Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Amianto, accordo Comune-Teorema per spiegarne i danni

amianto

Una campagna di sensibilizzazione contro i danni da amianto. Il Comune lancia un progetto che mira ad informare e formare gli operatori agricoli, le imprese edili e i professionisti, nonché i cittadini sul pericolo della fibra cancerogena.

Lo farà attraverso giornate di studio con esperti in materia per illustrare i rischi per la salute, ma anche le responsabilità per l’illecito smaltimento e la corretta gestione della rimozione di amianto.

L'Amministrazione - spiega una nota dell'Ufficio Stampa del Comune - ha firmato un protocollo d'intesa con la Teorema Spa di Acquaviva delle Fonti (azienda leader nelle attività di bonifica di amianto e che ha operato nei Siti di Interesse Nazionale “SIN”) la quale, senza alcun onere per l'ente, effettuerà una campagna di sensibilizzazione, mediante giornate di studio e comunicazione pubblica, al fine di educare i cittadini sui rischi che comporta l’esposizione all'amianto.

“La salute dei nostri cittadini - spiega il sindaco Maria Pia Di Medio - è una priorità e l’iniziativa che stiamo per avviare si basa sulla responsabilità delle coscienze e siamo tutti chiamati ad un gesto di responsabilità: quello, appunto, di tutelare la nostra salute attraverso un coretto smaltimento dell’amianto considerato che le fibre, se inalate, possono provocare il mesotelioma polmonare”.
“Dopo aver raggiunto importanti risultati sulla raccolta differenziata - aggiunge Carmelo Briano, assessore all'Ecologia - adesso ci accingiamo ad avviare un progetto sperimentale sulla sicurezza ambientale. L’altra nostra priorità, dunque, è informare ed educare le nuove generazioni”.

“Abbiamo scelto - afferma Gianni Milano, direttore tecnico della Teorema Spa - di affiancare l’Amministrazione comunale poiché noi crediamo nella coesione tra pubblico e privato e l’esperienza intrapresa rappresenta, appunto, un primo passo per un progetto in cui tutti siamo coinvolti a promuovere una nuova cultura della legalità ambientale”.

 

Nella foto d'archivio, le lastre di amianto ritrovate un paio di anni fa nei pressi della vecchia fornace, poi ricoperti e in seguito rimossi.

 

Commenti  

 
#5 marianorumor 2014-02-12 21:11
ma a cosa servono le giornate di studio , lo sanno tutti che l'amianto fa male , toglietelo e basta senza tante chiacchiere .
 
 
#4 Che ridere 2014-02-12 13:34
Il paese è pieno di tetti ricoperti di amianto specie nel centro storico per non parlare di amianto abbandonato nelle campagne da gente che pensa di essere più furba tutti.
Nessuno si muove il comune dovrebbe fare un censimento di tutti i casi di amianto e far provvedere al corretto smaltimento.
E stiamoci!!!! Cosa dobbiamo aspettare che crollino i tetti?????????
 
 
#3 Preoccupata 2014-02-12 13:07
Con quale criterio è stata scelta la società TEorema?il solito criterio?avete stancato..il mio vicino ha un tetto ricoperto d'amianto lo comunico agli enti competenti...niente di fatto,poiché non presenta lesioni evidenti lo devo solo monitorare...GRAZIE
 
 
#2 che ridere 2014-02-06 18:59
perchè l'iniziativa proprio con la Teorema? anche a Cassano ci sono ditte che si occupano di bonifica amianto...è proprio vero i proverbi non sbagliano mai:"l'erba del vicino è sempre più buona" :D
 
 
#1 si però 2014-02-06 13:27
ok buonissima iniziativa,ma non venite a dire che tenete alla salute dei cittadini xchè voi enti pubblici la salute ce l avete rovinata...in paese ad esempio strade e marciapiedi sono pericolosamente in decadimento...passo stato,xchè introita soldi da medinali che costano ben più che in altre nazioni...e poi xchè smaltire l amianto é così costoso?trattasi di rifiuto speciale ma quanti a livello di amministrazioni pubbliche ci lucrano su indebitamente?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI