Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Progetto "Lame": l'ex Genio Civile chiede di eliminare il Vascone n.1

Il luogo dove dovrebbe sorgere il vascone

Non è una bocciatura ma ci manca poco: e questa volta messa nero su bianco.

Il Servizio Lavori Pubblici della Regione Puglia (l’ex Genio Civile) ha scritto nei giorni scorsi al Comune di Cassano delle Murge una lettera (che abbiamo avuto modo di leggere) esprimendo il proprio parere sul Progetto “Lame”, il contestato sistema di protezione idraulica dell’abitato che l’Amministrazione Di Medio vorrebbe realizzare su progetto della società nocese “Advenco” e di cui nei prossimi giorni si occuperà il Tribunale Amministrativo Regionale dopo il ricorso di 21 cittadini.

C’è il via libera al progetto, insomma, però condizionato. E sono condizioni di non poco conto.

La Direttrice del Servizio, l'ingegnere Lucia Di Lauro, ha chiesto al Comune di eliminare dal Progetto la realizzazione del vascone n. 1 nonché di rivedere il canale sfioratore (a valle, alle porte della zona industriale) che andrebbe, invece, sostituito con altra soluzione nonché la messa in sicurezza del Canalone che presenta un vero pericolo nella parte iniziale a causa delle carenze strutturali dovute alla mancanza di manutenzione e al trascorrere degli anni.

Già nei mesi scorsi, quando la polemica sul Progetto cominciò a divampare, contrapponendo il Comitato Cittadino “Lamafutura” all’amministrazione comunale, l’ex Genio Civile aveva sollevato numerose perplessità sulle scelte progettuali dell’Advenco (“La presenza dei due bacini implica per la loro natura l'introduzione di livelli di pericolosità idraulica e di rischio ad esso associato. Il che rende artificiosa la soluzione prospettata, che da un lato mira a ridurre la pericolosità e dall'altro adotta una soluzione che di per sé implica l'introduzione di altri livelli di pericolosità idraulicascriveva,  fra l’altro, in una relazione la Di Lauro).

Mai prima d’ora, però, la responsabile dell'ufficio regionale si era spinta a discutere nel merito il progetto “Lame” ridimensionandone la portata e l’impatto e – a questo punto – la realizzazione stessa: porre quelle condizioni, infatti, potrebbe significare rifare per intero il Progetto, oramai scardinato in alcuni suoi punti essenziali. Una prospettiva che metterebbe a rischio il finanziamento di 4 milioni di euro a cui l’amministrazione cassanese non vuole rinunciare.

D’altra parte, è la stessa Dirigente del Servizio che nella lettera fa capire senza mezzi termini che proprio perché il finanziamento potrebbe andare perso, si concede il nulla osta ma alle condizioni prima indicate. Come dire: se non ci fossero di mezzo quei soldi, il parere positivo dell’ex Genio Civile non sarebbe arrivato.

Dal Comune, per il momento, non c’è alcuna presa di posizione ufficiale né alcun commento sulla lettera.

A denti stretti, però,  c’è chi fa notare che l’ex Genio Civile non ha competenza nell’esprimere pareri su opere di questo genere poiché l’unico organo competente è l’Autorità di Bacino che sul Progetto “Lame” si è già espressa chiedendo integrazioni e fornendo osservazioni, puntualmente recepite dai progettisti e puntualmente fornite al termine di un iter che ha visto l’Autorità concedere il nulla-osta all’opera, l’unico dovuto per legge.

Il “Servizio Lavori Pubblici della Regione Puglia”, invece, deve semplicemente prendere atto dell’avvenuto iter a inizio lavori, così come ha fatto per altre opere di questo genere realizzate in altri paesi del circondario e per le quali non è entrato nel merito della progettazione.

Perché, allora, se davvero non è di sua competenza, il Servizio si spinge a scrivere una lettera di quel tenore al Comune, che potrebbe costituire la pietra tombale dell’intero disegno per la protezione idraulica dell’abitato, per come è stato concepito?

Perché entra nel merito del Progetto?

Perché non si attiene a quanto prevede la legislazione in materia ovvero “prendendo atto” del parere positivo espresso dall’Autorità di Bacino?

E perchè parla di "messa in sicurezza" del Canalone ben sapendo che essendo di sua proprietà, dovrebbe essere proprio l'Ufficio Regionale a provvedervi, anche perchè i fondi del Progetto "Lame" non possono essere impiegati per la messa in sicurezza del Canalone?

Al momento non ci sono risposte a questi interrogativi.

Altro fatto importante, però, è che dopo quella lettera c’è stata la convocazione da parte dell’Autorità di Bacino proprio della Di Lauro e dell’Ufficio Tecnico Comunale di Cassano in una riunione al termine della quale l'Autorità e la dirigente dell’ex Genio hanno deciso di rivedere il progetto – a cui, lo ricordiamo, l’Autorità stessa ha dato il suo benestare – anche alla luce delle perplessità sopravvenute.

Intanto, il Tar potrebbe fissare al prossimo 18 dicembre l’udienza per discutere il ricorso dei 21 cittadini cassanesi che si oppongono a come il Progetto "Lame" è stato concepito.

 

Commenti  

 
#9 fmarco tass 2013-12-12 22:03
Basta non vi possiamo sopportiamo re piu . andate ad aiutare i forconi qui va tutto a rotoli
 
 
#8 G.C.C. 2013-12-12 10:34
Porgetto ????
 
 
#7 beta 2013-12-12 09:18
bravissimo PH ACIDO......non cresceremo maiiiiiiiiiii......
 
 
#6 Falco Neumanni 2013-12-11 23:01
Se l'ing.Di Lauro ha mosso quegli appunti, nel confronto del progetto penso che ne abbia i suoi buoni motivi.
Vi invito a visionare il Curriculum vitae al seguente link pubblico http://www.regione.puglia.it/index.php?page=struttura&opz=downfile&dp_id=1051&st_id=466

Io nel mio piccolo mi fido di più di un ingegnere civile come la Dott. Di lauro che di DUE ingegneri CONFORTI di cui uno nucleare. ;-)
 
 
#5 Strega 2013-12-11 20:36
Sarai "bene informato" ma mi sa che hai sbagliato leggi!!!!
 
 
#4 bene informato 2013-12-11 17:51
L'ex Genio Civile è l'unico Ente competente per autorizzare opere idrauliche del tipo di quelle che si vogliono realizzare - vedi D.lgs.112/98 e Legge regionale 13/2001. L'autorità di Bacino ha competenza solo per quello che riguarda la compatibilità al PAI delle opere a farsi. Esattamente il contrariodi quanto affermato nell'articolo.
 
 
#3 bene informato 2013-12-11 17:37
Le autorizzazioni per le opere idrauliche sono di competenza,in via esclusiva, dell'ex Genio Civile - vedi D.Lgs. 112/98 e legge regionale n.13/2001.
L'autorità di Bacino deve solo verificare la compatibilità al PAI delle opere idrauliche da eseguire. E' esattamente il contrario di quanto riportato nell'articolo.
 
 
#2 PH ACIDO 2013-12-10 23:24
Che casino !!!! Come la circonvallazione perderemo soldi e miglioramenti
 
 
#1 cittadino 2013-12-10 21:47
ma perchè prima di lanciarti in commenti errati non ti documenti prima?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI