Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Le reliquie della Beata suor Elia a Cassano: il programma

suor elia

Arriveranno martedì 14 giugno a Cassano le reliquie di suor Elia di San Clemente, la Beata (leggi qui la biografia) che la Chiesa vuole canonizzare e far diventare la prima santa barese. 

Un articolato programma di incontri, preghiere e festeggiamenti è stato messo a punto per accogliere nel migliore dei modi questo dono.

Martedì 14 giugno - Parrocchia “Santa Maria Assunta”

Ore 19.00: incontro a cura del prof. Micunco sul tema “Beata Elia di san Clemente: mi presento”.

Ore 19.45: Accoglienza in piazza Moro della reliquia e preghiera dei Vespri.

Ore 21.00: Celebrazione Eucaristica con particolare attenzione ai lavoratori.

Mercoledì 15 giugno

Ore 8.30: Lodi

Ore 10.30: La reliquia sarà presso la casa di riposo “San Martino”

Ore 17.30: Festa dei bambini e dei ragazzi in piazza Moro

Ore 18.30: Santo Rosario

Ore 19.00: Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da mons. Alberto D’Urso, Postulatore della causa canonizzazione di suor Elia.

Giovedì 16 giugno

Ore 8.30: Lodi

Ore 9.00: Adorazione Eucaristica con meditazione di testi della Beata Elia.

Al termine, trasferimento delle reliquie presso il Convento “Santa Maria degli Angeli”.

Sabato 18 giugno - Parrocchia "Santa Maria delle Grazie"

Ore 9.00 - Accoglienza delle reliquie e Lodi mattuttine

Ore 16.30 - S. Rosario e Celebrazione Eucaristica presso la casa di riposo "Villa dei Pini" con le reliquie

Ore 19.00 - Celebrazione Eucaristica presieduta da mons. Alberto D’Urso, Postulatore della causa canonizzazione di suor Elia.

Domenica 19 giugno

 

Ore 9.30 - S. Rosario e Celebrazione Eucaristica presso la Fondazione "S. Maugeri" con le reliquie

Ore 11.30 - Accoglienza in parrocchia delle reliquie

Ore 19.00 - Celebrazione Eucaristica presieduta da p. Luigi Gaetani dell'ordine del Carmelitani scalzi

 

 

 

Commenti  

 
#5 ops 2016-06-17 14:08
In questo paese c'è qualche mosca che fa anche la tosse e qualche formica rossa che vuole punzecchiare....don Francè, ti lascerò una bomboletta sulla porta della chiesa per questi insetti molesti ( che ahimè bisogna anche sopportare, come opera di misericorda spirituale). Molti di noi fedeli ti ringraziano per quello che stai comiciando a fare.
 
 
#4 trenetta 2016-06-16 11:56
Quali sono i problemi che ha portato il parroco? Quello di mettere le cose in chiaro una volta per sempre nella parrocchia? Di non condividere le innumerevoli piccole processioni con relative questue, bandicciole, spari, piripicchio....? Invece di contare le persone presenti, pensa a pregare, invece che a roderti il fegato!
 
 
#3 Lallo 2016-06-16 07:36
Questi sono i preti che ci ritroviamo a Cassano. Suonano sempre le campane ogni 15 minuti, spendono soldi ai fuochi d'artificio (giovedì 16 alle 7,40 già si sparava) e chiedono sempre offerte. Non credo proprio che questi sono i principi religiosi che hanno ispirato persone come suor Elia o altri beati e/o santi. Con quei soldi spesi ai fuochi e alla corrente per far funzionare le maledette campane che cominciano a suonare a festa già dalle 7,30 si può fare vera carità o altro molto più utile. Preti e bizzoche e sciat a zappa'!!!!!
 
 
#2 X don Francesco 2016-06-15 15:36
Hai visto quante famiglie e quanti lavoratori alla messa di ieri sera alle 21? Speriamo che ti rendi conto che devi pensare a risolvere i problemi molto più seri che hai portato nel nostro comune.
 
 
#1 zizu 2016-06-14 15:48
però quello del miele di altamura rilasciava la ricevuta.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI