Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Raccolta abiti usati: domani nuovo turno di raccolta

racc abiti copy

Domani giovedì 5 maggio nuovo turno di raccolta porta-a-porta per abiti, indumenti, scarpe e borse usate.

Lo ricorda il Comune di Cassano per il tramite dell'Assessore all'Ambiente Michele Maiullaro.

Il servizio sarà eseguito dalla “Humana società cooperativa S.r.l.”, unica ditta autorizzata dal Comune ad effettuare tale tipo di raccolta. 

I cittadini sono invitati, pertanto, a inserire tali materiali in sacchetti e a metterli al di fuori delle proprie abitazioni il giorno e nell’ora in cui sarà eseguita la raccolta.

La raccolta avverrà tra le ore 8 e le ore 10 del mattino con i seguenti mezzi: Fiat Daily, di colore bianco, targato EV813AZ e Renault Mascotte, di colore rosso, targato BV316FD.

I sacchetti vanno posizionati al di fuori delle abitazioni tra le ore 7 e le ore 8.

L’amministrazione comunale invita i cittadini a segnalare eventuali anomalie nella raccolta al numero di telefono 0803211600 (Polizia Municipale) o allo 0802111403 (Ufficio ambientale comunale).

La raccolta “porta a porta” avverrà esclusivamente nell’area urbana, con esclusione del centro storico, della zona industriale e delle aree extraurbane. Per le aree escluse si dovranno utilizzare ancora le postazioni fisse con i cassonetti dedicati.

La prossima raccoltà sarà effettuata il 19 maggio 2016.

 

Commenti  

 
#3 volavola 2016-05-06 17:37
Vi racconto una favola: "C'era una volta un assessore che ideò una raccolta della quale il popolo non ne capì lo scopo .....e vissero felici e contenti" Abbiate fede popolo che prima o poi il sogno si realizzerà. Un saluto.
 
 
#2 meraviglia 2016-05-05 19:07
forse sono fantasmi e non li vediamo
 
 
#1 chi li ha visti 2016-05-05 14:28
anche oggi il sacchetto che avevo lasciato per strada è rimasto lì.
questa storia del ritiro a domicilio degli indumenti sta diventando una vera e propria leggenda metropolitana...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI