Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/il_parco_dei_briganti_2.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/il_parco_dei_briganti_2.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

Inaugurato "Il Parco dei Briganti", dove l'avventura sposa la natura

parco dei briganti grande

Si chiama “Il Parco dei Briganti” ed è il primo parco-avventura di Cassano, inaugurato ieri pomeriggio presso il Bosco di Mesola, tra Cassano e Santeramo in Colle.

Nel nome si richiama la presunta presenza in quei boschi, durante l’annessione al Piemonte del Sud Italia, di “briganti” che si ribellavano all’esercito sabaudo nonché alla uccisione, poco distante, in contrada "Pantalone", del bandito Servodio da parte dei carabinieri, ma Servodio nulla c’entrava con il brigantismo essendo lo stesso solo un comune criminale.

Alla cerimonia assieme ai due ideatori dell’iniziativa, Vito Lopane e Antonio Pietroforte, soci della “Naturende snc”, anche il sindaco di Cassano, Maria Pia Di Medio e l’assessore all’agricoltura e sport del Comune di Santeramo, Gianni Sportelli.

La Di Medio, in particolare ha ringraziato Vito e Antonio per la tenacia con cui hanno mantenuto fede al progetto, ricordando che la loro proposta fu la prima ad essere presentata appena insediata al Comune di Cassano, quattro anni fa e rispondeva “perfettamente al nostro fine: fare di Cassano una meta turistico-ambientale” sotto tutti i punti di vista.

il parco dei briganti 2

I due soci hanno ringraziato autorità, enti, ditte e tutti coloro che in questi tre anni di gestazione e progettazione hanno contribuito al non facile compito di portare sul territorio cassanese una vera e propria novità, almeno per le dimensioni e lo spirito che il Parco sottende: non un luogo dove ci si può solo divertire e stare all’aria aperta ma dove si può imparare, interagire con la natura, viverla in un modo del tutto diverso.

Dopo la benedizione di rito, è stata scoperta l’insegna col nome e il totem con la mascotte (il cui nome sarà deciso in seguito, con un Concorso che coinvolgerà le scuole del territorio) quindi è stata la volta del percorso per ipovedenti – inserito nel più ampio progetto “I sentieri di Giano” - il cui nastro è stato tagliato dal nostro concittadino Giuseppe Contursi che visibilmente emozionato ha dato il via al percorso che permetterà anche ai ciechi e in tutta autonomia di esplorare e vivere il Parco avventura.

 

parco avventura 4

Che si compone di diversi “itinerari” per piccoli e grandi, suddivisi per difficoltà nonché di aree pic-nic, mtb, trekking e nordic-walking, softair e più in là anche percorsi a cavallo. Ad assistere ospiti e visitatori quattro giovani esperti e formati allo scopo.

Il Parco sarà aperto ogni giorno, fino a fine settembre. Per informazioni è possibile chiamare il 3206234075 oppure scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o visitare il sito www.parcodeibriganti.it

parco avventura 3

 

Commenti  

 
#7 nino dimattia 2013-09-25 14:17
un grande in bocca al lupo la tua nuova attività.......bravo continua cosi'....presto verremo a trovarti....
 
 
#6 ORCHIDEA SELVAGGIA 2013-08-30 18:11
x REDAZIONE
Ribadisco (non x presunzione)che i miei commenti non erano nè denigratori,nè offensivi,nè caluniosi...anche altri lettori(es.Volavola) hanno espresso il loro pensiero più o meno simile al mio e l'avete pubblicato e,cmq il mio non è un gioco al ribasso,tanto meno i miei commenti non sono stati scritti x "avere la redazione dalla mia parte"si denota(anche se lo negate,che voi siete dall'altra parte,quando poi.. essendo "un giornale" sia pure virtuale dovreste essere neutrali.GRAZIE!!!!!!!
 
 
#5 Red.ne x ORCHIDEA 2013-08-29 09:47
Se lei pensa che i suoi commenti non pubblicati NON siano denigratori e/o offensivi, deve avere un ben strano concetto di quel che è la calunnia, le critiche gratuite e non fondate, ecc. ecc. Ma in questo gioco al ribasso - amici o non amici - questo giornale non farà la sua parte.
 
 
#4 ORCHIDEA SELVAGGIA 2013-08-29 09:04
x REDAZIONE
mi piacerebbe conoscere il motivo x il quale avete pubblicato altri miei commenti inerenti ad altri articoli ed i commenti inerenti al "Parco dei briganti"NO....forse xkè voi siete di parte(come dicono altri lettori)?..erano da censura(non mi sembrano)?....oppure sono vs amici e volete scrivere solo commenti che li elogiano?....GRAZIE
 
 
#3 Cittadino cassanese 2013-08-27 16:56
Bravissimi! Complimenti! Mi riprometto di venirci quanto prima.
So che non c'entra molto, ma non sarebbe ora di pensare anche a qualche semplice parco giochi per i nostri figli: DECENTE, SICURO, attrezzato e nel paese! Grazie!
 
 
#2 T&G 2013-08-27 10:37
Grande Vito,Grande Antonio finalmente un sano rispetto della natura, non so come il bosco si presentava prima, ma ora sicuramente MERITA la nostra attenzione.Spero tanto che non "calano" i "baresi" a rovinare tutto.
 
 
#1 Pino Campanale 2013-08-26 09:05
I più sinceri auguri agli amici Vito e Antonio per la completa realizzazione di questo loro fantastico sogno! In bocca al lupo!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI