Dortmund alla scoperta di Cassano e del cece nero

tedeschi 1

A Dortmund, da oggi, ci sarà sicuramente qualcuno che parlerà entusiasticamente della Puglia e anche di Cassano delle Murge.

Ieri, infatti, nel tardo pomeriggio, un gruppo di diciotto tedeschi, armati di macchine fotografiche e accolti dal vicesindaco Michele Ruggiero e dall’assessore alle politiche europee Pasquale Di Canosa, ha potuto passeggiare per le viuzze del nostro centro storico e visitare alcune delle piccole ma preziose bellezze del nostro paese, come il Palazzo Miani Perotti e la chiesa del Crocifisso.

Non si è trattato di semplici turisti, ma di appassionati membri di una scuola nella quale, non solo si studia la lingua italiana, ma anche e soprattutto la storia, la letteratura, la cultura, la gastronomia, gli usi e costumi del Belpaese.

A fare da anello di congiunzione tra la Germania e la Puglia, è stato Domenico Cafarchia, il quale si occupa di consulenza per l’internazionalizzazione di impresa, specificatamente nel settore Food e wine ed esperto nel campo dell’export.

“L’obiettivo è quello di far conoscere quanto più è possibile la biodiversità del nostro territorio – ci spiega Cafarchia – da noi non si fa semplice turismo ma si fa esperienza, che è poi il vero modo di conoscere a fondo ciò che si visita; solo in questo modo si riescono a stabilire le differenze tra un posto e l’altro e i turisti riescono ad apprezzare le caratteristiche e le identità dei luoghi che visitano”.

Cassano delle Murge è stata l’ultima tappa di un viaggio  iniziato sabato scorso e che ha condotto il gruppo tra Gioia del Colle, Altamura, Acquaviva, Bitonto, Bari, Barletta, Polignano, Monopoli, Mesagne e Matera. Una settimana alla scoperta non solo dei luoghi e della storia ma anche un viaggio nel vivo delle tradizioni, in particolar modo di quelle eno-gastronomiche.

“Die sprachenschule in Kreuzviertel” è il nome di questa scuola e significa letteralmente: “scuola di lingue del quartiere della croce”, come ci ha spiegato la direttrice e docente Lara Baier, di origini per metà italiane, interprete, giurista e traduttrice. “La scuola è stata fondata nove anni fa e tra le varie lingue si studia anche l’italiano, abbiamo ben 16 corsi di italiano e un generale e grandissimo interesse per l’Italia. Amo specialmente il sud – ci racconta – e per me è molto importante poter far conoscere tutti gli aspetti di un Paese, non solo la lingua, e il modo migliore per conoscere è visitare i luoghi che si studiano, anche per poter capire quali sono le differenze con la nostra città e la nostra cultura”.

Gli studenti di questa scuola privata ricoprono tutte le fasce d’età e frequentare i corsi, per loro è una “semplice e pura passione”, come ci racconta una signora innamorata della lingua e della cultura italiana.

La Direttrice della Biblioteca Comunale, Maria Livrieri ha presentato la storia del Palazzo Miani-Perotti, conducendoli nelle sale della Biblioteca e della Pinacoteca, spiegando poi i pannelli sulla grotta Nisco e parlando delle bellezze del Parco nazionale dell’Alta Murgia.

tedeschi 2

In seguito, la prof.ssa Angiulo dell’associazione “Centro storico” ha accompagnato i turisti a visitare la Chiesa Madre, la chiesetta del Crocifisso e alcuni dei più antichi pozzi del centro storico.

Come suddetto, i viaggi organizzati dalla scuola prevedono soprattutto un’immersione tra le specialità gastronomiche del territorio e infatti alcuni dei turisti ci hanno parlato calorosamente delle esperienze fatte lungo tutta la settimana: dalla produzione della pasta, al calzone di cipolla di Acquaviva, visitando cantine, caseifici e osservando la produzione dell’olio. Di sicuro, sono tornati a casa con la pancia piena e soddisfatta.

tedeschi 4

E per non essere da meno, Cassano, in questa occasione, ha voluto far conoscere il cece nero.

“Stiamo lavorando per realizzare l’obiettivo di esportare all’estero il cece nero, in modo tale da accrescere anche la commercializzazione e aiutare i nostri produttori e soprattutto far conoscere ai turisti, dietro questo povero seme, la nostra Cassano e il nostro territorio”, ha spiegato l’assessore Di Canosa.

tedeschi 3

E infatti, la serata si è conclusa con la degustazione, presso il ristorante “Grillaio di passo” del cece nero e dei prodotti gastronomici locali curata dall'associazione cassanese "Ferventazione".

Il cece nero è dunque giunto sulle tavole di Dortmund e tra i ricordi e le foto di questi appassionati turisti ora figura anche Cassano delle Murge.

1381287 481506385281583 2028334522 n


1391623 481505668614988 269071573 n