continuare ad andare avanti solo con cittadini volontari che organizzino manifestazioni senza scopo di lucro!
 
 
#12 Musicista 2017-01-30 16:18
Ex sindaco ci deve delle spiegazioni . Aspettiamo x capire.
 
 
#11 Solite facce 2017-01-30 15:43
Solita storia
 
 
#10 Francesco Manfredi 2017-01-30 14:29
Mi spiace contraddire qualcuno, ma è doveroso precisare che io, il 5 novembre, ho ricevuto una telefonata dal Sindaco di Cassano delle Murge il quale mi chiedeva la disponibilità per suonare all'evento che si sarebbe tenuto a Cassano l'8 dicembre, nell'ambito della manifestazioni di "Cuore di Puglia". Immediatamente dopo, ho preso tutti gli accordi necessari riguardanti il cachet e le modalità di pagamento, sia con i responsabili del comune capofila del bando(Acquaviva), sia con i responsabili del comune di Cassano che, tra l'altro, hanno avuto uno scambio di email con il sottoscritto nelle quali è dimostrato l'impegno preso.
Dopo noi abbiamo pensato a fare il nostro lavoro, qualche altro il proprio lavoro non lo ha fatto. E da Acquaviva sono stati molto chiari!
Questo per correttezza.
 
 
#9 Bandabassotti 2017-01-30 14:00
Mamme Mina!!!
Ma ci è daver!!! Ma vuoi vedere che ora quei poverini devono passare pure dalla parte del torto!!!!
Hai letto cosa viene scritto ???
Il cuore di Puglia è una associazione intercomunale al quale Cassano aveva DECISO DI ADERIRE, AVEVA DECISO CAPITO,quando cioè stavano ancora gli amici tuoi!!!!
Di conseguenza se aderisci sai quali sono i tuoi oneri.
P.S. Poi può anche essere che abbiano aderito solo per scrivere su Facebook
Per favore non difendete l'indifendibile
 
 
#8 Musicista 2017-01-30 12:59
Ennesimo episodio dell'ex amministrazione che nn posso che definire ennesima figuraccia di m.....A!!!! Complimenti a Vitino e ai suoi pupazzetti!!!!
 
 
#7 maaaa 2017-01-30 11:42
ma la manifestazione non era a cura della pro-loco?
CHE CENTRA IL COMUNE?

Redazione può indagare per capire?

Io ho visto il manifesto con l'evento di Cassano e quindi, il cuore della puglia ci fa il manifesto e non impegna? Sapeva o non sapeva?
continuo a non capire....
MA! Aspettiamo Lumi.
 
 
#6 Falco Pellegrino 2017-01-30 11:07
"...l'ex Sindaco ci ha assicurato che in capo a due giorni avrebbe cercato di capire cosa era successo."
Sta ancora cercando di capire, e penso che ci metterà ancora molto tempo...
 
 
#5 Giampietro 2017-01-30 10:54
Due anni e mezzo di disastri. Non ha vigilato nessuno. Pignataro assessore al bilancio ma dove eri ? Che altra sorpresa avremo nel bilancio ?
Assieme al suo sindaco dello stesso partito. Pignataro cosa ne pensa ? risponda al paese che l'ha pagata per due anni e mezzo.
Un disastro.
 
 
#4 mina 2017-01-30 10:29
Ecco vede. Impegno di spesa? E perchè? I soldi li gestisce Cuore di Puglia non il Comune. Secondo me il caso non sussiste, è solo burocrazia e la politica non c’entra nulla.
 
 
#3 mina 2017-01-30 09:32
Scusate ma se Cuore di Puglia ha calenderizzato le iniziative di Cassano evidentemente qualcosa di ufficiale c'è stato. O secondo loro a Cassano si lavora gratis? E comunque l'8 dicembre il sindaco si era già dimesso.

RISPONDE G. BRUNELLI

L'8 dicembre si sono svolte le manifestazioni: gli impegni di spesa dovevano essere presi a fine novembre, quando Sindaco e Giunta erano in carica.

Quanto alla calendarizzazione, nulla c'entra con gli impegni di spesa da parte dell'ente.
 
 
#2 deluso 2017-01-30 09:04
e questi qua che non so come definirli vogliono rimettersi per le prossime votazioni ma avete proprio una faccia di bronzo anzi no il bronzo e troppo per voi ma una faccia di bip bip :-x
 
 
#1 Gioacchino P 2017-01-30 09:04
E anche questi hanno messo una croce su Cassano!+++MODERATO+++
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI