Lunedì 23 Ottobre 2017
   
Text Size

Mensa e scuolabus, dopo gli aumenti le disdette

mensa e scuolabus

Gli aumenti del canone di mensa scolastica e scuolabus sono arrivati in questi giorni nelle case delle famiglie cassanesi che hanno uno o più figli iscritti a questo tipo di “servizio a domanda individuale”.

Qualche genitore si deve essere distratto in questi mesi o non deve essersi informato bene e così è successo che quando è andato in Comune per pagare il blocchetto dei buoni-pasto o effettuare il versamento per il trasporto, si è fatto due conti ed ha constato gli aumenti di cui questo giornale parla dallo scorso agosto, quando fu approvato il Bilancio di Previsione 2015 del Comune di Cassano che riportava gli aumenti per questi e altri tipi di servizi. L'Amministrazione Lionetti, infatti, ha introdotto il nuovo modello ISEE per il calcolo della quota parte spettante alla famiglia, secondo il principio "chi più ha, più paga".

Gli impiegati comunale hanno avuto il bel da fare per spiegare le novità agli increduli genitori, con aumenti che vanno da un minimo di 6 ad un massimo di 27 euro per lo scuolabus e da 3 a 20 euro in più per la mensa. Restano invariate, invece, le tariffe per i redditi pari o inferiori a 3mila euro annui.

C’è, dunque, chi ha pagato, rassegnato; c’è chi lo sapeva e dunque ha fatto buon viso a cattivo gioco, chi, invece, ha fatto disdetta del servizio scuolabus. Facendosi due conti, far prendere il pulmino ai bambini (soprattutto quando a viaggiare sono in due nella stessa famiglia) non conviene più e magari c’è chi si è organizzato con una sorta di car-sharing fatto in casa o si è deciso di ricorrere a qualche amico o vicino.

Al momento non è possibile quantificare il numero delle rinunce, che potrebbero anche mettere in discussione l’economicità del servizio se dovessero essere numerosi: meno bambini che viaggiano e meno famiglie che pagano potrebbe voler dire aumentare maggiormente il costo per ogni singolo trasporto.

Una eventualità al momento remota e che in Comune valuteranno in sede di conto consuntivo. Per adesso gli aumenti sono entrati in vigore. 

 

Commenti  

 
#18 renzino 2016-01-12 08:38
Questi hanno capito che con le pecore si possono comportare da lupi.
Quattro promesse e il gioco è fatto.
Adesso tutti si lamentano, nessuno li ha votati eccc...
Siamo un popolo di sognatori....
 
 
#17 X comm 16 2016-01-11 21:22
.... è come la canzone....
Prometti prometti tanto non mantieni.
 
 
#16 mamma 2016-01-11 07:38
Dopo la riunione con il sindaco dell' anno scorso io ero uscita dalla biblioteca con la promessa che avremmo presentato prima il modello ISEE e di conseguenza avrebbero rivisitato le tariffe. Solo parole? I fatti vogliamo non parole solo x illuderci.....
 
 
#15 Trescore 2016-01-10 23:20
Questo regolamento è una truffa. Ma questi assessori che fanno ? Stessero alla casa almeno fanno meno danni
 
 
#14 siete solo sciatti 2016-01-09 21:19
Ancora un esempio di malgoverno. Quanto dobbiamo sopportare ancora questa farsa?
 
 
#13 X commento 2 2016-01-09 19:01
Io ricordo che nei comizi la Battista parlava del pagamento attraverso l'isee, criticando la vecchia amministrazione che non l'aveva mai attuata!
 
 
#12 tonino 2016-01-08 23:19
Servizi allo sbando,atti sbagliati, soluzioni avventate ma chi decide tutto questo, Vitino svegliati sei alla frutta e sorridi sempre poveri cittadini.
 
 
#11 ISEE... nuovamente! 2016-01-08 19:19
Il problema degli aumenti era già pubblico e penso che tutti lo sapevano già... questo giornale lo ha pubblicato più volte... le affissioni pubbliche erano visibili ma il comune, entro ottobre 2015, ci aveva chiesto il modello isee per calcolare il costo del servizio... ora quando dovremmo pagare il primo mese con le nuove tariffe ci comunicano, per iscritto, con lettera recapitata a casa, che dobbiamo ripresentare nuovamente il modello isee. Ma al comune si pensano che stiamo a giocare appresso a loro! Incompetenti, ma non mi riferisco solamente a chi governa questo paese ma anche ai molti che "lavorano" nei vari uffici del palazzo cittadino!
 
 
#10 PASQUINO 2016-01-08 15:10
x comm.8 Vorrai dire quando NON ARRIVERANNO I CONTRIBUTI, come ho gia' segnalato quest'anno una madre invalida al 100%non ha ricevuto il contributo x l'acquisto dei libri x la figlia adolescente.E QUESTI SONO DATI DI FATTO. :-x
 
 
#9 stefano m. 2016-01-08 14:25
Si è lo stesso governo che ha lasciato in mutande migliaia e migliaia di piccoli risparmiatori con la banca della boschi e del padre. Ma ................
 
 
#8 Deluso PD 2016-01-08 12:26
Il nuovo modello ISEE è stato confermato dal governo Renzi e da quando è stato applicato, gli invalidi, le fasce deboli e tantissime famiglie italiane si sono ritrovate da un giorno all'altro "ricche". Ne vedremo anche delle belle quando arriveranno i contributi annuali per libri di testo.
P.S. Rivotateli!
 
 
#7 Saverio c. 2016-01-08 09:12
Li avete votati?
E mo pagate!
 
 
#6 ladri 2016-01-08 06:06
già disdetto a settembre, x 2 bambini mi costa meno una mercedes con autista; al comune si sono bevuti il cervello, casomai lo abbiano mai avuto
 
 
#5 Genitore 2016-01-07 23:04
Tariffe invariate per redditi pari o inferiori ai 3.000€ annui...ergo aumenti per tutti (e spiegatemi come può uno che ha meno di 3.000€ all'anno a pagare 45€ al mese solo per la mensa scolastica).

La sinistra non si smentisce mai!

Altra conseguenza? Aumento delle iscrizioni negli asili privati...dov'è finito il famigerato servizio pubblico?! Le tasse per cosa le paghiamo?!
 
 
#4 lucio 2016-01-07 21:32
Lionetti sprecone(vedi telefoni) non sai quanti sacrifici facciano le famiglie per sopravvivere. Ma i consigliori o le consigliore che ti guidano in questo scempio ne hanno di coscienza, non tutti hanno le entrate economiche facili!!!
 
 
#3 Cassanese68 2016-01-07 21:29
Come giustifica questo la Battista? È uno scempio!
 
 
#2 Inizia bene il 2016 2016-01-07 21:18
Vai Assessore Battista!!!
Ti ricordi i tuoi bei comizi???
 
 
#1 X brunelli 2016-01-07 20:09
Sei un giornalista o un politico?fai supposizioni politiche, specialmente nell'ultima parte.
Specialmente quando "suppone "che siccome i bambini sono di meno si pagherà di più,perche si tratta di SUPPOSIZIONI.
Ps spero pubblichi sia il commento che la risposta

Risponde G. BRUNELLI

Ho fatto supposizioni di buon senso, anzi matematiche. E specificando che si tratta di ipotesi. Non ci vedo nulla di "politico".
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI