Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Ciclovie di Giano, si attende la Regione

ciclovia

Essere parte integrante del Parco Nazionale dell’Alta Murgia ci permette di godere di un paesaggio tutto da esplorare e da ammirare, meglio ancora se tale paesaggio è supportato da percorsi attrezzati e organizzati per poter meglio conoscerlo e apprezzarlo.  

Il comune di Cassano delle Murge ha partecipato al bando pubblico indetto dalla Regione Puglia per finanziare progetti e interventi per la rete ecologica attraverso lo sviluppo di percorsi di fruizione del territorio naturale come la realizzazione di ciclovie e di percorsi escursionistici.  I due progetti ideati, approvati e finanziati dalla regione Puglia, prevedono la realizzazione di due reti escursionistiche comunali volte a “valorizzare le risorse e le peculiarità che contraddistinguono il territorio”.

Una rete di percorsi verrà nominata “Ciclovie di Giano” e comprenderà, oltre l’area del nostro paese, anche i comuni di Santeramo in Colle, Altamura e Acquaviva delle fonti, mentre la seconda rete escursionistica sarà quella dei “Sentieri di Giano” quasi interamente circoscritta al nostro comune e in minima parte in quello di Santeramo.

I due progetti saranno gestiti e affidati all’impresa Costruzioni Toscano di Bitonto e al R.T.I. di Pichichero Pasquale di Cassano.

Nelle settimane scorse, poi, è stato approvato un unico piano di comunicazione relativo ai due progetti.  Dunque, i cosiddetti lavori saranno incentrati su di un ampio progetto che mira all’organizzazione e alla gestione di tali percorsi attraverso un’operazione che comprenderà la realizzazione di loghi, di tavole per pannelli d’insieme, di un decalogo dell’escursionista e del cicloturista, di tabelle didattiche, di segnaletica direzionale, di mappe e totem, di didascalie in braille comprese di traduzioni in lingua inglese e tedesca, di immagini fotografiche per la segnaletica e infine di un sito web e di una pagina dedicata al turismo ecosostenibile.

Inoltre, essendoci la disponibilità di fondi residui nel suddetto PO FERS 2007/2013 della Regione Puglia e, considerato che sul territorio di Cassano sono state già realizzate  reti di ciclovie le quali necessitano di essere collegate fra loro per una migliore fruizione delle stesse, il comune ha redatto la realizzazione di un ulteriore progetto per la realizzazione di una ciclovia denominata “Macchia degli zingari”. Il progetto stilato ha un importo di 450.000,00 euro e, in caso di approvazione e di ammissione al finanziamento, verrà inserito nel piano triennale delle opere pubbliche.

L’obiettivo di valorizzare il nostro territorio è sicuramente opera nobile, ed è e sarà fondamentale anche e, soprattutto, il rispetto e la cura nei confronti di esso da parte dei cittadini e dei turisti in modo che tutti possano godere delle bellezze naturali.

 

Commenti  

 
#11 Chiarezza 2014-03-10 14:35
Nessuna risposta...avranno di meglio da fare questi politici.
 
 
#10 volavola 2014-03-07 18:27
A commento n. 9 La fantasia le manca l'unico vero volavola sono io comunque concordo con la sua opinione. Un saluto.
 
 
#9 volavolavola 2014-03-07 15:30
solo appalti , mai manutenzione !
 
 
#8 Chiarezza 2014-03-07 09:57
Progetto "Ciclovie di Giano". Importo totale del progetto € 401.000 di cui 1000 € da fondo di Bilancio comunale e i restanti cofinanziati FESR.
Importo dei lavori da contratto : € 179.625 Inizio Lavori 20 Febbraio 2012 - Fine lavori : 19 GIUGNO 2012.
Qualcuno della comunità ha mai adoperato quella struttura? Sono stati spesi questi soldi pubblici per quale scopo? Immagino per valorizzare e recuperare
un area da utilizzare a diverse attività. Quell'area ormai non è piu utilizzabile e sono stati spesi un bel po di soldini, soldi che noi cittadini
paghiamo con le tasse! Nessuna persona al mondo avrebbe speso una tale cifra per realizzare un bene e poi abbandonarlo. Anzi no, forse una: la pubblica amministrazione!
L'estate scorsa, se non ricordo male, un cittadino ha cercato di realizzare un concerto in quell'area ma la manifestazione non gli è stata autorizzata
per questioni di sicurezza. Giustamente cade a pezzi! Quindi prima di promuovere, pubblicizzare, fare campagna elettorale su nuove attività i nostri "politici" facessero chiarezza sul perchè quell'area
è in quelle condizioni e come sarà gestita nei prossimi mesi (non anni) oppure aspettiamo che qualcuno si porti via anche la nuova casetta in legno ancora (per poco) in ottime condizioni!
 
 
#7 Michele Bisaccia 2014-03-06 15:05
Mi scusi, nell'articolo c'è scritto "Il comune di Cassano delle Murge ha partecipato al bando pubblico"... "I due progetti ideati, approvati e finanziati dalla regione Puglia". Se il comune ha aderito ad un progetto avrà, presumibilmente,la qualità di semplice aderente/partner/capofila. Se la regione ha ideato,approvato,finanziato il progetto la mia domanda risulta essere legittima.
 
 
#6 La Redazione x Chiarezza 2014-03-04 18:21
Si attende che la Regione Puglia approvi il Piano di Comunicazione congiunto per i due progetti: senza tale approvazione, il Piano non può essere appaltato e realizzato a completamento della rete (cfr. Determinazione del Comune di Cassano delle Murge n. 1117 del 14/11/2013)
 
 
#5 La Redazione x Bisaccia 2014-03-04 18:17
Dove lo legge che ci sono "enti capofila"?
 
 
#4 attento osservatore 2014-03-04 15:57
in continuazione del commento n.3: i prossimi eventuali fondi serviranno a far guadagnare un po' di soldini a qualche tecnico che era presente anche nella precedente amministrazione e qualche ditta possibilmente non di cassano ( forse cosi è più semplice fare il giroconto con gli sponsor). poi tutto abbandonato per una successiva " riqualificazione"!!! e io pagoooo!!!!
 
 
#3 Chiarezza 2014-03-04 14:43
La domanda sorge spontanea: si attende la regione per cosa???? Ma stiamo scherzando? L'area della vecchia cava su viale della Repubblica in quale progetto rientrava? Basta leggere il cartello affisso: "Ciclovie di Giano". Allora di cosa stiamo parlando? Quell'area è stata realizzata ed abbandonata: muretti che cadono a pezzi, impianto di illuminazione completamento rimosso. Per utilizzarla e quindi renderla nuovamente agibile aspettiamo la Regione? I prossimi fondi a cosa servibbero? A realizzare delle strisce pedonali? A mettere dei cartelli "PISTA CICLABILE"? Bel modo di valorizzare il territorio. Un pò di serietà!Si faccia chiarezza su quell'area e che venga REALMENTE utilizzata e non abbandonata al degrado!
 
 
#2 Onestà 2014-03-03 15:00
Mi domando come mai prima delle campagne elettorali vengono fuori i progetti, dopo le polemiche sui vecchi e poi soli silenzi e null'altro..basta
 
 
#1 Michele Bisaccia 2014-03-03 14:45
X l'autore: Perdoni la domanda, ma chi sarebbero gli enti capofila dei progetti?
grazie. cordialmente
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI