Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

Sprar e "Perotti-Ruffo" protagonisti all'Università di Bari

giornata-mondiale-del-rifugiato-gli-eventi-a-trapani-e-marsala-2

Nell’ambito della manifestazione dell’ateneo “E_state Uniba”, si terrà lunedì 20 giugno, nell’atrio di palazzo Ateneo, in via Crisanzio, “Talenti e culture”, l’evento promosso dal CAP - Centro Servizi per l’Apprendimento Permanente e patrocinato dall’assessorato al Welfare del Comune di Bari al fine di valorizzare risorse e talenti dei migranti attraverso l’arte e la narrazione.

L’evento inoltre intende commemorare la “Giornata mondiale del Rifugiato”, che ricorre il 20 giugno, con il lancio di una campagna di crowdfunding per il finanziamento collettivo dell’equipollenza dei titoli di studio di persone rifugiate, titolari di asilo politico e di protezione sussidiaria e umanitaria. Sarà l’occasione per promuovere il diritto allo studio e la valorizzazione del capitale umano e culturale della risorsa stranieri su cui il CAP sta lavorando da tempo.

Protagonisti attivi delle performance e degli spettacoli che animeranno la festa saranno gli studenti dello short master Uniba “Immigrazione, diritto e pratiche di inclusione”, in collaborazione con Fondazione Migrantes, Caritas Bari Bitonto, Comboniani, Sprar Senis Hospes, ospiti e mediatori del Cara di Bari, associazione Mama Africa e le associazioni che a diverso titolo hanno aderito all’iniziativa.

Il programma della giornata comincerà alle ore 18.30 con i saluti istituzionali del rettore Antonio Uricchio e proseguirà con i “Racconti di viaggio e di vita”: readings e testimonianze narrate ed audiovisive sul tema dell’accoglienza curate dagli studenti dello short master e dei migranti del CAP.

Alle ore 20 prenderanno il via spettacoli di danza, musica e teatro a cura dell’associazione Mama Africa - progetto musicale “S(u)ono nel mondo”, dei migranti dello SPRAR Senis Hospes di Cassano delle Murge e degli studenti dell’istituto comprensivo “Perotti-Ruffo” di Cassano delle Murge.

Seguiranno danze indiane a cura di Fatmira Bberisha - associazione BollyBari Danze e Bollywood Bari e degustazioni di Ethnic Food a cura degli ospiti e dei mediatori CARA. Dalle ore 21 spazio alle testimonianze narrate e audiovisive sul tema dell’integrazione a cura dei migranti dei progetti SPRAR della provincia di Bari.

Per tutta la durata dell’evento saranno allestiti stand multiculturali di arte, moda, cibo, foto e audiovisivi a cura delle associazioni partecipanti.“

 

Commenti  

 
#9 volavolavola 2016-06-22 15:39
e balliamo , balliamo tanto le tasse le paghiamo noi , ma avete visto come sono tutti felici e contenti ? Comprese le cooperative che ci marciano , quelli sì che hanno trovato un lavoro al ....servizio di un branco di nullafacenti
 
 
#8 sandra 2016-06-21 20:06
Che fare ci chiediamo?niente,ormai é tardi,e votando ancora PD avete legittimato il loro operato.Pensiamo solo in quale paese extra-Ue emigrare noi...non ci resta altro...poi vediamo che se tutti stí clandestini pagheranno pensioni e spesa pubblica con le loro TASSE pagate...ahahahah....quelli che vengono qui non hanno assolutamente il concetto del lavoro,e quelli con gli attributi ,uomini e donne,restano nelle loro terre a combattere e a ricostruire...peccato che questo i media pilotati dal governo non lo fanno vedere in tv.
 
 
#7 neos 2016-06-21 13:29
Veramente ci svernano per guadagnare loro.. Poi anziani che raccolgono verdure dopo i mercati, suicidio da tasse impossibili, tagli alla sanità e gente che non può più curarsi causa ticket assurdi....ma lo sapete che la ricchezza è altro?
 
 
#6 opymeg 2016-06-21 00:09
opportunità per qualche azienda che sfrutta schiavi a 2€/h o per vendere abusivamente cianfrusaglie (qualcuno vi fa uno scontrino?), un lavoro nero che non potrà pagare le pensioni di oggi ma loro avranno bisogno della pensione sociale di domani, insieme a noi altri precari, ma non ci saranno i soldi e sanno già che non la daranno a nessuno. Il lavoro straniero che aiuta il pil è quello della manodopera a basso costo mentre quello che finisce nel paniere istat non riguarda quello dei migranti ma di negozi regolari che pagano tasse: cinesi, kebabbari, ortolani tunisini.. che c'erano anche prima, non confondiamoli coi migranti, e non confondiamo i migranti coi profughi, e non credo neanche che l'isis sia una realtà spontanea ma serve a reggere proprio questa sceneggiata (ed altre) dove attraverso le cooperative si maneggiano i soliti soldi pubblici, cosa ci guadagna il politico? un bel cestone di Natale opportunamente farcito.
 
 
#5 vincent 2016-06-21 00:06
Abbiamo già un piede nella fossa con quei 4 dementi al governo che invece di aiutare gli italiani e contribuire al mantenimento dei figli come tutti i paesi del nord, vuole importare l'Africa. Ma se non lavorano e li dobbiamo mantenere che risorsa sono?
 
 
#4 alex 2016-06-21 00:04
Ma se il paese non é in grado di offrire una vita decente ai suoi cittadini, per quale motivo i cittadini dovrebbero fare figli? Fare figli quando nemmeno c' é la certezza di un mezzo lavoro? Per trovarsi in un futuro peggiore del presente? No grazie! Secondo me invece é un buon segno che si facciano sempre meno figli o addirittura non se ne facciano. Vuol dire che la gente ha capito che o siete degli incapaci o comunque dei corrotti ed ha semplicemente smesso di starvi a sentire e di avere fiducia. Io anzi direi che era ora! E poi un paese con pochi cittadini é anche piú facile da gestire.
 
 
#3 red 2016-06-21 00:02
ma alla sinistra servono VOTI ... in particolare adesso
 
 
#2 lucio 2016-06-20 23:59
Questa finta migrazione va a gonfiare sempre le solite tasche. Gli ITALIANI, diplomati e laureati, che emigrano all'estero rappresentano una fonte di ricchezza per le comunità locali. Quelli che arrivano qui son tutti disoccupati, ai quali viene garantito vitto e alloggio gratisE. Provvedimento, a mio avviso, discriminatorio nei confronti di italiani e stranieri regolari che versano nelle stesse condizioni
 
 
#1 cassano murge 2016-06-20 15:46
Prima di ballare e danzaree bisogna andare a zappare per guadagnarsi il pane!!!!Poi la sera ci si diverte!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI