Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Due compleanni centenari a "Villa dei Pini"

centenari villa dei pini piccola

Evento straordinario presso “Villa dei Pini” di Cassano, lo scorso 11 aprile.

Antonietta C. di Acquaviva delle Fonti e Francesco M. di Triggiano, ospiti della struttura, hanno festeggiato contemporaneamente il centenario della loro nascita. Grandi festeggiamenti e partecipazione da parte di tutti i familiari, gli ospiti e i dipendenti della struttura si sono tenuti per celebrare questo evento tra musica, canti, animazione e gran buffet.

Antonietta e Vincenzo hanno condotto una vita semplice e regolare scandita dai ritmi della campagna e affiancata da un’alimentazione altrettanto semplice secondo i canoni della dieta Mediterranea, dichiarata nel 2010 patrimonio immateriale dell’umanità dall’UNESCO.

Non è un caso se tale stile alimentare sia stato adottato dalla Villa dei Pini come base dell’alimentazione per gli ospiti della struttura - spiega il dott. Francesco De Santis, nutrizionista di Villa dei Pini – insieme alle cure e alle attenzioni di tutta l’equipe multidimensionale. Recenti studi, infatti, confermano che la dieta mediterranea non solo fa bene alla nostra salute, ma ha numerosi benefici anche per il nostro cervello, riducendo forme di demenza senile, ritardando l’invecchiamento e proteggendoci dall’Alzheimer’.

Festeggiando Antonietta e Francesco, pensiamo che la scienza non abbia tutti i torti! Tanti auguri!

 

 

Commenti  

 
#5 Mik 2015-09-19 16:07
Salve, per un progetto che stiamo realizzando, cerchiamo centenari triggianesi. Qualcuno può darci indicazioni su come rintracciare l'arzillo signore citato nell'articolo? Vi ringrazio anticipatamente.

LA REDAZIONE

Si rivolga alla casa d riposo.
 
 
#4 nipotina 2015-04-16 08:28
Grazie a tutto lo staff di Villa dei Pini per l'amorevole e faticoso lavoro svolto per accudire i nostri nonni.
 
 
#3 Red.ne x partipilu 2015-04-14 18:07
E cosa c'è di occulto?
 
 
#2 CINCIALLEGRA 2015-04-14 16:05
Non lasciamo che la vecchiaia diventi un'agonia, un tormento che ci accompagna fino alla morte... Gli standard odierni ci portano a svalutare le persone dopo un certo limite d'età. La bellezza ci impone canoni per i quali "belli" si deve abbinare con "giovani" e il mondo del lavoro accetta solo "giovani con esperienza preferibilmente dai 18 ai 25 anni". Apriamo gli occhi, gli attempati non sono qualcosa da sfruttare e poi scartare quando non ci servono più, tocca a noi valorizzare quelle persone che hanno dato i momenti migliori della loro vita per noi. Non escludiamoli dal mondo, approfittiamo della loro infinita saggezza e bontà finché possiamo, non dobbiamo permettere che i loro ultimi attimi su questo mondo siano macchiati di solitudine e sofferenza... chiamiamoli più spesso, andiamo a far loro visita, portiamoli "a spasso", ascoltiamo i consigli che ci danno... Dopo sarà troppo tardi...AUGURI.
 
 
#1 Partipilu .. 2015-04-14 15:12
pubblicità occulta. congratulazioni redazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI