Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Ecotassa: a Cassano fra le più basse in Puglia

ecotassa

Buone notizie per i contribuenti cassanesi: la Regione Puglia ha certificato che Cassano pagherà una ecotassa fra le più basse di Puglia: solo 5,17 euro per ogni tonnellata di rifiuto indifferenziato, quello conferito in discarica.

In tutta la Puglia sono solo 11 i Comuni che pagano così poco e in provincia di Bari solo Adelfia, oltre a Cassano, ha l’ecotassa così bassa.

Per gli irriducibili dell’indifferenziato, dunque, un altro tassello che dovrebbe demolire le proprie convinzioni ovvero che la raccolta differenziata dei rifiuti non serve a nulla perché non ha alcun riflesso sulla bolletta dei rifiuti.

Basterebbe, per questo, andare a guardare nella vicina Santeramo in Colle dove l’ecotassa 2015 costerà ad ogni famiglia e impresa 25,82 euro a tonnellata, cinque volte che a Cassano! Fra l’altro il Comune di Santeramo – dice la Regione nel suo Bollettino Ufficiale n. 134 del 15/10/2015 – pur avendo chiesto di accedere agli sgravi in virtù di alcune percentuali di raccolta differenziata raggiunta, ha presentato documentazione “non conforme” e dunque è stato bocciato dal Servizio “Ciclo rifiuti e bonifica” che l’ha costretto a pagare il massimo consentito dalla legge assieme ad altre decine di comuni pugliesi.

Va meglio, invece, per Acquaviva delle Fonti dove l’ecotassa costerà per quest’anno 7,50 euro a tonnellata, avendo migliorato sensibilmente la propria raccolta nel periodo indicato dalla legge.

"Il buon andamento della differenziata - scrive in una nota l'Assessore all'Ambiente Michele Maiullaro - ha consentito al nostro Comune di richiedere l’applicazione del minimo tabellare. Un buon andamento che sarà sicuramente aiutato anche dal nuovo tipo di raccolta effettuato nei borghi residenziali, fortemente voluto dall’amministrazione (avviato ad agosto, ha subito portato un innalzamento consistente della differenziata: 67,08% che, rispetto all’agosto precedente, significa un balzo in avanti di quasi il 14%).

Il risultato conseguito ha consentito al Comune di Cassano di ricevere una premialità economica, pari a circa 23.000 euro, da destinare ad acquisti per il miglioramento della differenziata. Indicazione che l’amministrazione ha fatto propria, indirizzando la spesa verso la predisposizione di appositi cassonetti per la differenziata nelle aree pubbliche, di “foto-trappola” per la “cattura” di eventuali atti di inciviltà perpetrati sul territorio ed altro.

Il Comune continua a puntare forte sulla differenziata, tanto che la sperimentazione avviata nei borghi proseguirà e nel contempo sono state predisposte una serie di iniziative, prima fra tutte quella nelle scuole organizzata con Ricreo e Comieco, che punta ad un radicale cambiamento dell’atteggiamento culturale verso la differenziata a partire dai più piccoli. A breve, poi, sarà realizzato un nuovo centro comunale per il riuso dei materiali, e si cercheranno soluzioni anche per risolvere l’annoso problema del centro storico, confidando anche in possibili prossimi bandi incentivanti della Regione Puglia (si sta pensando all’acquisto di un mezzo idoneo alla pulizia e sanificazione per eliminare i problemi generati da qualche incivile, da randagi e animali in genere, nonché quelli creati dalla massiccia presenza di colombi)".

 

 

Commenti  

 
#16 X bing 2015-10-24 09:04
La Di Medio fece una scelta, non era obbligata!
Vedi situazione del comune di Santeramo e Acquaviva. Le leggi ci sono dal 1997 con il Decreto Ronchi. E i comuni che cominciarono la raccolta differenziata all'epoca......fecero una scelta!
Grazie DI MEDIO.
 
 
#15 Fuante 2015-10-19 19:26
Sì...obbligata....dalla legge!!!! La stessa legge che a due anni e mezzo di distanza alcuni Comuni non ottemperano ancora (Santeramo, Acquaviva, ec. ecc.)....

A bing....svegliati, che qui non ci sono i tuoi +++MODERATO+++

E vedi di cambiare nickname che quello fra troppo ridere (ed è pure equivoco...)
 
 
#14 bing 2015-10-19 18:35
Ancora?
la Dimedio non fece una scleta: la Dimedio era OBBLIGATA a fare la svolta della differenziata. E' la LEGGE che lo impone.
Doveva farla per forza. Punto.
Io discuto il progetto, non mi piace il sistema di raccolta, non è affatto premiale e porta vantaggi solo a chi la raccolta la effettua..............
E mi ripeto: Cassano vecchia non è pulita, e fatti un giro su via Adelfia, su via Mellitto, via Grumo, via MErcadante, il Costone di BRuno e la panoramica, Via CArafa, la via vecchia di Acquaviva. 3 anni fa non erano così sporche. E circa le mafie ci siamo capiti benissimo, e finiamola di fare gli omertosi che fanno finta di non sapere.
 
 
#13 filpa 2015-10-19 15:54
bing
tu o fai finta di non capire o sei un attuale amministratore... se dico che cassano è più pulita è la verità. Se l' amministrazione Di Medio ha fatto una scelta politica che portasse dei benefici a livello sia economici sia di immagine del paese sia di igiene è da darne atto e ringraziarla. Se poi ci sono mafie, porci imbrattatori e monchi in grado di non poter fare la differenziata che colpa ne aveva??. il compito dei successori era quello ( tra l' altro sbandierato in campagna elettorale )di vigilare e migliorare. Pertanto se non è migliorato nulla allora bisogna solo ringraziare i cassanesi volenterosi che, anche se solo per inerzia, continuano a voler bene al proprio ambiente..a differenza forse degli attuali amministratori...saluti
 
 
#12 Rotto di p... 2015-10-19 11:17
È bell è bell è bell è bell...... Limone
 
 
#11 Ok 2015-10-19 09:35
Ok va bene, ma Maiullaro non si prenda tutti i meriti .....!!!
 
 
#10 bing 2015-10-18 09:27
Non si è mai vista Cassano così pulita?
Ah bene ok. Mi sembri la cameriera che nasconde la polvere sotto il tappeto.
Non vedi i cassonetti e dunque il paese ti sembra più pulito.
Eppure nel centro storico si raccolgono molte lamentele sulla pulizia, eppure nei pochi piccoli cestini di raccolta si vedono grosse buste dei rifiuti… e soprattutto appena esci dal paese le strade sono discariche a cielo aperto!!! Tu dove vivi!?!? Evidentemente fai finta di non capire. Ma non mi meraviglio.
Il problema non è solo a Cassano, il problema è generale e la causa è delle mafie che controllano la raccolta dei rifiuti ed il loro smaltimento.
A Cassano costa assai, la raccolta fa schifo ed è lacunosa e soprattutto ci sono centinaia di concittadini e centinaia di forestieri ai quali andrebbe fatta arrivare una sala multa con annessa pulizia del territorio per quanto sono incivili. Ma Cassano è uguale ad altri paesi. Stessi problemi.

PS: pensi che a Maiullaro freghi qualcosa della pulizia del paese? Ed a chi c’era prima? Tutto quell’amore per l’ambiente di facciata… poi tornati all’opposizione se ne fregano...
 
 
#9 filpa 2015-10-17 13:32
bing
o tu vivi in un altro mondo o sei prevenuto a prescindere...ma ti sei guardato un po in giro ??? non devi andare al nord basta che arrivi fino a Roma o guardi striscia la notizia e ti renderai conto di quali sono le altre realtà!!! e Cassano ha qualche differenza confronto ad altri paesi??
io preferirei anche pagare qualcosa in più e vedere il paese pulito..non si è mai vista Cassano cosi' pulita come è ora.. e se dici il contrario o sei un ipocrita o sei Maiullaro...
 
 
#8 bing 2015-10-17 11:30
No Brunelli, è lei che non mi segue.
Se l'ecotassa non esistesse comunque a Cassano pagheremmo tanto, il sistema costa troppo e funziona pure male.
Assurdi i costi di smaltimenti, assurdi i costi di vendita bassissimi del riciclato, assurdi i costi dei conferimenti in discarica. Ed assurdi i costi di raccolta. Ma, si sa, su questo evidentemente tutte le ditte del territorio qualche accordo di cartello probabilmente lo hanno. O non si spiega perchè più a nord si va e meno si paga... Per non parlare dell'estero.
 
 
#7 pinoo 2015-10-17 10:06
Non si parla più di controlli sulla raccolta differenziata. Da quando c'è il maiullaro il problema essere sparito nel nulla e all'improvviso. Cosa sta succedendo tra il comune e la ditta della raccolta?
All'improvviso sono spariti tutti i problemi che c'erano con la marazia? Non credo. C'è qualcosa di bruciato.
Sindaco, chi certifica la percentuale della raccolta differenziata? Sono possibili le babbuffe? Il vero mistero di questo appalto. Ma tutti i nodi vengono al pettine caro sindaco. Cassano come Gioia del Colle?
:oops:
 
 
#6 Maria G. 2015-10-17 08:25
L'introduzione del sistema porta-a-porta è dell'Amministrazione Di Medio. E' sempre stato lodato dal sindaco Lionetti, che più volte ne ha ribadito la bontà. Ma dai suoi amichetti di governo (vedi Del Re) è sempre stato avversato e criticato. Lode all'ex sindaco e a Briano, dunque. L'attuale amministrazione, come dice giustamente il sindaco Lionetti, deve migliorarla sempre più. Ma quel che è giusto, è giusto.
 
 
#5 bing 2015-10-17 07:37
interessante il quadro psichiatrico degli elettori della dimedio quando si parla di rifiuti: quando va male la colpa è di chi c'è adesso. quando va bene i frutti sono merito della dimedio. connettete gli emisferi del cervello che siete ridicoli............
ai più, compreso gb che firma l'articolo, sfugge che l'ecotassa incide pochissimo sulla totalità del costo della tassa che paghiamo (inciderebbe se la raccolta non fosse fatta affatto): un servizio onerosissimo che non ci premia affatto. questo si che è un frutto della dimedio. marcio però. che premia chi fa la raccolta e non chi differenzia.

Risponde G. Brunelli

Rilegga bene l'articolo e comprenderà che non solo non mi sfugge ma è proprio il succo dello stesso: laddove il sistema di raccolta non c'è, è carente o non è porta-a-porta (Santeramo, ad esempio), i cittadini e le imprese pagheranno molto di più. E' un dato indiscutibile che molti detrattori del sistema (ricorda le note di SEL di qualche anno fa? Le può trovare nel ns. archivio se no) non riconoscevano.
 
 
#4 gvill27 2015-10-17 07:02
Se la differenziata fosse stata pensata e fatta con intelligenza forse l'ecotassa non la pagavamo !!


La Redazione

L'ecotassa si paga COMUNQUE, anche in misura minima. Solo un sistema di "rifiuti-zero" potrebbe evitarla. Ma per arrivare a "rifiuti-zero" occorre passare, gradatamente, dal sistema porta-a-porta che conduce a percentuali sempre più alte di differenziata.
 
 
#3 filpa 2015-10-16 19:30
qualche frutto della amministrazione Di Medio la stiamo ancora raccogliendo...questi fra 4 anni ci lasceranno solo terra bruciata....grazie votanti di Lionetti....
 
 
#2 Solid 2015-10-16 14:08
Quindi l'ecotassa la pagheremo!
Non ci siamo riusciti ad evitarla.. poi si lamentano degli aumenti.
Anche questa tassa(eco) è solo colpa NOSTRA.
 
 
#1 rita d. 2015-10-16 12:42
Brava la dottoressa Di Medio, peccato che non è più Sindaco.
Ci siamo ridotti con un tizio che ormai riesce a parlare con gli uccelli e non più con le persone.
Che vergogna questo paese che è diventato.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI