Liceo, stop alle gite. Ma gli studenti non ci stanno

liceo buona

Sospensione, almeno per quest'anno, delle gite di istruzione presso il Liceo Scientifico e il Liceo Classico di Cassano. Lo ha deciso il Collegio dei Docenti dell'Istituto ma è una scelta che non piace agli studenti.

Alla base della decisione una serie di motivazioni, non ultima la tragedia del giovane di Cecina (leggi l'articolo) che ha rilanciato il dibattito sulla utilità o meno dei viaggi, sia fra gli studenti e soprattutto fra gli insegnanti. I quali, accompagnando i ragazzi, si sobbarcano una responsabilità non di poco conto e per sole 20,00 euro di un rimborso poco più che simbolico.

C'è, poi, chi fa rilevare come le gite di istruzione sono anacronistiche in una società molto più "mobile" rispetto agli anni '70 in cui il fenomeno dei viaggi scolastici cominciò ad espandersi. Senza tener conto che il costo delle gite non è sostenibile da tutte le famiglie, soprattutto in tempo di crisi tant'è che secondo alcune associazioni di categorie 2 studenti su 3 vi rinunciano per i costi eccessivi.

Pro e contro, insomma, non mancano e tuttavia i liceali non sono d'accordo con la scelta dei docenti. Stanno, infatti, preparando un documento, una sorta di "piattaforma" programmatica per chiedere di rivedere le scelte ma soprattutto chiedono di farle passare dal Consiglio d'Istituto dove oltre alla Dirigenza e ai Docenti sono rappresentati anche altre componenti della scuola come gli stessi studenti ed i genitori.