Sabato 16 Dicembre 2017
   
Text Size

Depuratore comunale, c'è l'ok dell'ex Genio Civile

depuratore di Cassano piccola

Dal Comune di Cassano delle Murge, riceviamo e pubblichiamo.

 

 

L’amministrazione comunale segue con attenzione la vicenda del nuovo depuratore, che sconta un itermolto complesso e coinvolge una pluralità di enti per la sua esecuzione.

Dopo il potenziamento della rete elettrica a servizio dell’impianto, richiesto dall’Acquedotto Pugliese (AQP) all’ENEL nel 2012 e iniziato solo nei mesi scorsi grazie all’interessamento del Comune, è arrivato anche il parere idraulico favorevole della Sezione Lavori Pubblici della Regione Puglia (l’ex Genio Civile). Sono ulteriori tasselli che si aggiungono per l’entrata in funzione dell’impianto.

«Si insiste per l’attivazione di un’opera attesa dai cittadini da più di vent’anni, che consegnerà ai cassanesi una depurazione adeguata e funzionale.  In questi due anni - dichiara il sindaco Vito Lionetti - abbiamo superato difficoltà di ogni tipo. L’impegno continuo di questa giunta comunale ha reso possibile avvicinare l’obiettivo fondamentale di attivare il nuovo impianto, così da consegnare alla cittadinanza un’opera migliore e in linea con le norme a tutela dell’ambiente».

Ed è già in calendario, per il prossimo 14 novembre, la quinta Conferenza dei Servizi presso la Città Metropolitana, dalla quale dovrebbe conseguire il parere sulle emissioni in atmosfera.

L’Acquedotto, d’intesa con il Comune, ha chiesto alla Città Metropolitana che detta Conferenza venga anticipata, atteso che, peraltro, manca soltanto il “via libera” dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente (ARPA).

«L’avvio del nuovo depuratore è urgentissimo, improcrastinabile, viste le necessità di allaccio dei cittadini - così il vice sindaco Davide Del Re, delegato ai Lavori Pubblici – consentirà di affrontare anche le problematiche legate alle reti fognarie del paese e in particolare nelle zone al di fuori del centro urbano, come Fra Diavolo, Lagogemolo, Costone di Bruno e di tutte le altreAbbiamo fatto dei passi in avanti enormi, adesso dobbiamo insistere per la realizzazione dei tronchi idrici e fognari, per questo abbiamo chiesto all’Autorità Idrica Pugliese (AIP) e all’AQP la convocazione di un tavolo tecnico (che abbiamo già ottenuto) per il finanziamento delle reti proprio nei borghi residenziali».

«L’attivazione del depuratore comunale e la realizzazione del progetto “Lame”, ampiamente modificato, per quanto possibile, nei suoi aspetti più critici, che riguardavano la tutela dell’incolumità pubblica e la salvaguardia dell’ambiente - conclude il sindaco Lionetti -, sono due opere pubbliche “reali”, che consegniamo al paese. Ma a questi importanti risultati (che si aggiungono agli altri già ottenuti, come gli interventi sulle scuole cassanesi) se ne stanno aggiungendo di nuovi che testimoniano lo sforzo che questa Amministrazione comunale sta facendo per dare alla comunità risposte concrete alle sue esigenze». 

 

 

Commenti  

 
#1 schifato 2016-11-06 10:03
fatemi capire
prima si costruisce e mettono o rimettono attrezzature in attesa che anche queste sia vandalizzate e poi si chiede il parere al genio civile
cose da matti
poi cosa volete fare?
condotte idriche in aree private
ma perchè visto che ci siete non mi rifate il bagno di casa
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI