Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/1907315_860504107334971_7433158301474239170_n.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/1907315_860504107334971_7433158301474239170_n.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

Comune, un locale per "No more-Difesa donna"

1907315 860504107334971 7433158301474239170 n

Con provvedimento dell’Amministrazione Comunale l’Associazione No More – Difesa Donna di Cassano delle Murge ha ottenuto la disponibilità all’utilizzo di una stanza sita nel plesso dei locali comunali di Piazza Rossani per lo svolgimento dell’attività di primo ascolto di donne vittime di violenza di genere; attività avviata circa due anni fa con il suo Centro di Primo ascolto.

“Abbiamo appreso con gioia la decisione dell’Ente. Significa aver riconosciuto la valenza e l’importanza del servizio che il nostro Centro offre non solo alla comunità cassanese ma all’intero territorio della provincia di Bari” spiega la Presidente dell’Associazione, Raffaella Casamassima.

"Grazie all'impegno dell'associazione “No More” le donne della nostra comunità avranno un'opportunità in più per prevenire e difendersi dagli odiosi episodi di violenza di genere di cui spesso sono vittime. Le Istituzioni hanno il dovere di prendersi cura di queste donne e offrire loro strumenti di autotutela, realizzando centri di accoglienza e ascolto dove poter trovare personale qualificato che le aiutino in un percorso di liberazione. Ringrazio dunque l'associazione e la sua presidente Raffaella Casamassima, che ci permette di assolvere a questo dovere" ha dichiarato il Sindaco Vito Lionetti.

“A nome dell’Associazione lo ringrazio, insieme all'assessore ai servizi sociali Enza Battista, per la sensibilità e l’attenzione mostrataci perché in questo modo, in sinergia con i servizi territoriali, iniziamo un percorso di collaborazione teso alla lotta alla violenza di genere, che si badi bene, riguarda tutti, dal primo cittadino al vicino di casa. La violenza infatti non deve rimanere un fatto privato, unicamente di chi la vive. Tutti siamo chiamati a lottare e contribuire affinchè le donne che subiscono violenza si riapproprino della loro libertà. Questo è solo l’inizio di un percorso che certamente sarà proficuo.

Approfittiamo di questa comunicazione per anticipare che il 20 Novembre prossimo presso la Sala Consiliare, in occasione della Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia, l’Associazione terrà il Convegno “Minori e violenza assistita: spettatori e vittime”. Parleremo di violenza assistita ovvero di come la violenza che subisce una donna inevitabilmente si ripercuota sui minori a livello emotivo, cognitivo, fisico e relazionale. 

Lo faremo con rappresentati della Polizia di Stato, della Magistratura e di chi vigila, controlla e si assicura che siano garantiti i diritti dei minori.”

Ricordiamo il numero del Centro di ascolto attivo h24: 391.4278821.

Chiamare significa darsi un’opportunità. L’opportunità di fuoriuscire dalla violenza”.

 

 

Commenti  

 
#2 Simba 2015-11-02 12:15
complimenti Raffaella!
 
 
#1 Città dino 2015-10-31 22:48
Bene, complimenti e andate avanti.
Solo un piccolo dubbio: non c'è meno privacy nei locali comunali?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI