Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

L’amministratore di sostegno: un aiuto per le persone con fragilità

conferenza in biblioteca su amministrazione

 

“E’ fragile un ombrello per riparare, ma è uno strumento flessibile, utilizzabile al momento per proteggere dalla pioggia. Così è l’Amministratore di sostegno: è colui che accompagna, che sostiene, che tutela, ma che può, quando ricompare il sole, essere deposto nel portombrelli!”

Questo è lo slogan scelto per descrivere la figura dell’Amministratore di Sostegno, figura giudiziaria istituita con la legge n.6 del 9 gennaio 2004, una figura nata dall’esigenza di tutelare chi non può personalmente provvedere ai propri bisogni ed interessi, ma che non deve essere emarginato, escluso attraverso le pratiche, fino a qualche anno fa molto diffuse, ma oggi poco praticate, dell’interdizione o inabilitazione.

Questo è il tema trattato nella conferenza tenutasi presso la Biblioteca Civica di Cassano nei giorni scorsi. Gli ospiti hanno infatti presentato e spiegato, da diverse angolazioni, quali siano i compiti e le mansioni di questa figura ancora poco conosciuta, ma molto utile per la tutela e la difesa di quelle persone troppo spesso emarginate a causa di disabilità fisiche e mentali.

Dopo la breve introduzione della Direttrice della Biblioteca e Pinacoteca di Cassano, Maria Livrieri, e i saluti del Sindaco Lionetti, è intervenuta Rosanna Lallone, Dirigente del Dipartimento Politiche Sociali dell’Area Metropolitana di Bari, la quale ha parlato della creazione di questa figura come di un modo per credere e sostenere le capacità e le potenzialità di un individuo, un modo per affiancare a questa persona in difficoltà qualcuno che creda in lei e la supporti, non la emargini, che la aiuti (dove possibile) a percorrere una strada verso la totale guarigione e quindi autonomia (l’ombrello deposto). Nel 2012 si è tenuto anche un corso di formazione, spiega sempre la Lallone, per gli Amministratori di Sostegno, un corso nato dall’esigenza, segnalata proprio dalla dottoressa Rosa Pinto, di formare nel migliore dei modi queste figure che devono rapportarsi agli utenti e alle loro famiglie nel migliore dei modi.

A seguire invece, proprio la dottoressa Rosa Pinto ha spiegato quelli che sono i diversi e multiformi campi di applicazione e di utilizzo di questa figura, la quale, al termine del percorso, quando l’utente (dove possibile) è ormai in grado di provvedere a se stesso “può essere riposto come un ombrello”, il sostegno dunque può essere di vario genere, economico, amministrazione di patrimoni e pensioni, sostegno per esercitare i propri diritti, aiuto per la continuazione di cure mediche ecc. Ma chi sono i beneficiari di questo servizio? Anziani, persone con disabilità, alcolisti, malati terminali ecc. e proprio essendo il ventaglio di gente bisognosa di aiuto così ampio, l’Amministratore di Sostegno deve essere una figura flessibile.

E’ intervenuto anche un rappresentante dell’APAsiS che ha parlato dell’associazione, nata proprio nel 2012, al termine del corso di formazione, per volontà di un gruppo di lavoro che sentiva la necessità di coordinare e promuovere queste figure nuove. Uno sguardo giuridico e interno ai processi giudiziari che portano all’assegnazione di un Amministratore di Sostegno sono stati invece forniti dall’avvocato Giacoma Zaccaro e da Marzia D’Aprile, Giudice Tutelare presso il Tribunale di Bari: qual è l’iter per richiedere l’assegnazione? Bisogna presentare un ricorso al tribunale per chiedere al giudice tutelare l’assegnazione di un Amministratore, possono richiedere l’assegnazione parenti fino al quarto grado, datori di lavoro, coniugi ecc. dopo di che seguono una serie di colloqui con il Giudice Tutelare e infine l’approvazione o negazione da parte di un Pubblico Ministero.

L’Amministratore di Sostegno è quindi una figura che dovrebbe essere maggiormente valorizzata, per garantire anche alle persone con fragilità una loro dignità e una loro autonomia, un aiuto che li accompagni e li sostenga in un momento particolarmente difficile della loro vita.

                                                                                                                      

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI