Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Pianifica T. U.: “un format di ricerca aperto”

del re a pianifica tu

Costruire conoscenza, diffondere esperienze attraverso la pianificazione territoriale e urbanistica: questi gli obiettivi del ciclo di incontri del progetto “Pianifica T.U.” che prevede una serie di appuntamenti itineranti che puntano ad accrescere tra i territori la consapevolezza e le potenzialità della "Città Metropolitana".

Grande partecipazioni, la settimana scorsa, nella sala C. Colafemmina di Palazzo De Mari per il seminario ideato dalla Commissione Pianificazione Territoriale e promosso dall’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bari, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Acquaviva delle Fonti e di quello di Cassano delle Murge.

Aprendo i lavori la pianificatrice Alessia Imma Aquilino ha parlato della Commissione Pianificazione territoriale: che cos’è, da chi è composta, finalità e obiettivi. “Il seminario Pianifica T. U. sta fortunatamente riscuotendo notevole successo, stiamo facendo una sorta di tour nei Comuni dell’area metropolitana per andare incontro ai nostri iscritti e facilitare loro la presenza a questi eventi formativi che servono far conoscere il nostro territorio. Questa è la terza tappa (dopo Bitonto e Gravina), l’evento si divide in due fasi: in questa giornata prettamente teorica accoglieremo gli interventi delle istituzioni e dei tecnici che operano in questo territorio, cercheremo di conoscere punti di forza e di criticità  seguiranno attività laboratoriali (workshop) del 6 novembre a Cassano delle Murge. Il progetto passerà poi il 13 novembre per i comuni di Turi Sammichele e Casamassima e il workshop l’11 dicembre.

L’arch. Cosimo Montenegro componente della Commissione Pianificazione Territoriale e fiduciario per Acquaviva è entrato nel dettaglio del progetto: “PIANIFICA T.U. è nato da spontanea esigenza di comunicazione e formazione professionale. Il progetto investe il nostro territorio che da qualche mese si chiama ‘Città Metropolitana’. Vogliamo sensibilizzarne la conoscenza al fine di evidenziare criticità e punti strategici promuovendo luoghi e modelli condivisi e sostenibili. Pianifica T. U. è una piattaforma collaborativa, non è un gruppo chiuso ma aperto a tutte le esperienze. E’ un gruppo itinerante che in due anni si rivolgerà ai 41 Comuni della Città Metropolitana variegati sia per dimensioni che per identità. Ciascun Comune deve riflettere su come integrarsi nel processo metropolitano senza perdere la propria identità. Pianifica T. U. rappresenta una occasione per valorizzare le singole specificità dei Comuni metropolitani, è anche un format di ricerca aperto che riunisce le diverse figure professionali operanti sul territorio attraverso un programma di co-partecipazione basato sull’idea che lo sviluppo delle conoscenze e la condivisione delle stesse siano tra gli strumenti principali per assurgere pienamente ad uno sviluppo urbano sostenibile. Il progetto si concretizzerà con l’organizzazione dei contenuti in quaderni tematici  e con la pubblicazione on line sulla piattaforma web”.

“Il rapporto che dobbiamo avere con i luoghi - ha detto il sindaco Davide Carlucci - deve essere elastico, non rigido, con Cassano c’è un rapporto osmotico; ieri parlavamo di metterci insieme per gli interventi di Protezione Civile. Tutto ora va fatto in rete”. Nel suo intervento ha poi sottolineato che c’è grande interesse per le aree  periferiche “vorremmo fare Rigenerazione Urbana, […]questo paese è fatto di tanti vuoti abbandonati a partire dall’ex ospedale Miulli che da quasi dieci anni è morto e ci provoca problemi per la presenza di ratti. Vi dico i nostri desiderata, stiamo chiedendo con insistenza alla Regione di sostenere la cittadella della salute. Con Cassano e Santeramo abbiamo un futuro da scrivere  per il possibile polo della salute del benessere, stiamo lavorando anche sull’agroalimentare. Se ci darete dei contributi saranno ben  accetti”.

La parola è passato poi all’assessore all’urbanistica ing. Francesco Bruno che presentato due progettualità: documento strategico del Centro Storico e il documento programmatico di rigenerazione urbana, due strumenti di cui intendiamo dotarci sono sottesi da un percorso partecipativo che servirà a comprendere i bisogni e le esigenze degli abitanti dei singoli quartieri in relazione alla mancanza dei servizi, viabilità, gestione dei parcheggi e attività commerciali e artigianali. Il Dir. UTC arch. Cuffaro ha invece annunciato la pubblicazione sul sito istituzionale del bando di procedura aperta con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa per i Lavori di recupero del teatro comunale Luciani.

È seguito poi l’interessante contributo prof.ssa Maria Simone, Presidente del Club Unesco di Cassano, realtà da tempo impegnata in un significativo approfondimento scientifico e culturale delle tematiche affrontate oggi.

“Sono i cittadini e gli esperti, - ha dichiarato il vicesindaco Davide Del Re, in rappresentanza del Comune di Cassano - in occasioni come questa a proporre e produrre idee, programmi, piani e progetti. Pianifica T.U. è sinonimo di partecipazione. Una ulteriore occasione di confronto per trovare soluzioni e migliorare il nostro territorio. Una strada, quella della condivisione, che il nostro Comune su questi temi ha intrapreso con convinzione, a cominciare dall'adozione del DPRU, il documento programmatico per la riqualificazione urbana: una strada che percorremmo meglio e più speditamente grazie ai preziosi contributi offerti da questa giornata dedicata alla riflessione e alla conoscenza”.

E infine gli interventi dei professori Francesca Calace e Giacomo Martines del Politecnico di Bari, dipartimento ICAR della facoltà di Architettura del Politecnico di Bari e del professore Giandomenico Amendola, docente di Sociologia urbana presso l’Università di Firenze.

Ricordiamo che questo seminario di Acquaviva avrà un importante seguito il prossimo 6 novembre a Cassano, dove in un nuovo incontro si darà ancora voce alla realtà locale – fatta di professionisti, aggregazioni civiche e semplici cittadini – con la presentazione di visioni, idee e proposte legati al nostro territorio.

 

 

Commenti  

 
#13 u Gagg 2015-10-23 17:15
Concordo con GorgoglioPerpetuo. Uno schifo autentico questi qui. Votati da tutti noi (anche da me) per il cambiamento in meglio, protagonisti del peggio! Un vicesindaco radiato da Sel: avevamo visto giusto a prendere le distanze. Disastroso oltre ogni aspettativa insieme ad un sindaco incapace di mantenere l'impegno che ci ha dato in campagna elettorale.
Lionetti, eri tu o non eri tu durante la campagna elettorale nel Cinema Vittoria a dichiarare che la focaccia sarebbe stata distribuita GRATIS durante la Sagra?
Non dico di darla gratis, posso permettermi di comprarla, ma la beffa di dare i soldi ad un imprenditore del settore ricorda proprio lo stile di Berlusconi e la legge Gasparri. Vergognati! Mai più!
 
 
#12 GorgoglioPerpetuo 2015-10-23 09:31
x post n.11.
Vedo mediocrità sparsa a piene mani, in questa giunta. Non vi è un'anima, si naviga a vista. Persino i portavoce del Sindaco sono impiegati ed operai comunali che si lanciano in comunicati stampa scritti mentre bevono una peroni e mangiano pane e mortadella e guardano la partita.
Si fanno conferenze per supplire ad inconcludenze. Eppure le chiacchiere sono copiate da qualche altra parte. Mi chiedo cosa ne è persino di quanto proclamato nel famoso "programma di Massarosa 2009" clonato e spacciato per "Cassano 2014". Un disastro!
Se ci fanno rimpiangere persino Leporale, vuol dire che siamo proprio alla frutta. A questo punto torni chiunque, da Gentile alla Di Medio: vanno tutti bene, basta che questi se ne vadano.
 
 
#11 x gorgolgio perpetuo 2015-10-23 08:14
chiaramente anche gli altri assessori non sono da meno dal bilancio ai servizi sociali.
Oppure sei di parte ?
 
 
#10 x renzi 2015-10-23 08:13
oltre il ridicolo danno anche incarichi a spese nostre
 
 
#9 Pippo Calò 2015-10-23 07:27
Del Re, e degli swap che ci dici, con il tasso ai minimi storici, sotto lo zero, ci vuoi dire con un'altra conferenza quanto sta pagando il comune di cassano?

Per Redazione: vogliamo approfondire questo argomento? Grazie
 
 
#8 #svaporoni 2015-10-22 15:47
prima di pensare a nuove proposte di pianificazione del territorio
sarebbe meglio e bene stabilizzare l'esistente gia molto precario che abbiamo in questo paese; gia non riuscite a fare una pur una cosa sull'esistente ,partendo dal centro urbano fino alla periferia,alla zona pip,ai borghi .
questi sono seminari che servono solo a propagande di cui i cittadini,che sicuramente sono più avanti degli amministratori, hanno le scatole piene di chiacchiere vuote.
più che apparire ad ogni occasione ,cercate di adoperarvi per realizzare opere; francamente state annoiando anche chi vi ha votato .
 
 
#7 renzi 2015-10-22 14:50
Questi hanno capito che per fare politica, anzi per governare, servono solo chiacchiere e slogan.
Qualche promessa e il gioco è fatto.
Siamo una massa di pecorono, abbiamo un primo ministro che non lo ha votatoi nessuno, un presidente di regione che si fa la legge per il portaborse, un sindaco da ridere; cosa vogliamo di più dalla vita? Un lucano! Siamo al ridicolo. Prima Cassano 2020, adesso pianifica t.u., chissà cos'altro s'inventeranno per intrattenere l'elettorato. Sembra un film tra guardie e ladri.
 
 
#6 p3 2015-10-22 12:14
Gorgoglio… al tuo ennesimo nickname… sai una cosa curiosa?
Hai rievocato un fantasma che poi state sempre ad accusare di essere manovratore…
E questo la dice lunga su cosa vi manca veramente.
 
 
#5 scucciat 2015-10-22 08:32
In che mani è finanita la pianificazione.
Povr a nu!
 
 
#4 deluso 2015-10-22 07:04
Leporale, Sindaco subito.
Lionetti, adesso ho capito quando dicevi che bisognava partire da zero. Significava sterminare quello che di buono era rimasto.
A questo punto prova anche tu a partire da zero, dal parco dell'alta murgia. Ti servono al massimo 10 pecore.
 
 
#3 Cittadino di Cassano 2015-10-21 22:10
Concordo con Gorgoglio Perpetuo. Parola per parola.
 
 
#2 GorgoglioPerpetuo 2015-10-21 18:44
Quante chiacchiere! Quante chiacchiere pur di non fare nulla!

Assistiamo solo a presentazioni, slides, eventi, conferenze, parole, paroline, parolucce, programmi, idee, molte RUBATE o COPIATE da qualche altro Comune, ...

Poi scopriamo che, dopo averle copiate, le disattendono pure. La vicenda dello scempio delle chianche nel centro storico, della moria di lecci in villa, ... dimostrano l'assoluta inconsistenza dei Del Re, Maiullaro, Lionetti e "chi più ne ha più ne metti".

Ma fatemi il piacere! Abbiate la compiacenza di cancellarvi da soli dall'anagrafe della città e di sparire per sempre da qui: amministrazione disastrosa e deleteria.
Io rimpiango Leporale, Giorgio, Venezia e altri sindaci illuminati. Con tutti i loro difetti, ma erano delle vette (in termini di intelligenza e di capacità amministrativa) rispetto agli abissi in cui siamo finiti.
 
 
#1 vigilante 2015-10-21 18:28
Per del re iniziassero a togliere quegli ODIOSI DOSSI "rallentatori,che rovinano le auto e danno degli urti alla spina dorsale e alla cervicale dei conducenti!Quasi quasi vorrei provare a chiedere i danni subiti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI