Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Sostegno agli affitti per 96 famiglie cassanesi

casa sequestrata via Madonna delle Grazie picnik

 

Sono 96 le famiglie cassanesi, su 104 richiedenti, che riceveranno un sostegno per l’affitto dell’abitazione dalla Regione Puglia per il tramite del Comune di Cassano delle Murge.

La graduatoria degli aventi diritto, infatti, è stata approvata dal Settore Servizi Sociali e si compone di due segmenti: la fascia “A” comprende 77 soggetti con redditi familiari sino a 12.506 euro; la fascia “B” ne comprende 19, con redditi fino a 14mila euro.

Complessivamente, la somma a disposizione per queste 96 famiglie è di poco meno di 23mila euro (22.442 per l’esattezza): oltre 9mila e 500 euro in meno rispetto all’anno scorso, quando furono stanziati 31.809 euro.

Nessun contributo, invece, per i restanti otto richiedenti: tre per aver richiesto in sede di dichiarazioni dei redditi per l'anno 2012 la detrazione delle somme d'imposta prevista per gli affittuari di immobili; una richiesta è stata presentata con reddito da lavoratore autonomo senza i requisiti previsti dal Bando; una istanza era  di cittadino non appartenente all'Unione Europea e senza la residenza nel Comune di Cassano e infine tre richieste sono state presentate con limite di reddito superiore ad € 14.000,00 euro.

 

 

Commenti  

 
#7 obiettivo 2014-02-20 23:25
Alcuni si prendono i contributi comunali e poi se li giocano alle macchinette.
 
 
#6 volavola 2014-02-20 10:14
Per commento n°2,anche se a caratteri maiuscoli, La prego di cambiare nickname onde evitare spiacevoli malintesi.La ringrazio di cuore.Concordo con l'opinione espressa, aggiungei che oziano anche nei bar spendendo parecchio alle slot-machine e gratta e vinci.Un saluto.
 
 
#5 Resa 2014-02-19 22:15
Fate i nomi denunciate altrimenti state zitti.
 
 
#4 rosamaria 2014-02-19 21:29
per non parlare delle case popolari,che vengono date ai forestieri prima dei cassanesi.anche davanti a quelle case vi sono macchine di lusso..........in passato le hanno date a cani e porci,bastava conoscere qualcuno al posto giusto e la cosa era fatta. ad oggi ,conosco una famiglia,veramente povera,con sei figli a carico e monoreddito,alla quale le viene puntualmente respinta la domanda. e garantisco che si tratta di un grande lavoratore che non ha neanche una macchina che ospiti tutta la sua famiglia.insomma la povertà sincera!
 
 
#3 eccoecco 2014-02-19 15:34
Si, avete ragione, ci sono pochi che sostengono i servizi pubblici, come l'aiuto alle famiglie, la scuola, la sanità, ecc. e puntualmente questi pochi sono quelli più penalizzati dal "servizio pubblico"!
 
 
#2 VOLAVOLA 2014-02-19 10:51
CONCORDO CON ROSA MARIA.
NOI CHE CI ALZIAMO ALLE 6 DEL MATTINO PER ANDARE A LAVORARE E ARRIVIAMO A STENTO A FINE MESE, INVECE LORO STANNO TUTTO IL GIORNO A CHIACCHIERARE AL PARCO GIOCHI. LO STATO AIUTA SOLTANTO I FURBETTI.
 
 
#1 rosa maria 2014-02-19 08:22
siamo alle solite. siamo sicuri che sono redditi reali?c'è gente che non dichiara neanche la metà di quello che guadagna o addirittura si spaccia per inoccupata,poi li vedi in giro con macchine di un certo calibro e abiti firmati.e noi ai voglia a lavorare per loro!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI